Excite

Amato contro la "questua molesta"

Nuovo "pacchetto-sicurezza" confezionato dal Viminale e nuove proposte anche dal Ministero della Giustizia. Il provvedimento di Amato è in discussione in queste ore e prevede l'irrigidimento delle sanzioni per lavavetri, ambulanti, mendicanti e graffitari; Clemente Mastella prova invece a ottimizzare l'Istituto della custodia cautelare nei confronti di reati come rapina, violenza privata e violazione di domicilio.

La bozza stilata dal Ministero dell'Interno, in linea con le dichiarazioni del Presidente dell' ANCI e Sindaco di Firenze Leonardo Domenici, si compone di quattro punti programmatici e, al fine di combattere il degrado urbano, tende a sostituire le sanzioni pecuniarie (poco efficaci nei confronti di chi "lavora" in strada) con il lavoro socialmente utile.

Se la linea è quella inaugurata da Domenici la strada per l'approvazione del Decreto si preannuncia tutta in salita a causa delle differenti posizioni in seno al Governo già espresse nei confronti dell'ordinanza "anti lavavetri".

Nello specifico il provvedimento prevede la condanna a svolgere un lavoro socialmente utile nei confronti di chi verrà sorpreso ai semafori con bottiglia e spatola tergivetro, per i venditori ambulanti di merce contraffatta e per i graffitari. Il reato specifico sarà (in alcuni casi) quello di "questua molesta", equiparato a quello già esistente di molestie o disturbo alle persone punito con una pena detentiva fino a sei mesi.

Anche sul fronte della violenza privata è in corso un lavoro di modifica, questa volta da parte del Guardasigilli, atto a rendere obbligatoria la custodia cautelare per il suddetto reato e ad estendere questa disposizione alla rapina e alla violazione di domicilio. Il fine è quello di evitare i casi, purtroppo molteplici, di violenza privata impunita e sfociata in omicidio.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016