Excite

Arrestato Radovan Karadzic, l'accusa è genocidio

Dal 1996 Radovan Karadzic (in foto il confronto tra ieri e oggi), ex leader politico della Serbia, era ricercato per crimini di guerra dal Tribunale Penale Internazionale per i Crimini nella Ex-Jugoslavia. Karadzic è stato arrestato dall'esercito serbo mentre si trovava a bordo di un autobus diretto a Belgrado.

Le foto di Radovan Karadzic

L'Interpol aveva emesso contro di lui un mandato per crimini contro l'umanità, la vita e la salute pubblica, genocidio, gravi violazioni delle convenzioni di Ginevra del 1949, omicidio e violazioni delle norme e delle convenzioni di guerra. Il fondatore del Partito Democratico serbo è stato il responsabile durante la guerra in Bosnia-Erzegovina della pulizia etnica di popolazioni bosniache e croate.

L'ex psichiatra subito dopo l'arresto è stato sottoposto ad un lungo interrogatorio. Secondo Svetozar Vujakic, difensore del leader serbo, la cattura di Karadzic è avvenuta venerdì notte e non ieri come sostengono le autorità serbe. "E' stato arrestato venerdì su un autobus a Belgrado e da allora è rimasto detenuto in una cella, diritto di rimanere in silenzio durante l'interrogatorio". L'avvocato ha poi spiegato che Karadzic ha descritto la situazione come una "farsa".

Karadzic in questi tredici anni di latitanza, ha lavorato con il falso nome di Dragan Dabic, come medico in una clinica privata. Al momento dell'arresto, riferiscono le autorità, girava tranquillo, nascosto dietro una folta barba bianca e capelli lunghi.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016