Excite

Berlusconi e il gioco di Priapo

Il velo si strappa e delle "cene eleganti" di berlusconiana memoria viene restituita un'immagine tutt'altro che formale e ordinaria. A rompere il muro di omertà e reticenze costruito dalle ospite compiacenti e dagli avvocati zelanti di Silvio Berlusconi ci hanno pensato due ragazze piemontesi, Chiara Danese e Ambra Battilana, che stanche dei pettegolezzi del paese in cui vivono hanno deciso di raccontare ai pm la loro versione dei fatti.

Foto: scopri il mito di Priapo, divinità dell'istinto sessuale

Foto: Chiara Danese, Miss Ragazze in gambissima 2010

Foto: Ambra Battilana, Miss Piemonte 2010

Come ricostruito oggi da Il Corriere e La Repubblica, Chiara e Ambra entrano nel giro perché aspiranti concorrenti di Miss Italia. Il loro agente, Daniele Salemi, in contatto con Lele Mora, le presenta a Fede "che subito si mostrò entusiasta di noi, disse "vanno benissimo", non ci richiese l'effettuazione di alcuna prova ma si mostrò deciso a sceglierci come "meteorine" a 5.000 euro a settimana". Una "selezione" che lascia perplesse le due ragazze ma che non le insospettisce più di tanto visto che la sera tra il 22 e il 23 agosto 2010 Chiara e Ambra accettano l'invito del loro pigmalione ad Arcore. E qui, apriti cielo.

Le due si trovano catapultate in una situazione che definiscono "più grande di noi", con la consigliera regionale Nicole Minetti che fa la lap dance e la cena palcoscenico di un Berlusconi volgare, barzellettiere sconcio, che Fede sostiene dando di gomito alle invitate perché ridano "in maniera eccessiva e forzata", come spiegano le aspiranti Miss. Ma lo squallore non si limita alle parole, ben presto passa ai fatti. Dopo l'ultima barzelletta, infatti, il Presidente del Consiglio "si fece portare una statuetta di Priapo (personaggio della mitologia classica simbolo dell'esuberanza sessuale, ndr) e la fece girare tra le ragazze" raccontano le piemontesi. "E' una specie di guscio. Dal guscio esce un omino con un pene grosso. La statuetta ha dimensioni di una bottiglietta d'acqua da mezzo litro. Il pene è visibilmente sproporzionato", spiegano ancora le due e scendono nei dettagli: "Berlusconi fa girare la statuetta tra le ragazze. E chiede loro di baciarne il pene. Le ragazze cominciano a far girare la statuetta. Ne baciano il pene e simulano un rapporto orale. O se lo avvicinano ai seni scoperti. Tutti ridono. Io e Ambra non ci prestiamo al gioco indecente". Una scena che fa accapponare la pelle alle due testimoni perché: "ci sorprende che anche la Bonasia, che il presidente ha presentato a tutti come la sua fidanzata, si presti". Finita lì? Neanche per sogno, il peggio deve ancora arrivare.

Le protette di Salemi raccontano che a un certo punto le "ragazze si dimenavano, ballavano, cantavano "meno male che Silvio c'è", si facevano baciare i seni dal presidente, lo toccavano nelle parti intime, e poi facevano lo stesso con Fede. Eravamo scioccate, in una situazione più grande di noi. A un certo punto Berlusconi, visibilmente contento, disse "allora siete pronte per il bunga bunga?", e tutte le ragazze in coro hanno urlato "Siiii!". Così l'"elegante" compagnia di conviviali sale le scale e mentre anche Chiara e Ambra si accingono a farlo, la sorpresa: "Berlusconi dietro di noi ci poggiò le mani sui glutei, ma un palpeggiamento sul sedere, e reiterato". Un gesto che non lascia adito a dubbi, al punto che Ambra si chiede "ma che dobbiamo fare, dobbiamo darla?", al quale segue uno spettacolo di ragazze seminude, con vestiti da crocerossina e frustini, che "avvicinandosi a Berlusconi lo toccavano e si facevano toccare nelle parti intime".

Il caso Ruby-Berlusconi: tutti gli aggiornamenti

Terrorizzate, sconvolte e senza più parole, le due chiedono a Fede di andarsene, non prima di aver rischiato il peggio con Berlusconi che incita le altre ragazze: "spogliatele... spogliatevi... ballate". Il direttore del TG4 non batte ciglio, ma dice senza troppi giri di parole "se volete andare via, va bene, ma non pensate di poter fare le meteorine o Miss Italia", con Berlusconi di fianco che non parla ma annuisce. A quel punto, fortunatamente, la serata di Chiara e Ambra finisce e le due salgono in macchina con Fede per tornare a casa. Ma è qui che c'è l'ultimo colpo di scena. L'Emilio nazionale, infatti, cambia completamente atteggiamento e rivolgendosi alle due dice "brave, avete superato una prova", perché non si sono comportate come le altre. Un primo tentativo di mettersi al riparo da eventuali "fughe di notizie"? Non si sa, resta il fatto che il racconto di Ambra e Chiara cambia completamente la prospettiva sui rendez vous di Arcore. E questo Berlusconi non può ignorarlo.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016