Excite

Angela Bruno a Servizio Pubblico: "Berlusconi un nonno che mi guarda il culo"

  • YouTube

Angela Bruno e Silvio Berlusconi: una storia infinita. Non c'è nulla di 'rosa' però nella vicenda che vede protagonista la venditrice ormai più famosa d'Italia e l'ex Presidente del Consiglio, bensì una quantità di veleni che cresce con il passare dei giorni. La consulente della Green Power, infatti, ieri sera è andata a Servizio Pubblico a raccontare (di nuovo) la sua versione della storia trash del "lei quante volte viene" e non ha lesinato attacchi al Cavaliere.

Angela Bruno, sms pubblicati su Facebook: "Come sono andate le cose? Leggetelo"

"Quello che è successo è paragonabile alle dittature dei Paesi del Terzo Mondo", ha esordito la signora Bruno, dicendo che "un cittadino italiano è stato calpestato" nel suo diritto di parlare e difendersi da un uomo influente che pur di mettere a tacere la verità non ha esitato a utilizzare tutti i (molti mezzi) a sua disposizione. Dai capi che "hanno fatto gli schiavetti e del potere e hanno dichiarato il falso", a Il Giornale, a Giancarlo Galan che l'ha minacciata in diretta ad Agorà, Angela Bruno ha fatto l'elenco di tutti quelli che l'hanno attaccata nella speranza che si spaventasse e lasciasse cadere la questione.

Cosa che, invece, la signora sembra decisamente intenzionata a non fare. "Le sembra normale che un nonno mi chieda quante volte viene, si gira e mi guarda il culo? Ma che uomo è?", ha infatti tuonato Angela Bruno parlando con Michele Santoro, aggiungendo: "Questo ci rovina, mandatelo a casa. Non è capace di chiedermi scusa. Lei, signor Silvio, è stato un pessimo esempio come uomo".

Angela Bruno: tutte le tappe della vicenda della venditrice Green Power

Insomma, parole di fuoco contro Berlusconi (che di sicuro non gradirà di essere stato chiamato "nonno" e per di più guardone), ma anche una veemente protesta nei confronti di Galan, che "ha palesemente violato la mia privacy", dal momento che nessuno gli ha dato l'autorizzazione a "diffondere miei messaggi privati". Messaggi che, per difendersi, la signora Bruno ha poi pubblicato integralmente su Facebook la scorsa settimana, dimostrando coi fatti di non essersi mai sentita "onorata" per le attenzione riservatele da Silvio Berlusconi.

Ma che cosa vuole, in definitiva, Angela Bruno dal Cavaliere? Scuse pubbliche (pure da Galan, ora) e la dichiarazione che lei non è mai stata orgogliosa di diventare 'famosa' per l'ormai tristemente celebre siparietto sul palco della convention Green Power: "Non avevo un pregiudizio politico contro Berlusconi. Ma perché continua a dire che mi sono divertita e non vuol capire che io mi sono davvero incazzata a sto giro? Tutti gli uomini di Italia dovrebbero vergognarsi per quest'uomo". Casomai non fosse chiara la posizione della signora.


L'intervento di Angela Bruno a Servizio Pubblico

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017