Excite

Berlusconi chiede moratoria Onu per l'aborto

"Anche se la regola nel nostro schieramento è che su queste materie esiste libertà di coscienza, credo che riconoscere il diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale sia un principio che l'Onu potrebbe fare proprio, così come ha fatto sulla moratoria per la pena di morte pur dopo un lungo e non facile dibattito".

Queste le parole di Silvio Berlusconi durante un'intervista al magazine Tempi (diffuso il giovedì in abbinata gratuita a "Il Giornale"): l'Onu quindi dovrebbe intervenire sul diritto alla vita proprio come ha fatto contro la pena di morte. Nelle stesse ore in cui Giuliano Ferrara annuncia la sua candidatura alle elezioni con la "Lista per la vita", appendice politica di supporto alla discussa moratoria sull'aborto, il leader del centro destra cavalca l'onda del "più vita per tutti" provocando numerosi sussulti a sinistra.

La ministra per le Pari Opportunità Barbara Pollastrini: "L'amore per la vita non è di una parte — ha replicato a Berlusconi — ma un conto è battersi per i diritti umani, altro è usare spregiudicatamente l'equiparazione tra autonomia e responsabilità di scelta delle donne e pena di morte". Su questo, ha aggiunto, "sono certa che la gran parte delle donne del nostro Paese non vuole tornare indietro. L'aborto è un dramma ma la 194, che va applicata interamente, ha saputo trovare un saggio equilibrio tra autonomia della donna, diritti del nascituro e deontologia medica".

Pino Sgobio, capogruppo del Pdci alla Camera: "Parole liberticide da Berlusconi, figlie di una cultura reazionaria. E' necessario che le coscienze vive e democratiche del nostro Paese vigilino contro i tentativi di mettere in discussione conquiste civili come la 194".

Titti Di Salvo, capogruppo di Sinistra Democratica alla Camera: "Le donne italiane devono sapere che cosa Berlusconi e il Pdl vogliono fare, una crociata contro di loro". Berlusconi pensa che le donne siano assassine. Altrimenti perché mettere sullo stesso piano aborto e pena di morte? La 194 è una conquista e non può essere usata come merce di scambio per un'alleanza elettorale".

Chiaramente di altro tono la replica di Isabella Bertolini, Vice Presidente dei Deputati di Forza Italia: "Come prima firmataria di una mozione sottoscritta da 75 colleghi della Casa della Libertà su questo tema, accolgo con soddisfazione tale impegno pubblico da parte del prossimo Presidente del Consiglio. Un miliardo di aborti in 30 anni nel mondo - spiega Bertolini - chiedono una risposta ferma, concreta, immediata. Una moratoria internazionale che ponga fine a questa strage di innocenti è necessaria ed opportuna. La mozione, presentata in Parlamento nella legislatura appena conclusa, impegna lo Stato italiano a farsi promotore di un documento ufficiale presso l'Onu che vieti qualsiasi politica pubblica di discriminazione eugenetica e impedisca l'uso dell'aborto come strumento di prevenzione delle nascite. Sono sicura che il nuovo Governo di centrodestra, guidato dal Presidente Berlusconi, si impegnerà per richiedere in sede internazionale il riconoscimento per ogni individuo del diritto alla vita, dal concepimento fino alla morte naturale".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016