Excite

Malinconico: "Piscicelli pagò a mia insaputa"

  • Infophoto

Quasi impossibile non pensare al caso Scajola ascoltando la replica di Carlo Malinconico, Sottosegretario alla presidesnza del Consiglio dei ministri del Governo Monti, alle accuse "bipartisan" piovute al suo indirizzo e relative a un suo soggiorno presso il "Pellicano" di Porto Ercole (un hotel di lusso da 1500 euro a notte) su prenotazione di Angelo Balducci e conto parzialmente pagato da Francesco de Vito Piscicelli, l'imprenditore edile salito agli onori della cronaca a causa delle risate intercettate poco dopo il terremoto in Abruzzo (vedi video in basso).

UPDATE ORE 13.20: Carlo Malinconico ha dato le dimissioni. La nota di Palazzo Chigi: "Il presidente del Consiglio dei ministri Mario Monti ha ricevuto questa mattina a Palazzo Chigi il sottosegretario di Stato Carlo Malinconico. Il sottosegretario ha riferito al presidente, in relazione ai fatti e alle circostanze riportate dalla stampa, affermando la correttezza della propria condotta. Il sottosegretario ha rassegnato le dimissioni dal suo incarico, per poter meglio difendere la propria immagine e onorabilità in tutte le sedi, nonchè per salvaguardare la credibilità e l'efficacia dell'azione del Governo."

I fatti: il Giornale accusa Malinconico di "imbarazzanti legami di amicizia" con Piscicelli che, proprio sulle pagine del quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, afferma: "Con Malinconico eravamo buoni conoscenti, ci davamo del tu. E' stato a colazione a casa mia, e con la sua compagna è stato ospite sulla mia barca". Poi il pressing del Fatto Quotidiano che chiede a gran voce le dimissioni del Sottosegretario: "Alla fine ha ceduto. Carlo Malinconico ha dovuto replicare alle domande del Fatto, dopo tre giorni di ostinato silenzio, e soprattutto grazie alla pressione insostenibile della verità portata a galla dal nostro giornale ha dovuto pagare il conto sospeso da appena tre anni all’hotel Il Pellicano di Porto Ercole [...] La domanda che sorge spontanea è: egregio sottosegretario, se erano noti e se sono stati pure forzati, questi benedetti eventi, perché solo oggi ha trovato la forza per mettere mano al portafoglio?"

La versione di Malinconico: "Non ho mai fatto favori di nessuna natura ai personaggi coinvolti nelle vicende richiamate nè a chiunque altro. [...] Apprendo solo ora che Piscicelli avrebbe pagato di propria iniziativa e per ragioni a me del tutto ignote alcuni dei miei soggiorni presso la struttura alberghiera e ho proceduto a versare all'albergo l'intera somma dovuta per rimuovere tutti gli effetti di episodi da me non voluti nè sollecitati".

Il Sottosegretario ha inoltre aggiunto "Andai per la prima volta al "Pellicano" nell'agosto del 2007. Ci tornai all'inizio del maggio 2008. In quella circostanza chiesi a Balducci la cortesia di effettuare la prenotazione che, in quel momento, risultava difficoltosa, in un albergo e lui lo fece con riferimento al Pellicano. Si sa che pagai una parte dei soggiorni. Mi fu detto dall'albergo che per i precedenti soggiorni era stato provveduto ma senza specificare da parte di chi. Pensai fosse stato Balducci e ugualmente insistetti per non gravare su quest'ultimo. Non ci fu modo di riuscirvi, sicchè irritato cancellai le permanenze successive e non tornai più all'albergo. [...] Per completa trasparenza e come deciso dall'attuale Governo, a breve presenterò la mia dichiarazione patrimoniale e reddituale dalla quale emergerà la piena rispondenza tra il reddito professionale dichiarato e la situazione patrimoniale".

Insomma, un bel grattacapo per il Governo Monti. La squadra di tecnici capitanata da Super Mario ha fatto della trasparenza e dell'assenza di legami e "magagne" politiche la propria bandiera fin dal principio e il caso Malinconico getta un'ombra insopportabile sull'esecutivo d'emergenza. Le dimissioni dell'ex Segretario generale della Presidenza del Consiglio targata Prodi sembrano, quanto meno, un atto dovuto.

L'Aquila: ridevano durante il terremoto. L'AUDIO

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016