Alitalia, prosegue la difficile trattativa

Prosegue a oltranza la trattativa per salvare la compagnia di bandiera Alitalia, ma l'ostacolo difficile da superare rimane il nuovo contratto di lavoro. "Il problema ancora consistente e che potrebbe, se non risolto, far fallire la trattativa, è quello del nuovo contratto di lavoro, per il quale tanto si è trattato, ma su cui ancora non si sono raggiunte intese" ha detto il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi.

Le sigle sindacali (Anpac, Up, Avia, Anpav e SdL) che rappresentano la maggior parte dei piloti e degli assistenti di volo, intanto, hanno definito "carta straccia", nonché "inutile e provocatorio", l'accordo quadro sul piano industriale di Alitalia raggiunto nella notte tra governo, sindacati confederali (Cgil, Cisl, Uil e Ugl) e Cai (Compagnia aerea italiana).

Fischi e slogan contro il commissario straordinario Augusto Fantozzi, il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e il ministro del Lavoro, hanno animato la protesta di un centinaio di dipendenti Alitalia che hanno manifestato in strada fino a tarda notte. Secondo Sacconi, invece, l'accordo raggiunto indica una base di partenza per il futuro della compagnia.

Al momento i voli procedono in modo regolare. Sia a Malpensa che a Fiumicino sono garantiti tutti i collegamenti. Ma la Cub Trasporti ha confermato lo sciopero del 17 settembre, dalle 12 alle 16, di tutti i lavoratori del gruppo Alitalia.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014