Excite

Bersani-Renzi in tv, stasera su Raiuno: conduce Monica Maggioni

  • Getty Images

Un mercoledì da leoni? Chissà, di sicuro se lo augurano i vertici della tv pubblica, che dopo aver incassato lo smacco del confronto a cinque su Sky, sono partiti al contrattacco, riuscendo a garantirsi per stasera su Raiuno il duello Pierluigi Bersani-Matteo Renzi. Sulla rete ammiraglia, dunque, a partire dalle 20.45, i due candidati al ballottaggio delle primarie Pd 2012 si confronteranno - e si daranno battaglia, è la speranza - sui temi dei loro programmi elettorali.

Primarie centrosinistra 2012: tutte le informazioni e le notizie

Nel confronto interno per decidere il conduttore della serata, ad avere la meglio è stata Monica Maggioni, che dunque farà da moderatrice tra i contendenti e formulerà loro le domande preparate dalla redazione e quelle degli elettori collegati in diretta dai diversi comitati sparsi in tutta Italia. Sulle regole del confronto invece non si sa nulla, se non che sono state verificate e approvate dai due candidati e dai loro staff.

Ma la settimana televisiva ante-ballottaggio si preannuncia ricca di appuntamenti, con in particolare il sindaco di Firenze intenzionato a sfruttare il mezzo per riudrre il distacco dall'avversario. Dopo il non incontro a Che tempo che fa - a parte che nel bagno, come ha scherzato Renzi - e il confronto di stasera, i due sono tendenzialmente attesi anche su Mediaset e La7. "Dobbiamo capire qual è la disponibilità di Pierluigi sui confronti tv", ha dichiarato il primo cittadino toscano, lasciando intendere che tutto dipende dal segretario.

Da parte sua, infatti, Renzi si sta trasformando in una specie di 'prezzemolino' delle televisioni: oltre alle già citate partecipazioni, il sindaco è infatti intervenuto ieri mattina a La telefonata di Maurizio Belpietro su Canale 5 e poi in serata è andato da Vespa, dove non è riuscito a trattenersi dal fare una battuta delle sue: "Porta sfiga firmare contratti a Porta a Porta", ha infatti detto al conduttore, che ha replicato: "Ma come? Berlusconi poi ha governato 5 anni", fornendo all'interlocutore un favoloso assist: "Sì ma in 15 non ha realizzato nemmeno mezza cosa". L'intento di Renzi, mattatore delle platee (teleguidato?), è infatti chiarissimo: affrontare Bersani a colpi di dialettica e battute per recuperare terreno in vista del voto di domenica 2 dicembre.

E le tv non si tirano indietro. "Porte aperte per il confronto nelle forme e nei modi che saranno i direttori, in primis il Tg5, a stabilire d'intesa con i duellanti", ha detto il direttore generale dell'informazione di Mediaset, Mauro Crippa, seguito a ruota da quello di Sky, Sarah Varetto e da Enrico Mentana per La7. Freddezza e freddura, invece, da parte di Michele Santoro, che a proposito di una partecipazione dei due alla sua trasmissione 'indipendente' ha detto: "Da noi non vengono sicuro, non abbiamo il format".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017