Excite

Cofferati lascia il Pd, accuse ai renziani per le primarie in Liguria: "Voto inquinato, indaghi Procura Antimafia"

  • Twitter @DanieleLazzeri

Volano gli stracci in casa Pd dopo lo strappo delle primarie in Liguria, pagate a caro prezzo dal partito di Renzi con l’addio inatteso dell’ex segretario generale della Cgil Sergio Cofferati.

Gaffe di Renzi: selfie e sbadigli nell’incontro col presidente del Parlamento Europeo

Il mancato intervento della dirigenza nazionale "dem", a fronte di decine di segnalazioni circostanziate in merito ad infiltrazioni di notabili del centrodestra nel voto per la scelta del candidato alla presidenza della Regione, ha aperto un caso politico dentro la principale forza politica della sinistra italiana, provocando polemiche e fratture insanabili.

Protagonista della battaglia per la trasparenza e contro i tentativi di condizionamento delle elezioni degli aspiranti governatori della Liguria, il “cinese” Cofferati si è speso in prima persona per ottenere una presa di posizione chiara delle alte sfere del Pd sulle tante irregolarità rilevate dal collegio dei garanti in sede di controllo sullo spoglio delle primarie dello scorso 11 gennaio.

(Primarie del Pd in Liguria, denunce di brogli: chiesto l'intervento della magistratura)

Il dubbio, documentato da svariate testimonianze e forse anche da prove oggettive secondo l’opposizione interna, che dietro la vittoria della renziana Raffaella Paita vi fosse la spinta di Forza Italia e di ambienti formalmente estranei al centrosinistra, si è fatto strada nella settimana seguente al voto ligure, seminando scompiglio all’interno del Partito Democratico.

Sergio Cofferati non ha usato mezzi termini nell’accusare i vincitori delle primarie, parlando di problema politico e morale da risolvere, ma la decisione di fare le valigie dal Pd sembra ormai irreversibile, proprio alla luce dei fatti citati dallo stesso europarlamentare: “Una parte in cui ci sono fascisti non può imporci un modello di governo, il partito non ha fatto nulla per impedire l’inquinamento del voto.

Il riferimento alle povere persone straniere portate in gruppo nei seggi” ed all’intervento diretto del centrodestra nelle urne a favore della candidata Paita non poteva essere più chiaro e tagliente, anche perché ad avviso del denunciante “bisognerà far lavorare la Procura e il Dipartimento Antimafia“ per far luce su quanto accaduto una settimana fa in Liguria.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017