Excite

Candidatura Ciarrapico: polemiche An-Berlusconi

Il fascismo "mi ha dato sofferenze e gioie ma non l'ho mai rinnegato". Ieri un'intervista di Giuseppe Ciarrapico a "La Repubblica" ha movimentato la prima giornata da candidato del Pdl dell'imprenditore laziale. Ciarrapico ha poi precisato il senso della sua intervista, ma è stato comunque bersagliato da critiche trasversali sia da sinistra sia dal suo stesso schieramento, con Umberto Bossi che è arrivato a chiedergli di "fare un passo indietro se non vuole danneggiare la coalizione". Una richiesta che stava per avanzare anche Gianfranco Fini ("Se è davvero fascista, si ritiri", aveva detto il leader di An ai cronisti) proprio alcuni minuti prima che arrivasse la precisazione dell'editore.

Ha fatto bene Berlusconi ad inserire Giuseppe Ciarrapico nelle liste del Pdl?
Vota il nostro sondaggio


L'ex-presidente della Roma ha spiegato che "il testo dell'intervista pubblicata sul quotidiano La Repubblica non corrisponde al mio pensiero". Ciarrapico ha quindi chiarito che, a suo parere, "il fascismo appartiene al nostro passato e il giudizio su questo periodo drammatico della nostra storia è bene che sia lasciato agli storici". L'imprenditore non ha nascosto di aver simpatizzato per il fascismo: "Per quanto mi riguarda, non ho mai nascosto la mia giovanile adesione ad esso, al pari di tanti illustri italiani, ma al tempo stesso ho sempre espresso la mia netta riprovazione e condanna, qualunque sia stata, per la perdita della democrazia e ancora di più per le discriminazioni razziali", ha sottolineato Ciarrapico raccontando di aver anche aiutato una famigia ebrea durante la guerra: "Io e la mia famiglia ci siamo sempre onorati di aver assistito nella latitanza nel 1944 una delle più importanti famiglie israelite in Roma".

Fredda la reazione di An: "Abbiamo già detto che ha sbagliato a dire certe cose, ma se ora se ne sta un pò da parte farebbe un buon servizio a tutti". Lo affermava ieri il capogruppo di An Ignazio La Russa a proposito delle polemiche legate alla candidatura nel Pdl di Giuseppe Ciarrapico. Per l'esponente di via della Scrofa "si tratta comunque di una strumentalizzazione che dura lo spazio di un mattino. È disarmante pensare che la campagna elettorale debba ruotare attorno alla candidatura di Ciarrapico. Non è mai stato un tema di campagna elettorale e un tema politico quando Ciarrapico aiutava "Repubblica" a finire nelle mani di Caracciolo o quando dicendo le stesse cose era la spalla di Andreotti".

Categorico Silvio Berlusconi: "Giuseppe Ciarrapico è un editore ed è bene averlo schierato dalla parte del Popolo delle Libertà. An era d'accordo sulla sua candidatura e "con quello che sta succedendo a Napoli, è importante una dichiarazione del signor Ciarrapico che poi ha subito smentito Le cose serie sono altre". (...) "Un signore di mondo - ha aggiunto - quando lo si vede sprizza la simpatia di un Fabrizi".

"Si deve fare una campagna elettorale e si deve vincere -dice ancora Berlusconi- L'editore Ciarrapico ha dei giornali importanti, credo che sia assolutamente importante che questi giornali non siano ostili. Visto che quasi tutti i grandi giornali stanno dall'altra parte, quando ce ne è qualcuno che è a nostro favore credo che sia una cosa assolutamente logica cercare di continuare di averli a favore. Anche Alleanza nazionale era d'accordo sul fatto di questa candidatura".

"Ciarrapico - ha aggiunto Berlusconi - è un imprenditore che quando è andato al congresso del Partito democratico è stato accolto benissimo ed applaudito. Ha detto che è stato male interpretato e ha smentito completamente quanto gli era stato attribuito. Mi sembra che queste siano cose assolutamente minori ed ininfluenti mentre io sono preoccupatissimo per quello che sta succedendo in Campania. Ho letto che c'è stato un crollo verticale di tutte le prenotazioni degli alberghi non solo a Napoli ma anche a Ischia e a Capri e sono calati del 40% coloro che si recavano nella Regione per lavoro. Quindi la catastrofe ecologica si sta trasformando in catastrofe economica. La cosa grave è che il tanto vantato decisionismo di Veltroni si sia arrestato di fronte al fatto che Bassolino sia ancora lì".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016