Excite

Camilleri: "Non volevo votare, ma ho cambiato idea"

La voglia di non andare a votare il prossimo 13 aprile è venuta un pò a tutti anche allo scrittore siciliano, padre del commissario Moltalbano, Andrea Camilleri. La scelta dell'astensione era amara e lui non aveva voglia di parlarne, ma ora racconta attraverso una video intervista rilasciata a Micromega.net, che ci ha ripensato. Andrà al seggio e voterà per la coalizione Veltroni-Di Pietro.

"Non volevo andare a votare, ma ho cambiato idea. Per fermare Berlusconi. Berlusconi è qualcosa che non ci appartiene. - Incalza lo scrittore nel video. - È un extraterrestre rispetto alla democrazia. Non ha la più lontana concezione di cosa possa essere una democrazia. A denti stretti arrivo a dire che perfino Fini potrebbe essere oggi il leader di una desta che adotta il nostro stesso vocabolario. Certo, le parole che poi sceglierebbe sarebbero assai diverse dalle nostre. Il vocabolario di Berlusconi invece è incomprensibile. Va decrittato. D'altronde, lui è il fratello di latte di Putin".

Andrea Camilleri si dice convinto che con l'attuale sistema elettorale la preferenza al Pd sia l'unica soluzione per evitare una prospettiva che non esita a definire "oscena". La tesi da cui parte lo scrittore è semplice: "Berlusconi non conosce neppure l'alfabeto della democrazia è l'extraterrestre della democrazia".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016