Excite

Ballarò, Maurizio Crozza tra la Concordia e Berlusconi: "Silvio, esci da Arcore!"

  • Youtube

di Claudia Gagliardi

La copertina di Maurizio Crozza nella puntata di Ballarò di martedì 17 settembre 2013 si apre con la rimozione della Costa Concordia, perfetta metafora di come, secondo il comico, "è facile rimuovere le cose quando non serve il voto del Pd". Il riferimento di Crozza è ovviamente alla decadenza di Silvio Berlusconi, alla vigilia della riunione della Giunta per le Elezioni del Senato che dovrà votare la relazione Augello.

Lodo Mondadori, Berlusconi risarcirà De Benedetti per 541,2 milioni: "Fininvest responsabile della corruzione"

Ma sul grande evento della messa in asse della Concordia, che ha attirato i riflettori del mondo intero, il comico spende anche una battuta in stile Bersani: "Siam mica qui a girare la Concordia perchè su quel fianco russava?". E se ieri Enrico Mentana definiva "gonzo" chi usa la metafora della Concordia per descrivere la situazione italiana, anche Crozza non rinuncia ad un collegamento tra la vicenda del relitto e quella del Paese: "A raddrizzare il resto dell'Italia ci pensate voi?", avrebbe detto il comandante delle operazioni prima di tornarsene a casa. Perchè secondo il comico "adesso che la Concordia è stata raddrizzata si nota che è storto tutto il resto".

Rimozione Costa Concordia: le foto delle operazioni di raddrizzamento

Crozza ne ha anche per il premier Letta, con le sue opinioni sulla Costituzione ("Letta ha detto che la prima parte della Costituzione è bellissima, la seconda no... ma se prima di cambiarla, provassimo ad applicarla?"), e il rottamatore Matteo Renzi: "Adesso Renzi è sicurissimo di vincere: ma adesso, perchè se ritardi di una mezz'ora, sai com'è il Pd: al posto di Renzi, ci ritroviamo Razzi...". E poi c'è la questione del voto sulla decadenza di Berlusconi, che potrebbe riservare sorprese ad opera di franchi tiratori tra i democratici: "Domani la Giunta vota e il Pd stavolta è unito: voterà compatto per la decadenza di Prodi".

A Crozza non è sfuggito che Berlusconi si è rinchiuso nella sua residenza dorata di Arcore ormai da oltre un mese: "E' da 45 giorni a Villa San Martino: Silvio, non è che questi 45 giorni poi te li scalano, esci, vai, svagati per ora!". Un consiglio al leader Pdl, raggiunto oggi anche dalla sentenza sul Lodo Mondadori, che probabilmente si sta abituando alla reclusione ai domiciliari. Infine Crozza regala agli spettatori di Ballarò un'imitazione del Cavaliere intento a registrare quel videomessaggio annunciato e poi slittato: "Care italiane, cari italiani, vorrei stipulare nuovo contratto con voi, o preferite facciamo in nero? No, Ghedini dice meglio di no... Questo per me è un periodo bislacco, oggi avrei voluto dire che rilanciavo Forza Italia, invece devo pagare De Benedetti e per giunta Kakà si è infortunato: ma non potremmo infortunare De Benedetti che paga lo stipendio a Kakà, che rifonda Forza Italia che al mercato mio padre comprò?". Nel videomessaggio di un Berlusconi affranto dai problemi giudiziari la confusione regna sovrana, tanto che il leader conclude con un "Forza Renzi! Cioè... Forza Italia, è un momentaccio".

Video Maurizio Crozza a Ballarò: la copertina di martedì 17 settembre

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017