Excite

Berlusconi riabbraccia Putin: "E' un errore isolarlo"

  • Getty Images
Un abbraccio, a distanza, a Vladimir Putin. Silvio Berlusconi, nel giorno dell'anniversario dalla liberazione del nazismo celebrato in Russia, torna a parlare del suo 'vecchio amico', quel leader con cui aveva cementato un rapporto strettissimo, tanto da alimentare le voci sulle comuni passioni femminili. L'ex presidente del Consiglio, però, mette al bando le nostalgie del passato e si sofferma sulla situazione attuale.

Quando Berlusconi e Putin passeggiavano insieme sul lago Valdai

Berlusconi ha inviato una lettera al 'Corriere della Sera' per criticare l'Occidente che ha boicottato le celebrazioni. "L’assenza dei leader occidentali alle celebrazioni a Mosca per il settantesimo anniversario della Seconda guerra mondiale è la dimostrazione di una miopia dell’Occidente che lascia amareggiato chi, come me, da presidente del Consiglio ha operato incessantemente per riportare la Russia, dopo decenni di Guerra fredda, a far parte dell’Occidente", scrive l'ex premier italiano.

Quindi "la scelta di non essere presenti a Mosca è prima di tutto una mancanza di rispetto al contributo decisivo della Russia alla vittoria su Hitler nel 1945", evidenzia Silvio Berlusconi. "E bene ha fatto il Corriere della Sera a sottolinearlo, ieri, con il bell’articolo di Franco Venturini. Naturalmente il regime di Stalin era un regime criminale, ma il sangue versato dai soldati russi (si calcolano 20 milioni di morti) per una causa che era anche la nostra meriterebbe ben altra considerazione", prosegue.

Un video che celebra l'amicizia di Berlusconi con Putin

Infine Berlusconi invita la diplomazia occidentale a distendere i toni e cercare un confronto con Vladimir Putin. "È vero, con la Russia ci sono delle serie questioni aperte. Per esempio la crisi ucraina. Ma sono problemi che è ridicolo pensare di risolvere senza o contro Mosca", ribadisce il leader di Forza Italia. "Anche perché - conclude Berlusconi - in Ucraina coesistono due ragioni altrettanto legittime, quelle del governo di Kiev e quelle della popolazione di lingua, cultura e sentimenti russi. Si tratta di trovare un compromesso sostenibile fra queste ragioni, con Mosca e non contro Mosca".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017