Excite

Arabia Saudita, la principessa a favore delle donne al volante

In Arabia Saudita alle donne è proibito mettersi al volante. Secondo le autorità saudite il divieto serve ad evitare le "tentazioni" che possono nascere dall'interazione con gli uomini. Contro questo divieto si è levata la bella principessa Amira al-Tawil, moglie del principe Al Walid Bin Tala, il 19° uomo più ricco del mondo secondo Forbes. Per la principessa quello del suo Paese è un divieto assurdo, considerando, tra l'altro, il fatto che all'estero guida senza alcun problema.

Intervistata dal quotidiano saudita Al Watan, Amira al-Tawil ha detto: "Ho una patente internazionale e guido la macchina quando viaggio. Sono pronta a guidare anche nel Regno Saudita quando sarà permesso". La principessa ha, poi, sottolineato: "Preferisco guidare l'auto con mia sorella o un'amica accanto, anziché andare con un autista che non è mio parente".

La principessa Amira al-Tawil non è la prima donna a ribellarsi a questo divieto. Già molte altre donne hanno sfidato la legga saudita. Ma questa volta qualcosa potrebbe davvero accadere. Il marito di Amira al-Tawil, il principe Al Walid Bin Tala, ha promosso il dialogo con l'Occidente e l'affermarsi dei diritti delle donne. E', tra l'altro, socio del premier Silvio Berlusconi, poiché nel 1995 è entrato in Mediaset, e di Rupert Murdoch. Per il suo jet privato, inoltre, ha assunto la prima pilota saudita donna. La principessa è certa che, non appena sarà possibile, suo marito farà qualcosa per permettere alle donne di mettersi alla guida.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016