Excite

Angelino Alfano segretario del Pdl

  • Foto:
  • ©LaPresse

Negli ultimi tempi il nome del ministro della Giustizia Angelino Alfano è stato pronunciato più volte dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Lo scorso aprile il premier lo aveva indicato come suo successore (leggi la notizia) e qualche giorno fa ne ha parlato come coordinatore unico del Pdl (leggi la notizia). Poi la notizia della nomina di Alfano a segretario del Pdl. Il ministro della Giustizia si dimetterà dal suo attuale incarico al termine del congresso del partito previsto per fine giugno, quando verrà formalizzata l'introduzione della nuova figura, fino ad oggi non prevista, e il nuovo incarico diverrà ufficiale.

Sembra fuor di dubbio, dunque, che all'interno del Pdl sia in corso un rimpasto, soprattutto considerata la bruciante sconfitta elettorale delle recenti amministrative. E così Berlusconi ha deciso di affidare la sua segreteria politica ad Alfano. Un ruolo chiave per quello che sarà il Pdl del futuro. Alfano è stato nominato all'unanimità dall'Ufficio di presidenza. Ma cosa cambierà per l'esattezza? Nel Pdl, in aggiunta al leader Berlusconi e ai tre coordinatori Sandro Bondi, dimissionario, Denis Verdini e Ignazio La Russa, ci sarà anche un segretario politico, una figura nuova per il Pdl, che avrà la prerogativa di assegnare le deleghe ai tre coordinatori.

In veste di nuovo segretario del Pdl Alfano ha detto: 'Il nostro traguardo è vincere le elezioni politiche del 2013'. E con lui il premier pensa di poter raggiungere tale traguardo. Oggi, intervenendo a Mattino5, il presidente del Consiglio ha spiegato che Alfano avrà pieni poteri nel Pdl. Berlusconi ha detto: 'Alfano avrà tutti i poteri che gli verranno delegati attraverso la modifica dello statuto dal presidente e sarà lui a dare ai tre coordinatori i compiti che riterrà opportuno conferire a ciascuno di loro'.

A quanto pare, il premier ha proposto all'ufficio di presidenza del Pdl la nomina di Angelino Alfano a segretario politico del partito perché è giovane, ha fatto bene ed è ben voluto da tutti.

Ma dopo il congresso di fine giugno cosa accadrà? Verdini potrebbe continuare ad avere un ruolo di coordinamento dell'organizzazione; La Russa potrebbe passare al ruolo di responsabile degli enti locali. E Bondi? Al momento le sue dimissioni sono state congelate, quindi resta nel triumvirato. Se però Alfano diventerà ufficialmente segretario del Pdl, si dovrà pensare a un nuovo ministro della Giustizia. E pare che la scelta sia ricaduta su Maurizio Lupi.

La nomina di Alfano a segretario del Pdl è stata così commentata da La Russa: 'Angelino Alfano sarà un segretario politico con cui collaboreremo con grande capacità di trovare un progetto vincente. Da protagonisti abbiamo inseguito questo risultato. L'individuazione di Alfano rappresenta una capacità di risposta, rilancio e presenza che smentisce chi pensava di vedere un Pdl fermo a leccarsi le ferite'.

E tanti sono gli attestati di stima arrivati da vari fronti del partito. Francesco Casoli, vice presidente del Pdl al Senato, ha detto: 'Un'ottima persona che ha sempre svolto con lealtà e competenza il proprio ruolo. Sono certo che possa fare solo bene in questo momento al partito'. Secondo Mario Baccini, oggi presidente dei cristiano popolari del Pdl, Alfano 'per agire in modo incisivo ed efficace deve avere le mani libere senza condizioni né condizionamenti affinché possa davvero modernizzare il partito, sostenere la ricostruzione del centrodestra e rimodellare la squadra di governo'. Per il senatore del Pdl Lucio Malan si tratta di un'ottima scelta. E il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni ha detto: 'Alfano è una risorsa spendibile e farà bene al partito'.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016