Excite

23 settembre 2011, primo outing di massa. I nomi dei politici gay, ma omofobi

  • listaouting.wordpress.com

Segnatevi questa data: 23 settembre 2011. Quel giorno, infatti, sul web ci sarà il primo outing di massa 'contro l'ipocrisia'. Ovvero, verranno fatti i nomi dei politici gay, ma omofobi. Promotore dell'iniziativa è Aurelio Mancuso, presidente di 'Equality Italia'.

A quanto pare i primi nomi ad essere resi noti saranno dieci e tra questi figurano anche dei ministri in carica. La lista definitiva supera le cento persone. Ma ci sono anche nomi di persone della televisione e preti. Mancuso ha deciso di lanciare questo outing di massa all'indomani della bocciatura della legge sull'omofobia. A realizzare nella pratica l'operazione un gruppo di attivisti anonimi, non solo omosessuali, esperti di informatica. Nelle settimane scorse il gruppo ha contattato Mancuso dichiarandosi disponibile a diffondere le informazioni sulla Rete e sfidare le conseguenze legali dell'azione.

Così il 23 settembre, nelle prime ore della mattina, alcuni giornalisti riceveranno un'e-mail contenente i primi dieci nominativi. Come si legge sul quotidiano La Repubblica, Mancuso ha spiegato: 'Quando venne bocciata la legge sull'omofobia mi sono davvero arrabbiato e ho pensato di fare una cosa che all'estero avviene spesso, cioè far arrivare ai giornali tramite il web i nominativi di politici non dichiarati'. E ha precisato: 'Ora non seguo più l'operazione in prima persona e sono grato a questo gruppo di aver preso il testimone di questa iniziativa, sicuramente non facile'.

Presentando l'iniziativa Mancuso ha detto: 'Attuare l'outing non è una vendetta emotiva, né riguarda un giudizio sulla sessualità occultata di politici, preti, giornalisti. E' invece la proclamazione di un pensiero politico che intende smascherare quell'area politica culturale che accredita ogni giorno il fatto che l'omosessualità sia una scelta di persone con scarsi valori morali. Non ci interessa, né sarebbe moralmente concepibile scivolare nel gossip, quello che vogliamo fare è colpire tutte quelle persone che ricoprendo attualmente incarichi pubblici, utilizzando il proprio potere, offendono, discriminano le persone lgbt, alimentano scientificamente l'odio'.

Attraverso il sito che ospiterà la lista il gruppo di attivisti anonimi ha fatto sapere: 'Abbiamo deciso di iniziare con questi primi dieci nomi per far comprendere chiaramente come nel Parlamento italiano viga la regola dell'ipocrisia e della discriminazione. I politici di cui conosciamo le vere identità sessuali sono molti altri, presenti in tutti i partiti, per ora ci limitiamo a pubblicare un estratto di quelli appartenenti ai partiti che hanno votato contro la legge sull'omofobia. Da ora in poi quando avverranno attacchi nei confronti della comunità lgbt da parte della gerarchia cattolica, del mondo dell'informazione, della politica, ci riserveremo la facoltà di rispondere adeguatamente'.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016