Excite

D'Alema lancia Renzi: "Lo immagino a Palazzo Chigi, Letta non ha futuro". Il sindaco in campo il 30 agosto

  • Getty Images

C’eravamo tanto odiati. Massimo D’Alema lancia Matteo Renzi a Palazzo Chigi e lo fa da Narni in provincia di Terni in una festa del Pd con meno di cento persone ad ascoltarlo. “Matteo Renzi è indubbiamente intelligente. Mi ha incuriosito, volevo conoscerlo, scoprire che genere di libri legge uno così. Alla fine non l’ho scoperto, ma lui è un ragazzo brillante. Mi ha attaccato all’inizio con la storia della rottamazione.” Ricorda che lui e Veltroni si sono fatti da parte ma i litigi nel partito restano.

Berlusconi pronto a tutto: dimissioni di massa e spinge per il voto anticipato. Letta sale al Colle

Letta è solo un leader di transizione per un governo momentaneo e con un programma di scopo. Non sarà utile una seconda volta. Per il futuro io immagino Gianni Cuperlo alla segreteria del partito e Matteo Renzi a Palazzo Chigi dice il presidente della fondazione ItalianiEuropei. Quasi uno scambio: Cuperlo, un uomo di D’Alema, alla segreteria e Renzi candidato premier con un sacrificio di Enrico Letta.

Certo bisogna fare i conti con i bersaniani e i lettiani. Zoggia fa sapere che potrebbe esserci Letta dopo Letta e che le primarie potrebbero saltare e il renziano Nardella risponde a tono. La crisi di governo è vicina e nel Pd c’è aria di resa e il sindaco di Firenze non ha nessuna intenzione di stare a guardare. “Adesso penso a fare il sindaco e sulla politica nazionale non dirò nulla. Fino a venerdì prossimo...” avrebbe confidato ai suoi.

Si perché il 30 agosto torna a parlare, sarà alle feste dell’Unità di Reggio Emilia e a Forlì, non ci sarà l’annuncio definitivo ma farà sapere che lui in campo c’è. Renzi non vuole la segreteria di partito ma sogna di essere il candidato premier e la probabile crisi di governo lo costringe ad accelerare. A Palazzo Chigi e al Nazarano temono che Renzi possa chiedere il divorzio tra Pd e Pdl che ancora non si decide a lasciare il partito di Berlusconi in maniera definitiva. La linea “dura” di Letta sarebbe proprio dovuta alla paura di farsi superare “a sinistra” da Renzi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018