Excite

-3 al voto, la diretta della giornata

Sono tre i giorni che separano i cittadini italiani dal voto. Segui e commenta la nostra diretta della giornata politica.
- Guarda le istruzioni sul voto
- Sondaggio: chi voti?

18.20 - Walter Veltroni: "Beppe Grillo? Non mi piace. C'è un fondo di doppiezza. Non mi entusiasma culturalmente, non mi piace l'ispirazione".

17.40 - Berlusconi alla registrazione di Porta a Porta: "In cinque anni di governo abbiamo sopportato, se mi permette, i casini dell'Udc" E poi: "Tutti i dati in nostro possesso confortati dall'atmosfera nel Paese ci dicono che avremo una vasta vittoria e una vasta maggioranza, 20, 25, 30 senatori di vantaggio e tre milioni di elettori in più al Senato della sinistra"

17.30 - Veltroni nella videochat di Corriere.it: "Berlusconi punta alla stessa squadra di governo del '94, noi puntiamo a qualcosa di nuovo"

17.00 - Veltroni ha incontrato poco fa George Clooney. Ecco cosa ha detto il leader del Pd, commentando l'accostamento che Clooney ha fatto tra Obama e Veltroni: "Mi fa un grande piacere che queste parole siano dette da una persona, come George, che conosco da tempo e con il quale ho un rapporto di amicizia e di stima. Stimo molto George non solo come grande artista, ma anche come uomo, che ha una grande passione civile e politica. Se ha detto queste parole, non posso essere che orgoglioso per il paragone con Barak Obama, che incarna negli Stati Uniti una speranza di novità. Anche lui ha incominciato la sua corsa dovendo rimontare sondaggi sfavorevoli e adesso è ad una incollatura dalla vittoria e forse anche qualche cosa in più. Speriamo che abbia ragione George".

16.20 - Daniela Santanchè attacca il leader del Partito Democratico: "Veltroni è quello che aveva detto che quando finiva di fare il sindaco di Roma sarebbe andato a vivere in Africa. Il problema è che l'Africa ce l'ha portata in Italia. Veltroni deve tacere poichè lui è la rappresentazione dello schifo".

15.45 - Casini interviene sulla questione Berlusconi-Napolitano: "Quello di Berlusconi è un gesto di irresponsabilità pura".

15.15 - Forte dichiarazione di Francesco Storace contro Berlusconi: "Berlusconi non dica bugie. Non è vero che il ministero dell'Interno ha accettato il simbolo de La Destra: ce lo hanno fatto cambiare. La verità è un'altra: lui voleva comprare con seggi e ministeri la nostra rinuncia alla fiamma tricolore - che volle con sè alle politiche del 2006 - ma noi gli abbiamo detto che non siamo in vendita. Non ha voluto La Destra ma si è tenuto il simbolo di Bossi, quello di Lombardo e voleva pure quello di Pizza ... forse pensava di trovarsi di fronte Gianfranco Fini"

14.45 - Emma Bonino: "Per noi il problema era quello di decidere se l'Italia doveva essere governata da Berlusconi o da Veltroni, questo era il punto. Abbiamo scelto Veltroni. Non è un mistero che per noi sarebbe stato meglio avere una Lista Bonino collegata al Pd, ma questa proposta Veltroni non l'ha accolta. L'ha concessa a Di Pietro ma a noi no. D'altra parte, non avevo nessuna chance di fare il 4%. Abbiamo fatto questa scelta, anche dolorosa non lo nascondo, e ci siamo schierati convintamente per Veltroni premier". E sul suo eventuale incarico al governo la Bonino dice: "Penso al ministero degli Esteri, o la Difesa o il Commercio".

14.30 - Anche Stefania Prestigiacomo sarà ministro nella squadra di governo proposta dal Pdl. Lo ha annunciato Silvio Berlusconi.

13.10 - Berlusconi a Studio Aperto: "Votare il Pd significa più Stato, più tasse, più extracomunitari, Di Pietro alla giustizia e la svendita dell'Alitalia ai francesi". E nel corso della registrazione di 8 e mezzo, il Cavaliere afferma: "Un pareggio alle prossime elezioni è irrealistico perchè noi abbiamo 3 milioni di voti in più al Senato"

12.50 - Silvio Berlusconi dichiara: "In caso di vittoria non daremo il Senato alla Sinistra perchè delle tre cariche più importanti ha già la più importante: quella del Quirinale. Al capo dello Stato porto stima, rispetto e simpatia e auguro di finire meravigliosamente il suo settennato"

12.40 - Berlusconi prova a smorzare le polemiche e dichiara: "Auguro a Napolitano meraviglioso settennato". Ma Bertinotti insiste:"Da Berlusconi c'è stata una violenza verbale che colpisce una figura italiana indiscussa ed è una cosa che andava risparmiata. Non c'è nessuna possibilità che si realizzi, ma resta uno sgarbo sulle istituzioni riprovevole"

12.10 - Veltroni è intervenuto in tv a Mattino 5: "In campagna elettorale si è parlato di passato quasi sempre di brogli, stalinismo, di medioevo, di scomuniche. Invece bisogna parlare del presente e del futuro. L'Italia deve diventare, anche da questo punto di vista, un grande paese europeo".

12.05 - Antonio Di Pietro, da Matera, torna sulla polemica di ieri: "Facciamo innanzitutto gli scongiuri, affinchè Napolitano viva il più a lungo possibile. Ci dispiace che chi vuole andare al governo e già pensa di conquistare anche il Quirinale abusi della pazienza e della serietà del Presidente della Repubblica per cercare di scalzarlo. Credo che affermazioni di questo genere non hanno senso dello Stato, perchè non rispettano la più alta carica e che, quindi, debbano far riflettere i cittadini sulla opportunità o meno, e io dico sulla 'disgrazia', che può capitare al Paese nell'affidare il governo a una persona e a una compagine che fa del potere fino a se stesso e piegato solo ai propri interessi la ragione di vita. Egli da 'unto del Signore' si è messo in testa di fare il Capo dello Stato ed è capace di passare non solo sulla testa delle istituzioni ma addirittura sulla vita delle persone".

11.28 - Interepellato sulle dichiarazioni di Berlusconi sul Quirinale, Gianfranco Fini ha dichiarato: "quando si sta in mezzo alla gente non si può parlare di quello che viene pubblicato dai giornali perchè le persone hanno altri problemi"

11.00 - Veltroni ospite ad Unomattina: "La politica deve essere netta, chiudere ogni rapporto con i mafiosi che ti portano i voti. Non vogliamo voti insanguinati"

10.30 - Silvio Berlusconi ha annunciato due dei nomi che saranno nel suo governo in caso di elezione: Lucio Stanca (già ministro per l'Innovazione e le tecnologie) e Gianni Letta.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016