Excite

Cécile Kyenge, lancio di banane contro il ministro alla festa Pd. La replica: "Triste sprecare cibo"

  • Getty Images

Ancora una contestazione a sfondo razzista contro il ministro per l'Integrazione, Cécile Kyenge: dopo la polemica sollevata dalle parole del vicepresidente del Senato Calderoli, che l'aveva paragonata ad "un orango" per poi scusarsi di fronte al ministro in Parlamento, l'esponente di colore del governo Letta è stata aggredita alla Festa del Pd di Cervia, sulla riviera ravennate, con un lancio di banane. A dimostrazione di quanto anche le dichiarazioni che spesso vengono derubricate come "battute infelici" o "uscite fuoriluogo" hanno comunque una certa presa sulle tendenze xenofobe presenti nella società.

Calderoli: "Kyenge? Penso a un orango". Da Napolitano a Letta, le reazioni

Sempre alla Festa democratica, la notte scorsa, i militanti di Forza Nuova, avevano lasciato manichini insanguinati tra gli stand. Poi la contestazione diretta contro il ministro, ospite sul palco di Cervia: alcune persone hanno lanciato due banane sul palco, interrompendo l’intervento della Kyenge alla manifestazione. La frutta non ha raggiunto il ministro, arrivando però a colpire gli spettatori delle prime file. Durante alcuni passaggi del discorso sul tema immigrazione, si è verificata la blanda contestazione di un gruppetto di giovani.

Calderoli, scuse a Kyenge in Senato: "Ho fatto una sciocchezza, ma non mi dimetto"

Il moderatore del dibattito al momento della contestazione era il direttore del Giorno, Giancarlo Mazzuca, che immediatamente sospeso la discussione: "Cervia non merita gesti stupidi come questo", ha dichiarato il giornalista. Come sempre il ministro Kyenge ha risposto con grande savoir fair: "Con la gente che muore di fame e la crisi sprecare cibo così è triste" ha detto dal palco.

Mario Borghezio (Lega Nord) a La Zanzara: "Cècile Kyenge? Sembra una casalinga"

La contestazione era stata anticipata la notte precedente da una protesta degli attivisti di Forza nuova contro il ministro per la questione dello Ius soli, il diritto alla cittadinanza per chi nasce in territorio italiano. Alcuni contestatori avevano riposto tra gli stand della festa del Pd tre manichini bianchi, con addosso jeans e felpe macchiati di vernice rossa a simulare il sangue. La protesta spiegata in un volantino: "No allo ius soli, l’immigrazione uccide".

Il gruppo locale del movimento di estrema destra aveva di lì a poco rivendicato il gesto simbolico, come ha spiegato Raffaello Mariani, operaio di Faenza, responsabile di Forza Nuova Romagna, con riferimenti che ricordano quelli usati da Calderoli due settimane fa: "È stata un’azione dimostrativa per dire che non siamo d’accordo con lo ius soli, che rappresenta la rovina delle nostre tradizioni, della cultura e della famiglia italiane. Ormai se arriva una barca di donne incinte hanno più diritti di noi, ma l’Italia l’abbiamo fatta noi non dei beduini. Quelli del Pd sono spocchiosi, arroganti, credono che tutta la gente la pensi come loro ma non è così. Noi non siamo razzisti, siamo identitari, i Democratici sono i veri razzisti".

I carabinieri della Compagnia di Cervia hanno già identificato sei persone come possibili autori del blitz, mentre il Pd locale ha espresso "assoluto sdegno per l'atto di intimidazione" messo in scena da "un gruppo di estremisti nei confronti del nostro partito" oltre a "preoccupazione e stupore per la presenza nella nostra città di vergognosi fenomeni di rigurgiti fascisti". Il macabro gesto era stato duramente stigmatizzato anche dal sindaco Zoffoli: "La città di Cervia è felice di accogliere questa sera il Ministro all'Integrazione Cécile Kyenge. Siamo profondamente feriti dal gesto infame che Forza Nuova ha messo in atto l'altra sera alla festa del Partito Democratico: un gesto che condanniamo con forza e che non appartiene alla cultura di questa terra e di questa comunità, che è aperta al dialogo, ospitale, solidale e predisposta all'integrazione (...) La nostra città è all'avanguardia per l'applicazione e il rispetto delle politiche sull'immigrazione e sulle azioni necessarie alla conoscenza, al rispetto e all'integrazione di tutte le comunità straniere presenti nel nostro territorio".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017