Excite

Cuba: Raul Castro succede a Fidel

Raul Castro Ruz, 76 anni, "l'eterno secondo" della Rivoluzione, è stato scelto oggi dall'Assemblea nazionale per assumere il timone di Cuba nel prossimo quinquennio che, a detta di tutti gli analisti, non si presenta per nulla facile. Ricordiamo che Fidel Castro si è dimesso lo scorso martedì per problemi di salute.

Guarda le foto di Raul Castro

Da sempre vicepresidente e comandante delle Forze armate rivoluzionarie (Far), Raul Castro ha fatto capire che la sua gestione non sarà burocratica nè di routine, quando nel messaggio letto in Assemblea dopo l'elezione, ha toccato senza giri di parole tutti i punti controversi della politica e dell'economia cubana, ammettendo apertamente l'esistenza di "difficoltà interne". Ed in questo senso ha chiesto "maggiore efficienza" al governo, ha invitato la gente a non respingere le discrepanze, ha chiesto maggiore democraticità al partito e ha ammesso la necessità di una "riforma integrale" del sistema monetario.

Nel discorso, pronunciato con tono deciso e consacrato in gran parte a elogiare il lavoro svolto in questi 50 anni dal Lider Maximo ha ribadito fra l'altro: "Fidel è insostituibile, è speciale, lui sente il rumore che fa l'erba quando cresce e vede quello che sta succedendo dietro un angolo". Anche per queste sue qualità ha quindi chiesto ed ottenuto dall'Assemblea la possibilità di poterlo consultare nelle decisioni fondamentali in materia di difesa, politica estera e sviluppo socio-economico di Cuba.

Pur avendo già guidato il paese come presidente ad interim negli ultimi 19 mesi, Raul Castro, 76 anni, si è seduto oggi alle 10 nel suo posto di deputato eletto nelle legislative del 20 gennaio scorso, ed ha accompagnato tutte le procedure per la scelta prima della presidenza dell'Assemblea e poi del Consiglio di Stato.

Il "numero 2" del governo sarà ora Machado Ventura, che assume l'incarico di presidente del Consiglio dei ministri. Si tratta di un medico di 77 anni, che ha da sempre lavorato nella sfera ideologica e organizzativa del Partito comunista. Per il momento sarà un premier senza ministri, perchè Raul Castro ha detto che saranno designati "quest'anno in una prossima sessione dell'Assemblea, perchè prima bisognerà fare il punto su tutti i problemi esistenti e sui programmi di riforma che vogliano applicare".

Intanto il commissario Ue allo sviluppo Louis Michel, che si recherà il 6 e 7 marzo a Cuba, si è detto "pronto ad un dialogo costruttivo con Raul Castro", nominato nuovo presidente cubano. "La commissione europea - ha affermato Michel - è pronta a continuare a lavorare col governo cubano in coordinamento con i partner europei, per migliorare e approfondire le questioni di comune interesse come l'ambiente e i cambiamenti climatici". "Gli obiettivi di questo processo restano quello della posizione comune Ue e sono compatibili con la politica europea di impegno costruttivo verso Cuba", ha spiegato Michel. L'Unione europea mantiene nei confronti di Cuba una serie di sanzioni diplomatiche.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016