Excite

Beppe Grillo, i risultati sondaggio su tv e Tg: Rete 4, Giovanni Toti e Bruno Vespa i più faziosi

  • beppegrillo.it

Nella sua ormai dichiarata guerra ai giornalisti faziosi, Beppe Grillo lo scorso 4 giugno ha indetto un sondaggio sul suo blog per assegnare il microfono di legno ai peggiori rappresentanti della categoria, concentrandosi sull'informazione televisiva perché, come da lui stesso spiegato, "le televisioni influenzano il giudizio degli italiani più di qualunque altro media", dal momento che i giornali sono "poco diffusi". "Per un ovvio sillogismo", prosegue quindi il leader del Movimento 5 Stelle, "se l'informazione in Italia è manipolata, filtrata, schierata, adulterata, la massima responsabilità è delle televisioni e di chi ne fa parte" e dunque ecco la decisione di chiedere ai suoi lettori di eleggere la "rete più faziosa", il "direttore di rete più schierato" (in realtà di TG) e il "conduttore di talk show più in mala fede", esprimendo la propria opinione entro le 14 di oggi.

Grillo ai giornalisti: "Faremo i conti" e attacca Gabanelli, Floris e Rodotà

All'appello hanno aderito in migliaia - almeno a leggere i risultati pubblicati da Grillo - e le risposte dei partecipanti al sondaggio consegnano una serie di responsi tutto sommato attesi e immaginabili. A meno di un'ora dalla chiusura dell'indagine (e dunque a dati praticamente acquisiti), infatti, i vincitori del poco ambito microfono di legno sono Rete 4, Giovanni Toti di TG4 e Studio Aperto e Bruno Vespa.

La terza rete Mediaset conquista il 39,52% dei voti (pari a 29.223 risposte), doppiando abbondantemente la seconda classificata, Raitre, che si ferma al 17,83% (13.184). Un dato che in pratica elegge i canali campioni della faziosità - nel sentire comune - per la destra e per la sinistra. Le due ammiraglie Canale 5 e Raiuno, invece, si piazzano rispettivamente terza e quarta, con il 16,23% e il 13,72%, confermando il loro carattere per certi versi più istituzionale e quindi, in qualche modo, più controllato nelle derive a favore o contro la corrente, i personaggi e gli interessi che rappresentano. Di molto staccati ci sono quindi Italia 1 - che per target e programmi ha poche trasmissioni di informazione pura - La7, Raidue e SkyTG24. E se il risultato di La7 (con giornalisti come Lilli Gruber, Chicco Mentana e Gad Lerner, discretamente schierati...) e Raidue forse sorprende un po', atteso è invece quello di SkyTG24, che non a caso era stato scelto da Grillo per la sua unica intervista televisiva, poi saltata.

Favia, dichiarazioni shock: "Nel Movimento 5 Stelle la democrazia non esiste"

L'andamento del sondaggio per il conduttore di TG più schierato rispecchia quello delle reti e così Giovanni Toti di TG4 e Studio Aperto e Bianca Berlinguer del TG3 si aggiudicano il primo e il secondo posto, rispettivamente con il 39,97% (28.840 voti) e il 21,39% (15.431), seguiti da Clemente Mimun del TG5 (20.31%) e da Mario Orfeo del TG1 (9.05%). Italia 1 che risponde a Toti scala dunque di diverse posizioni e fa avanzare Marcello Masi del TG2 (6,12%), Enrico Mentana di TGLa7 (2,37%) e Sarah Varetto di SkyTg24, che registra comunque un bassissimo 0,79% (566 voti).

Il microfono di legno per "conduttore di talk show più in mala fede" manco a dirlo va a Bruno Vespa per Porta a Porta, che con il 30,06% di preferenze stacca di 8 punti Barbara D'Urso e Pomeriggio Cinque al 22,14%, seguiti a distanza, ma sempre in doppia cifra, da Paolo Del Debbio per Quinta Colonna (18,66%) e Giovanni Floris per Ballarò (14,42%). Decisamente lontani, infine, Michele Santoro e Servizio Pubblico, con solo il 5,69%, Corrado Formigli e Piazzapulita (dove pure è stato trasmesso il famoso fuori onda di Giovanni Favia. O forse proprio per quello?) con il 4,4%, Gad Lerner per Zeta (3,2%), Gerardo Greco per Agorà (1%) e Massimo Bernardini per TV Talk (0,43%).

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017