Excite

diMartedì, Salvini: "L' immigrazione è una possibilità, non un diritto"

  • Youtube

Fra gli Ospiti di diMartedì del 17 febbraio, il programma de la7 condotto da Giovanni Floris, Pierluigi Bersani, Matteo Salvini e Carlotta Sami.

Bersani non ha usato mezze misure, definendo il cosiddetto "Patto del Nazareno "Un errore", perché, ha continuato l'ex segretario del Partito Democratico "non ha portato stabilità e chi ha pensato che servisse a questo si è sbagliato".

LEGGE ELETTORALE - "Per ciò che riguarda la Legge Elettorale non voglio che mi si venga a dire di rispettare il Patto. Salvini? La destra sta passando a posizioni sempre più estreme. Non è certo un bene per il paese".

Bersani non ha mancato di ricordare che il Pd "resta un partito di centro-sinistra. Ecco. Non dobbiamo dimenticare la parola sinistra. Renzi? Ognuno ha il suo stile, il fatto che sia risoluto in certi attegiamenti non vuol dire che faccia il gradasso. Sta facendo bene".

IMMIGRAZIONI - Un servizio sugli sbarchi in Sicilia ha introdotto il delicato tema sui flussi migratori provenienti dall'Africa. Intervista ad un ufficiale della Guardia Costiera: "Quando operiamo in soccorso, a volte siamo costretti ad alzare la voce per riportare la calma. La temperatura dell'acqua in questo periodoè di 10-12 gradi. In queste condizioni si può resistere almassimo due ore".

MATTEO SALVINI - Ospite del programma di Floris anche Il segretario federale della Lega Nord, con tanto di felpa con scritta "Renzi a casa". "Bisogna operare una discriminazione fra chi scappa dalla morte e chi viene in Italia da clandestino. Farlo nei paesi da cui questi disperati partono", ha dichiarato Salvini.

"Se voglio andare in Australia, devo chiarire se ho un lavoro o meno. Terrorismo? E' un pericolo, siccome sinora non è arrivato ancora un terrorista fra gli immigrati, non vuol dire che non esista questa possibilità. In un paese civile l'immigrazione non è un diritto, ma è una possiblità. Ogni giorno ricevo decine di mail da parte di familiari di disabili. A loro lo Stato dà 280 euro, a ciascun emigrato viene elargito 1200 euro al mese. Prima che questi disperati provenienti dall'Africa ci sono gli indigenti delle nostre città".

Carlotta Sami, portavoce dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), è intervenuta su quest'ultimo punto. "E' un parallelismo che non esiste, perché gli organismi che gestiscono questi fondi sono differenti".

"A me disturba il fatto che un politico guadagni 300 euro al giorno", le parole di monsignor Giancarlo Perego "L'accoglienza significa gestire e conoscere le persone, ricostruire la loro storia, dare sicurezza al Paese. Migrare è un diritto, non un reato".

"Le persone godono del diritto di migliorare la propria esistenza, anche gli italiani lo hanno fatto", ha dichiarato ancora Monsignor Perego, che ha incalzato Salvini "Non dimentichiamo che la Legge Bossi-Fini del 2002 si è rivelata un vero fallimento".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017