Excite

Berlusconi spiega la crisi al Bagaglino

La flessibilità comunicativa di Silvio Berlusconi è nota ai più ma, si sa, mai mettere limiti alla provvidenza del premier. Dopo la serata in discoteca, il leader del Pdl ha deciso di far breccia nel cuore degli italiani anche a teatro, mostrandosi ottimo interprete del più classico e italico avanspettacolo: quello del Bagaglino.

Guarda le foto dello spettacolo "Partiti..di testa"

Il presidente del consigio, appena uscito da una importante riunione a Palazzo Chigi convocata per discutere del coinvolgimento dell'Italia nella crisi finanziaria internazionale, è stato protagonista delpre intervallo di "Partiti..di testa", in sala da questa sera. Ha attraversato la platea del Salone Margherita e ha arringato la folla reindossando (all'uopo) i panni dell'imprenditore navigato per meglio rassicurare i risparmiatori preoccupati.

"Per favore un po' di silenzio, perché, signori e signori, ho qualcosa da dirvi. Sono venuto per dirvi che stasera, a Palazzo Chigi, abbiamo preso un provvedimento grazie al quale in questa crisi nessun italiano, e ripeto: nessun italiano perderà neppure un euro". (...) "Ho voluto partecipare a questa serata, e mi fa piacere ascoltare le canzoni del mio caro amico Apicella, anche se sono al termine di una giornata convulsa... ma, ecco, sono venuto proprio per dimostrarvi che la situazione è sotto controllo".

"Posso darvi un consiglio? Bisogna tenere i titoli nel cassetto e aspettare. Lo faccio anche io, per capirci, con Mediaset. Il valore del titolo ce l'ho avuto prima su, intorno ai 20 euro, poi giù, sugli 11, oggi eravamo sui 3,90, ma io sono tranquillo. Ripeto: bisogna stare calmi. Non dovete farvi prendere dal panico".

"Vi dicevo del panico. Questa mattina, i direttori delle banche mi hanno fatto sapere che i loro clienti andavano agli sportelli disperati, tutti che volevano portar via i soldi per poi metterli, non so, sotto il materasso. Ecco, è per questo che sono venuto. Per rassicurarvi tutti, anche perché, ve lo giuro: noi, in Europa, siamo quelli che stanno meglio".

Poi una barzelletta. "Allora, c'è un tizio che entra in un ristorante e vede una bella signora. Si volta, e fa all'amico: oh, io me la farei. E l'amico: scusa, ma quella sarebbe mia moglie... E l'altro: beh, pagando, s'intende".

Infine la solita galanteria: Una decina di ragazze in minigonna è riuscita a infilarsi nella mischia intorno al premier. Berlusconi le nota e le fa avvicinare. Ad una, la più bella, Berlusconi consiglia il solito: "Dammi retta, fatti sposare da uno ricco". Poi qualche frecciata tutta politica: "Ma vi sembro un dittatore? Quelli della sinistra non fanno che ripeterlo, dicono che c'è un regime, allora, vi sembro un dittatore? Mah, sono davvero dei pazzi".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016