Excite

Cosenza, fermate 12 persone che progettavano un attentato contro pm Dda

  • Foto:
  • ©LaPresse

Nel mirino della 'Ndrangheta c'era il pm di Catanzaro Vincenzo Luberto, che da un decennio si occupa di inchieste antimafia nella Sibaritide, e a quanto pare erano in corso preparativi per un attentato. A bloccare tutto i carabinieri di Cosenza che, con l'operazione 'Tsunami', hanno fermato dodici pluripregiudicati appartenenti alla cosca Abbruzzese che opera nell'alto Jonio cosentino.

L'operazione 'Tsunami', condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza e dalla Polizia di Stato, ha preso il via questa mattina. Da quanto emerge dalle indagini, la cosca Abbruzzese, stava pianificando un attentato imminente alla vita del magistrato della Procura distrettuale antimafia di Catanzaro.

La Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro ha emesso provvedimenti di fermo nei confronti dei pluripregiudicati. I dodici fermati sono ritenuti responsabili di associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, porto e detenzione aggravati di armi da sparo comuni e da guerra. Undici provvedimenti sono eseguiti dai carabinieri, uno dal commissariato di polizia di Castrovillari.

Incontrando i giornalisti il procuratore aggiunto di Catanzaro, Giuseppe Borrelli, ha spiegato: 'Si tratta di una deliberazione omicidiaria già assunta. Stavano aspettando il momento giusto per realizzarla'. E ha aggiunto: 'E' stata verificata l'esistenza dell'intenzione di attentare alla vita del magistrato, che ci ha costretto ad accelerare i tempi per evitare che questo proposito potesse essere portato a termine'.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016