Excite

Baudo: "Il Pd mi ha chiesto di candidarmi in Sicilia"

  • Infophoto

Dal palco di Sanremo alla ribalta della politica? Pippo Baudo ai microfoni della Zanzara, il programma di Cruciani e Parenzo in onda su Radio 24, ha raccontato di essere stato contattato da "un mio amico che milita nel Pd, ai massimi livelli" e di avere ricevuto la proposta di candidarsi "alle prossime elezioni in Sicilia".

La carriera di Pippo Baudo: guarda le foto

Un dopo-Lombardo suggestivo, ma che il presentatore tv di Militello smentisce categoricamente: "ho detto di no. Per la prima volta dichiaro la mia incompetenza specifica: non saprei governare, e soprattutto non vorrei essere governato da altri, con tutti quei compromessi che ci vogliono in politica". Delusi, dunque, coloro che si erano già fatti la bocca all'idea di vedere Baudo in una nuova veste dopo quella nell'intrattenimento.

Del resto, il Pippo nazionale raccoglie le simpatie trasversali di una larga fetta di italiani, ma tra l'essere personaggio pubblico 'televisivo' e personaggio pubblico 'politico' ci passa una bella differenza e non stupisce che, saggiamente, il presentatore abbia declinato la proposta. Anche perché, come lui stesso spiega, "la Sicilia ha bisogno di una rivoluzione culturale" e quindi le servirebbe che intervenissero tutti quei "professionisti di altissimo livello, docenti, medici e architetti" che vivono e lavorano nelle sue città, ma che invece "non si sporcano le mani facendo politica", delegandola "a questi politici di professione". Baudo chiude poi la questione affermando che "non è vero che vincerei a mani basse. Comunque ho sempre votato a sinistra, e adesso voto per il Pd".

In merito a Gasparri, poi, il presentatore dice: "Maurizio Gasparri è un mio nemico storico. È ovvio che politicamente non la penso come lui ma non credo sia sufficiente per attaccarmi continuamente", concludendo con una battuta di spirito: "Per fortuna non c'è più il confino, come ai tempi del fascismo. Gli piacerebbe mandarmi a Ustica. Invece sono ancora vivo". Baudo quindi risponde a una domanda su un eventuale ritorno di Berlusconi osservando: "Come si dice dalle mie parti, è una minestra riscaldata e dunque non va bene. Però non penso che Berlusconi alla fine lo faccia. Lui vorrebbe tutta l'Italia in piedi che dice 'torna torna' ma non succederà".

Prontamente ripresa da tutti gli organi di informazione nazionali, l'intervista di Baudo ha sollevato un polverone e ha fatto scatenare il web, con numerose battute su Twitter, dove non è mancato chi ha proposto la candidatura di Lino Banfi per il dopo-Vendola e chi invece, amaramente, ha ricordato che il PCI ai suoi tempi presentava Leonardo Sciascia. Una risonanza mediatica tale, che alla fine il segretario del Pd in Sicilia, Giuseppe Lupo, ha deciso di intervenire smentendo seccamente tutta la vicenda: "Non ho mai proposto a Pippo Baudo la candidatura alla presidenza della Regione siciliana. Ho appreso questa notizia dalla stampa. Non ho mai pensato a Baudo".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016