Excite

Comune di Roma, 360 milioni "indebitamente erogati" ai dipendenti pubblici: giunta Marino nei guai

  • Twitter @ilmessaggeroit

Nuova “tegola” sulla testa di Ignazio Marino, già colpito con la sua amministrazione dallo scandalo Mafia Capitale e adesso alle prese con la grana del buco nei conti del Comune creato dall’ex sindaco Gianni Alemanno.

Carlo Verdone critica la classe politica romana e "scarica" Ignazio Marino

Secondo il Ministero dell’Economia, infatti, i salari accessori erogati dalla giunta di centrodestra nel periodo che va dal 2008 al 2013 sotto forma di premi di produttività per i dipendenti erano “illeciti” e pertanto andranno in qualche modo restituiti all’erario: si tratta di una cifra pari a circa 360 milioni di euro.

Pur non avendo responsabilità nel caso specifico, Marino si trova adesso in piena emergenza per via del possibile “smottamento” del bilancio comunale determinato dalla richiesta di reintegrazione del danno prodotto alle casse statali dall’indebita assegnazione di bonus agli impiegati pubblici e le conseguenze di tale caos sui già fragili equilibri politici della maggioranza di centrosinistra rischiano di essere devastanti.

("Alemanno come Berlusconi", l'accusa del sindaco Marino al suo predecessore)

Proprio mentre cresce la protesta, alimentata dalle forze di opposizione e condivisa da fasce sempre meno minoritarie della cittadinanza, nei confronti delle istituzioni locali, l’eventuale taglio degli stipendi con conseguente riduzione dei servizi pubblici per scioperi e altre mobilitazioni minacciate dai sindacati metterebbe all’angolo l’amministrazione capitolina come confermato dal vicesindaco Nieri che si è dichiarato “dalla parte dei dipendenti.

I “problemi di ordine pubblico connessi alla discesa in campo degli impiegati pronti a “bloccare Roma per il Giubileo” (oltre che a sospendere le attività di uffici, asili nido e polizia municipale) sono tutt’altro che improbabili e per rimediare alla disastrosa situazione del bilancio del Campidoglio potrebbe rendersi necessario un intervento riparatore del governo centrale.

Sta di fatto che una copertura per i 360 milioni di euro dei salari accessori illecitamente distribuiti “a pioggia” secondo gli ispettori del Tesoro andrà al più presto trovata, così come la soluzione all’irrisolta questione del bilancio in rosso del Comune.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017