Excite

Bianca Berlinguer e il 'Libro Bianca' che gira in Rai

A quanto pare in Rai circola un documento, intitolato 'Libro Bianca - La zarina fa ma non si dice', che prende di mira il direttore del Tg3 Bianca Berlinguer (i video). Il testo lancia in quindici punti accuse contro quella che è definita la 'direttorissima'. Dalla conduzione di 'Linea Notte', allo spazio concesso a copertura di determinati eventi politici, a presunti casi di censura, a battibecchi fuori onda con i politici, alle sfuriate contro i colleghi, ai demansionamenti.

Il testo è una raccolta di comunicazioni ricevute da colleghi che vogliono restare anonimi. In una nota la Berlinguer ha fatto sapere: 'Vengo a sapere che un documento anonimo raccattato da un giornalista del Tg1, viene inviato a un indirizzario di dirigenti, delegati sindacali della Rai e operatori dell'informazione. Il testo si qualifica da solo, tanto è zeppo di accuse maleodoranti nei miei confronti costruite su informazioni totalmente false, scambi di persona e attacchi infamanti a me e alla mia direzione'.

Il direttore del Tg3 ha poi aggiunto: 'Ho informato il direttore generale della Rai, Lorenza Lei, e ho dato mandato al mio avvocato di tutelare la mia immagine in ogni sede giudiziaria opportuna. L'unico organo preposto a tutelare l'integrità del corpo redazionale del Tg3 è il suo Cdr e nessuno può fare le sue veci. Mi limito a far notare che mai nella storia di questa azienda, nella quale lavoro da più di venti anni, era capitato di assistere a una tale degenerazione interna del clima'.

A quanto pare con il 'Libro Bianca' si è voluto ricreare un documento analogo a quello presentato contro il direttore del Tg1 Augusto Minzolini.

Il segretario Usigrai, Carlo Verna, ha affermato: 'Noi facciamo sindacato sempre dalla parte dei colleghi senza far politica, siamo estranei all'iniziativa individuale di Stefano Campagna. Mai fatto sconti né a Bianca Berlinguer né ad altri direttori. Vertenze aperte ci sono in quasi tutte le testate e ovviamente anche al Tg3, dove affianchiamo il Cdr ogni volta che ci sono ragioni da far valere. Siamo sempre stati ricevuti, abbiamo sempre avuto risposte alcune soddisfacenti altre meno, per cui continueremo a fare la nostra parte nell'ambito di una normale dialettica, sostenendo i colleghi del Tg3 che pongono casi, ma che si sentono strumentalizzati da chi per difendere maldestramente il proprio direttore attacca il loro con l'accetta. Alla Berlinguer, però, diciamo niente querele le questioni si affrontano in sede aziendale e sindacale'.

E Franco Siddi, segretario Fnsi, ha detto: 'Non c'è nulla di sindacale negli atti che si fondano su anonimi e insinuazioni variamente costruiti al solo scopo di colpire competitori o portatori di idee e progetti, anche professionali, diversi e rispettati. La denuncia di un documento anonimo contro il suo lavoro e la sua immagine del direttore del Tg3 Bianca Berlinguer, che sarebbe raccolto da un redattore del Tg1, è spia di un rischio deriva che, da certi esempi malvagi che già attraversano settori della politica, si stanno insinuando anche in ambiti dell'informazione'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016