Excite

Cosa prevede il decreto legge approvato dal Senato

Stop ai processi fino al giugno 2002 per dare priorità a quelli per reati più gravi; tremila soldati nelle città con compiti di vigilanza su obiettivi sensibili; una stretta sulle espulsioni per gli immigrati clandestini e aggravante della clandestinità, ma anche più poteri a sindaci e prefetti in materia di sicurezza e ordine pubblico. Queste alcune delle misure più rilevanti contenute nel decreto legge approvato oggi dall'assemblea di palazzo Madama (166 voti favorevoli, 123 contrari ed un astenuto) e che ora passerà al vaglio di Montecitorio. Ecco, punto per punto, cosa prevede il provvedimento:

- STOP AI PROCESSI FINO AL GIUGNO 2002: Priorità ai procedimenti per delitti puniti con l'ergastolo o con una reclusione superiore a 10 anni, ai delitti di criminalità organizzata, ai procedimenti con imputati detenuti e a quelli da celebrarsi con rito direttissimo e con giudizio immediato. Precedenza assoluta anche ai reati in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro. Per favorire un iter più veloce per questi processi, saranno sospesi per un anno quelli per fatti commessi fino al 30 giugno 2002 che si trovino in uno stato compreso tra la fissazione dell'udienza preliminare e la chiusura del dibattimento di primo grado. Il corso della prescrizione rimane sospeso e riprende dal giorno in cui è cessata la sospensione. La sospensione non vale per i procedimenti sulle cosiddette 'morti bianchè. Gli imputati che lo vorranno potranno comunque chiedere di essere giudicati.

- UTILIZZO DEI MILITARI NELLE GRANDI CITTÀ: Il ricorso a unità dell'esercito nelle grandi città sarà consentito "per specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione della criminalita". Saranno 3 mila le unità che, per un periodo massimo di sei mesi (rinnovabile una volta) saranno a disposizione dei prefetti delle aree metropolitane o comunque densamente popolate per servizi di vigilanza a siti e obiettivi sensibili, nonchè di perlustrazione e pattugliamento in concorso e congiuntamente alle forze di polizia. Saranno utilizzati preferibilmente carabinieri impiegati in compiti militari o comunque volontari delle stesse forze armate specificamente addestrati per i compiti da svolgere.

- ERGASTOLO PER CHI UCCIDE UN PUBBLICO UFFICIALE: Per chi uccide un agente delle forze dell'ordine in servizio (poliziotti, carabinieri, finanzieri e altri agenti di pubblica sicurezza) la condanna sarà dell'ergastolo. Viene così introdotta un'ulteriore fattispecie tra quelle per cui scatta il carcere a vita.

- PIÙ REATI SENZA SOSPENSIONE DELLA PENA CARCERARIA: Aumenta il numero dei reati per i quali non è concessa la sospensione della pena detentiva. Rimarrà in carcere chi commette atti osceni, violenza sessuale, violenza sessuale di gruppo, furto e tutti i delitti aggravati dalla clandestinità, ma anche chi spaccia sostanze stupefacenti e psicotiche. Per chi è incensurato non scatteranno più in maniera automatica le attenuanti generiche. Il giudice valuterà caso per caso a seconda della gravità del reato.

- PIÙ RITI DIRETTISSIMI, NO AL PATTEGGIAMENTO IN APPELLO: Per accelerare i processi, il decreto prevede l'obbligo, e non più la facoltà per il pubblico ministero (a meno che ciò non pregiudichi gravemente le indagini) di richiedere il rito direttissimo o il giudizio immediato per i reati per i quali sono previsti i riti speciali. Aumentano inoltre le fattispecie perseguibili con processo ordinario. Il pubblico ministero può procedere con il rito direttissimo nei confronti dell'imputato quando l'arresto in flagranza è già stato convalidato e quando lo stesso imputato abbia confessato o la prova della sua colpevolezza sia evidente. Il rito direttissimo diventerà la regola in relazione a tutte le indagini che non richiedono attività ulteriori da parte del pm. Anche per il giudizio immediato è stata introdotta la previsione della necessità come regola generale. Viene introdotto il divieto di patteggiamento in fase di appello: l'accordo tra le parti potrà aversi solo in fase di udienza preliminare. La sospensione della pena non potrà essere applicata per i reati in relazione ai quali ci sono esigenze di tutela della collettività.

