Excite

Brunetta attacca Boldrini alla Camera: "Censuri la Ruocco". La Presidente: "Non mi piace il suo tono"

  • Blogo.it

Ancora scintille alla Camera tra Renato Brunetta e Laura Boldrini. Non è la prima volta che il capogruppo del Pdl e la presidente della Camera battibeccano in Aula. L'ultima volta era accaduto in merito alle proteste di Brescia durante la manifestazione anti-giudici del Pdl, con il deputato che accusava la presidente di mancata solidarietà nei confronti delle colleghe insultate in piazza. Stavolta al centro della lite c'è una polemica nata dalle parole della deputata del M5S Carla Ruocco, che nella seduta di ieri aveva definito Brunetta "alfiere e capo indiscusso del gruppo unico del malaffare, delle larghe intese e dell'inciucio".

Decreto del fare: sì al wi-fi libero, salta tetto agli stipendi dei manager. Polemica sulla fiducia

Il capogruppo del Pdl è intervenuto oggi alla Camera, mentre ci si appresta alla seconda seduta notturna per la discussione degli ordini del giorno al decreto del Fare, chiedendo alla presidente della Camera una censura nei confronti della parlamentare che lo ha apostrofato in maniera offensiva. Brunetta ha anche annunciato una querela: "Annuncio querela per diffamazione nei confronti di Carla Ruocco e auspico che in quest'Aula non si utilizzino più frasi come quelle sentite ieri sera, che lei giustamente ha censurato, perchè non fanno parte delle legittime prerogative del dibattito parlamentare". Il deputato ha esposto con veemenza la sua richiesta, così da scatenare la reazione della presidente della Camera e un conseguente battibecco tra i due.

Laura Boldrini ha condannato le espressioni usate dalla deputata grillina, dichiarando che "bisognerebbe evitare queste cose inopportune. Mi dispiace se c'è stata un'offesa". Allo stesso tempo la presidente della Camera non ha mancato di deplorare anche i toni eccessivi usati da Brunetta, che nell'esprimere la sua richiesta di intervento contro la deputata Ruocco ha urlato: "Io chiedo la censura!". Immediata la reazione della Boldrini: "Neanche questo tono mi piace, lasci a me decidere cosa fare per quello che mi concerne. Vedrò il verbale e mi regolerò di conseguenza".

La Boldrini ha infine rivolto un appello all'Aula affinchè la discussione torni ad essere costruttiva e senza violenza verbale: "Evitiamo il linguaggio offensivo, che non aiuta, né qui né fuori di qui" ha detto la presidente durante la seduta di oggi, seguita alla lunga notte di lavori in Aula sul decreto del Fare.

Camera dei Deputati: video della lite Brunetta-Boldrini

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017