Excite

Aborto: polemiche tra Pannella e Ferrara, salta il confronto

Tensione questa mattina alle 8.40 negli studi di 'Uno Mattina' dov'era ospite Marco Pannella. Il programma prevedeva un confronto tra il leader dei Radicali e Giuliano Ferrara per discutere del blitz delle forze dell'ordine all'ospedale di Napoli (leggi qui la notizia) e più in generale della legge 194 sull'aborto.

Il direttore de Il Foglio ha, all'ultimo minuto, fatto sapere che non avrebbe più partecipato al programma perchè non disponibile al confronto con Pannella: "non sottoporrò alla futilità delle opinioni a confronto in tv il tema dell'aborto, nè con Pannella nè con altri".

Pannella, come prevedibile, non ha gradito, esprimendo in diretta televisiva con grida e rimproveri la sua indignazione per l'atteggiamento di Ferrara. Il leader dei Radicali tra l'imbarazzo dei conduttori Duilio Giammaria ed Elisa Anzaldo, che hanno faticato a contenere l’irruenza di Pannella, ha abbandonato lo studio dopo 20 minuti di trasmissione (nella foto).

Poco dopo Giuliano Ferrara ha replicato con una nota al comportamento di Marco Pannella:
"Caro Pannella questa mattina hai fatto una tremenda scenataccia in tv, a Raiuno, perchè non ho accettato di discutere con te di aborto. Duilio Giammaria e la sua collega Elisa Ansaldi erano sconcertati dalla tua violenza verbale. Io invece la capivo. Hai dato scandalo perchè pensavi che io rifiutassi di parlare con te della questione decisiva che ci divide aspramente. Ma non è così, e te lo spiego. Io non discuterò della vita umana, come se fosse un'opinione, con alcun candidato in tv. La tv è antiveritativa. Un bel mezzo per comunicare, rispettabile e fatto da persone rispettabili, tra cui io stesso fino a ieri. Ma sul ponte di Messina o sull'Ici valgono le opinioni, sulla vita umana e l'amore vale la solitaria e pubblica ricerca della verità. Senza fanatismo io penso di averla trovata, la verità sulla vita umana, e credo che sia giusto non esporla alla futilità delle opinioni a confronto. Se le norme non mi consentiranno di esporre, in par condicio con altri candidati, le mie idee sulla strage eugenetica in corso nel mondo, pazienza. Entrerò in clandestinità mediatica. I cittadini hanno il diritto di essere informati sulle idee di chi si candida alle elezioni, ma anche i cittadini hanno un'anima razionale. E le anime razionali possono comunicare tra di loro, liberalmente, anche fuori dalla televisione, se necessario. In qualunque momento sono disposto a discutere con te in un teatro di aborto. A Milano, per esempio. La settimana prossima, se lo vuoi. Il teatro lo pago io con i miei soldi. Un abbraccio severamente dissenziente dal tuo vecchio amico talebano. Riguardati e stammi bene".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016