Excite

Berlusconi dall'Annunziata: "Monti sembra più tedesco che italiano"

  • Getty Images

Silvio Berlusconi continua ad imperversare in tutte le trasmissioni televisive. L’ultima della lista è stata Leader di Lucia Annunziata dove l’ex premier ha continuato a scontrarsi con tutto e tutti. Dopo l’ennesima domanda scomoda ha persino esclamato, “Ma uno a mio favore lo hai invitato? No, bene. Sono solo contro tutti”.

Berlusconi ha ribadito che il Pdl pur avendo degli alleati fa corsa a se. La proposta della serata è stata quella del condono tombale ed edilizio che il leader del Pdl si è impegnato a rendere effettivo durante il primo Consiglio dei Ministri in caso di maggioranza assoluta del suo partito. La Lega Nord di Roberto Maroni si è sempre dichiarata contraria ad introdurre altri condoni. Berlusconi non sembra dare importanza a queste dichiarazioni e conferma, “Quello edilizio è uno degli argomenti di cui discuteremo in Parlamento. Se gli italiani daranno la maggioranza solo a me, introdurremo un condono tombale, quindi anche edilizio”.

Guarda il video di Silvio Berlusconi attaccato durante Leader

In studio era presente, tra gli altri, Maurizio Landini della Fiom che ha accusato Berlusconi di voler dare uno schiaffo a tutti i contribuenti onesti che pagano le tasse. Affermazione, quella del leader della Fiom, rispedita al mittente con qualche difficoltà, “E' la posizione classica della sinistra...e ha una sua fondatezza”. Berlusconi, pungolato sulla vicenda di Pomigliano, non ha risparmiato nemmeno la Fiat, "Ha sbagliato, ma è difficile trattare con la Fiom".

L’attacco più duro di Berlusconi, però, è stato dedicato a Mario Monti e soprattutto alla sua politica estera filo germanica. Senza mezze misure l’attacco al suo successore, “Ma è chiaro che la Germania, dopo aver tenuto il matrimonio tra Monti e Bersani, abbia adottato Monti perché fa tutto ciò che la Germania chiede. "Monti sembra più tedesco che italiano”.

Nulla di nuovo sotto il sole dunque. Berlusconi ha impostato l’intera campagna elettorale sulla restituzione dei soldi dell’Imu agli italiani, sul taglio delle tasse agli imprenditori e su un ipotetico scontro tra Italia e Germania dal sapore vagamente calcistico. Un’impostazione che è stata messa in difficoltà da Giovanni Floris a Ballarò ed ha mostrato diverse crepe anche durante la trasmissione di Lucia Annunziata.

Un imprenditore in collegamento, Luigi Desiderato, ha attaccato duramente Berlusconi urlando, “Basta con le balle, vogliamo i dati. Cifre precise non promesse. Presidente lei ha governato con le più larghe maggioranze della storia d’Italia non può chiedere i tempi supplementari. Le partite durano novanta minuti”.

La difesa di Berlusconi, come spesso gli accade, è stata una delegittimazione dell’avversario più che una risposta alla domanda, “Mi informano che quel signore lì, Luigi Desiderato, è candidato con la lista di Giannino”. Con l’ennesima battaglia verbale condotta da Silvio Berlusconi si entra di fatto nelle ultime due settimane di campagna elettorale, senza la possibilità di citare sondaggi e con tanti italiani che non sanno se andranno a votare.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017