Excite

Beppe Grillo non va in tv e scoppia la polemica

  • Getty Images

Dopo il clamoroso annuncio dei giorni scorsi, Beppe Grillo domenica sera non è andato in tv e ha annullato la prevista intervista a Sky Tg24: una fuga, come hanno detto i suoi avversari (Bersani in primis), o la strategia di un consumato uomo di televisione? A sentire il leader del M5S, nè l'una nè l'altra, bensì coerenza con un certo modo di fare politica e campagna elettorale, che alla fine il comico ligure non si è sentito di tradire. Ma anche la volontà di non piegarsi all'informazione di 'regime': "Ci sono due modi di fare campagna elettorale: il primo, serviti e riveriti nei salotti tv, magari con trasmissioni cucite addosso. Noi preferiamo il secondo: nelle piazze, tra la gente", si legge in un post sul blog di Grillo.

Beppe Grillo a Sky Tg24: il leader del M5S torna in tv per la campagna elettorale

Una scelta, quest'ultima, avvalorata da un video-denuncia, girato durante il comizio di sabato a Torino e poi postato su Facebook e sui vari canali del Movimento. Come (di)mostrano i grillini, TgCom24 ha ripreso a lungo il solo Grillo mentre parla sul palco e quando il comico chiede di allargare l'inquadratura sulla gente (70 mila persone, a quanto pare) e l'operatore "gentilmente" esegue, da studio riprendono la linea e mandano la pubblicità. "Sono dei bambini. Non conoscono la rete, non sanno manco cos'è. Ora la pagina Facebook di TgCom è invasa di commenti che riportano le foto della piazza", commenta Grillo sul suo blog.

Il calcio all'ultimo puntello di una già traballante decisione? Non si sa, però domenica il comico ha annunciato il suo 'ritiro' con un asciutto tweet: "L'intervista in diretta con SkygT24, prevista per le 20.30 di oggi da Genova, non si farà" e il canale di Sarah Varetto non ha potuto fare altro che confermare, scrivendo in un comunicato: "Beppe Grillo si è tirato indietro. Nonostante l'impegno preso e dopo aver annunciato in diverse occasioni, anche via Twitter, il suo ritorno in tv per domenica 17 febbraio su Sky TG24, i leader del Movimento 5 Stelle fa sapere, senza alcun motivo evidente, che questa sera si sottrarrà all'intervista".

Beppe Grillo caccia un cameraman Rai dal palco: "Se ne vada". Il video

Varetto ha comunque tentato fino all'ultimo di convincere il comico, seguendolo nella tappa ligure dello Tsunami Tour, ma non c'è stato niente da fare. Anzi, a Savona Grillo è tornato sull'argomento, dicendo: "Credo di aver fatto bene" a non andare in tv. I politici, infatti, ci "vanno e poi dicono tutto e il contrario di tutto. Sono dei ridicoli, devono andare a casa". "A noi ci stanno sottovalutando, ma alla fine anche senza tv i nostri sacrifici saranno premiati", ha concluso il leader del M5S.

Coerenza o calcolo ("Non importa che se ne parli bene o male, l'importante è che se ne parli", diceva saggiamente Oscar Wilde), il dubbio resta, e Pierluigi Bersani ha colto l'occasione per attaccare. Da Piazza Duomo Milano, il leader del Pd ha infatti detto: "Grillo non va in tv perché là qualche domandina devono fartela". "Domandine" che per Bersani potrebbero essere "sul come fa a citare Berlinguer quando parla a Bologna e ad aprire a Casa Pound quando è a Roma".

E se la politica ha reagito in vario modo alla decisione di Grillo, a maggior ragione la rete non è rimasta in silenzio. Facebook e Twitter, infatti, sono stati invasi da commenti di aderenti/simpatizzanti al M5S, 'spaccati' sul giudizio sulla scelta del loro leader. Molti infatti si sono detti "delusi", sottolineando anche il fatto che sarebbe stata un'occasione per raggiungere anche chi non può (non vuole) andare in piazza, ma altrettanti hanno scritto: "Hai fatto bene", sottolineando la coerenza di Grillo e il fatto che tutto il materiale relativo al Movimento, al suo programma e ai comizi del comico è reperibile online, in primis su La Cosa.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017