- ESPULSIONE DEGLI STRANIERI IRREGOLARI: Le nuove norme ampliano i casi di espulsione degli immigrati clandestini su ordine del giudice prevedendo analogo provvedimento per i cittadini comunitari, attraverso la misura dell'allontanamento di chi non ha reddito o delinque. Il limite della pena per applicare l'espulsione o l'allontanamento viene portato a due anni di carcere (ora è previsto a non meno di 10). Il giudice, in tutti i casi di condanna dello straniero o del cittadino comunitario a più di due anni di carcere, ne ordina il rimpatrio. Chi trasgredisce l'ordine di espulsione o di allontanamento è punito con la reclusione da uno a quattro anni. I Centri di permanenza temporanea (Cpt) e i Centri di permanenza temporanea e assistenza (Cpta) cambiano nome e diventano Centri di identificazione ed espulsione (Cie). Per chi dichiara una falsa identità a un pubblico ufficiale si prevede l'innalzamento del massimo della pena, che passa da tre a sei anni. Verrà punito con il carcere fino a sei anni anche chi altera parti del proprio corpo o del corpo di un altro. La pena è aggravata se è commessa da un medico o da un operatore del settore sanitario.

- AGGRAVANTE CLANDESTINITÀ: Se chi commette un reato si trova illegalmente sul territorio nazionale le pene sono aumentate di un terzo. La nuova aggravante di clandestinità viene applicata sia agli extracomuniari che ai cittadini di Stati membri dell'Unione europea irregolarmente entrati in Italia.

- CARCERE E CONFISCA DELLA CASA PER CHI LUCRA SUGLI AFFITTI A IMMIGRATI: Carcere da sei mesi a tre anni per chi, a titolo oneroso, al fine di trarre ingiusto profitto, dà alloggio a uno straniero privo di titolo di soggiorno in un immobile di cui abbia disponibilità, o lo cede allo stesso anche in locazione. Con la condanna scatta anche la confisca del bene. La fattispecie dell'ingiusto profitto dovrebbe escludere i casi di chi ospita badanti o colf.

- SANZIONI PIÙ DURE PER PIRATI DELLA STRADA UBRIACHI: Sanzioni più severe per chi guida in stato di ebrezza o sotto l'effetto di stupefacenti prevedendo un'aggravante delle pene e delle sanzioni accessorie in caso di lesioni gravi o gravissime a persone o di omicidio colposo. Per l'automobilista ubriaco o drogato che causa incidenti mortali o feriti gravi è previsto il carcere da 3 a 10 anni, la confisca del veicolo e il ritiro della patente. Ulteriori inasprimenti della pena sono previsti per chi non si ferma a prestare soccorso. Per chi rifiuta di sottoporsi ai controlli per accertare lo stato di ebrezza o l'assunzione di droghe non ci sarà più solo una sanzione amministrativa ma l'arresto da tre mesi a un anno con sospensione della patente e confisca del mezzo.

- PIÙ POTERI A SINDACI E PREFETTI: Più poteri a sindaci e prefetti in tema di sicurezza e ordine pubblico. Prevista la cooperazione tra la polizia locale (municipale e provinciale)e le forze di polizia statale, nell'ambito di direttive di coordinamento del ministero dell'Interno. Il sindaco può adottare provvedimenti "contingenti e urgenti" per prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l'incolumità pubblica e la sicurezza urbana. Anche al prefetto è dato un ruolo più attivo, consentendogli di intervenire con propri provvedimenti in caso di inerzia del sindaco e di predisporre gli strumenti necessari all'attuazione delle iniziative adottate dal primo cittadino per l'incolumità pubblica. In tema di contrasto all'immmigrazione, il sindaco segnalerà alle competenti autorità gli stranieri irregolari da espellere (o i cittadini comunitari da allontanare).

- POLIZIA MUNICIPALE E CAPITANERIA DI PORTO HANNO ACCESSO AL CED DEL VIMINALE: Il personale della polizia municipale addetto ai servizi di polizia stradale accede direttamente al Centro elaborazioni dati del Viminale (Ced) per consultare lo schedario dei documenti di identità rubati o smarriti (fino a oggi poteva accedere solo allo schedario dei veicoli rubati o rinvenuti). Oltre alla consultazione dei dati del Ced (e questa è un'ulteriore novità) gli agenti di polizia municipale possono immettere dati acquisiti autonomamente. Possono accedere al Ced anche gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria della capitaneria di porto.

- LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE: Vengono introdotte norme specifiche in materia di distruzione delle merci contraffate sequestrate.

- NO AL GRATUITO PATROCINIO PER I CONDANNATI PER MAFIA: I mafiosi già condannati non potranno più avvalersi del gratuito patrocinio.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016