Excite

Dimissioni Mastella, il giorno dopo

Ieri la notizia dei domiciliari per Sandra Mastella, poi le dimissioni di Clemente, a sua volta indagato. Anche oggi una giornata calda sul fronte politico. La nostra diretta e i vostri commenti.

I verbali dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Francesco Chiaromonte

17.05 - Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi ai giornalisti: "E' inaccettabile. Mastella ha idee di poltica giudiziaria opposte a quelle di Prodi"

14.43 - Si chiude con l'applauso della Camera l'intervento di Prodi.

14.41 - Prodi: "Come ministro Guardasigilli mi impegno sin d’ora a proseguire la politica di trasparenza, di rispetto dell’indipendenza della magistratura e della tutela dei diritti delle persone, a partire dalla presunzione di innocenza del cittadino indagato, che ha caratterizzato l’attività di questi primi venti mesi di governo e che è presupposto di ogni sistema democratico. Sempre nel corso della prossima settimana, l’inaugurazione dell’anno di giudiziario, mi offrirà un’ulteriore occasione per illustrare le linee guida dell’azione che il governo intende seguire per dare agli italiani quella giustizia sempre più giusta, rapida ed efficiente a cui gli italiani hanno diritto."

14.40 - Prodi: "Poco fa al Quirinale Napolitano ha firmato la mia nomina a ministro della giustizia. Mi carico personalmente in una prospettiva limitata nel tempo. E' il segnale di un'attesa che la magistratura possa chiarire in breve la posizione di Mastella, in modo che possa riprendere la sua carica di ministro della giustizia".

14.40 - Prodi: "Analoga solidarietà al partito di Mastella, su cui il governo conta in futuro."

14.38 - E' iniziato il discorso di Prodi alla Camera: "A Mastella la mia profonda solidarietà. Gli ho chiesto ieri di continuare la sua opera. Alla mia decisione, lui ha risposto chiedendo una pausa di riflessione"

13.14 - Finisce ora il discorso di Mastella, applaudito dai presenti in sala.

13.12 - Mastella: "Abbiamo faticato come hanno faticato tanti italiani. Perciò difendo la mia onorabilità, costruita con fatica enorme. Noi non siamo i capi di un'affiliazione mafiosa-politica. Siamo un partito politico che esige il rispetto del procuratore della repubblica. La giustizia dev'essere uguale per tutti!"

13.10 - Mastella: "A tutti il mio ringraziamento, al presidente Prodi, per il lavoro serio che abbiamo tentato di fare. Non posso ringraziare chi non ha espresso solidarietà, né la chiedo a chi fintamente me l'ha data. La partita che sto giocando ora non è politica, quella verrà dopo. Ora devo recuperare la mia dignità e quella di mia moglie, che mi è stata tolta ingiustamente. Dopo verrà la politica. Dopo decideremo cosa fare, faremo un consiglio nazionale e un congresso a riguardo. Prima viene questo, prima la famiglia. Alcuni hanno tentato di calibrarla secondo un'immagine scomposta e ingiusta. Io e mia moglie siamo persone per bene che hanno faticato ad arrivare dove sono arrivati"

13.08 - Mastella: "Non ho commesso niente di cui vergognarmi. Ringrazio gli amici, in modo particolare chi sta con me ed è stato arrestato. Mi spiace se per colpa mia alcune famiglie hanno subito un dramma. Io combatterò per evitare che drammi simile capitino a singoli cittadini. Combatterò per una giustizia veloce e rapida"

13.06 - Mastella: "Ho fatto meno di quello che è giusto fare. Riconfermo le mie dimissioni. Noi andiamo avanti. Mi vedrete poco a Roma perché devo essere accanto a mia moglie più che ai problemi politici. Un delinquente si aspetta che vada carcerato. Una persona per bene no, non ha compiuto fatti che determinano questa condizione. Come diceva Aldo Moro: non accetto che il mio partito sia ostaggio della prigionia politica"

13.02 - Mastella: "Chiedo solidarietà e compattezza. Così diamo il nostro contributo - con la morte del cuore - rispetto all'incomprensione che c'è tra politica e gente. Se il nostro sacrificiò unirà politica e magistratura, bene. Altrimenti chi ha provocato tutto questo dovrà rendere conto a Dio e agli uomini per atti irresponsabili che non consentono al nostro paese di essere libero"

13.02 - Mastella: "Non arretro. Farò politica nella mia maniera tradizionale: pane al pane e vino al vino. Chiedo a tutti di non aver paura"

13.00 - Mastella: "Il paese recupera facendo sacrifici. La differenza con la Spagna è che là c'è una prospettiva. Lì vedi il progredire. Dobbiamo recuperare questa tensione, la speranza e la credibilità"

12.58 - Mastella si commuove parlando della moglie: "Ho scelto una splendida ragazza..."

12.58 - Mastella: "Sfido i giornalisti seri: il mio partito ha maggiori vizi degli altri partiti italiani?"

12.57 - Mastella: "Mia moglie è andata in America, emigrante nel mondo. Avete visto negli Usa come è utilzzata la moglie.. il marito? E' una cultura così!"

12.55 - Mastella: "Il mio gesto vale anche per il Sud. Questo sud così detuperato, tanta gente del sud paga prezzi enormi. Voglio che il mio gesto porti la speranza, di uno che tenta di operare per recuperare una credibilità della politica. Non faccio questa scelta oggi, l'ho fatta anche quando ho cambiato schieramento. Mi dimisi anche nel '98 da una carica importante, proprio come oggi, senza badare ai privilegi. Non mi sono mai sentito casta"

12.54 - Mastella: "Ci sono tanti magistrati onesti e li rispetto. Qualcuno non vuole che ci sia pace tra politica e magistratura. Sono forte della mia serenità e della mia coscienza. Non mi sono mai occupato di affari nella mia vita"

12.53 - Mastella: "Mi auguro che il mio sacrificio porti alla riconciliazione tra politica e magistratura"

12.53 - Mastella: "Se ci sono magistrati che mi sembrano macchiette, francamente dico no!"

12.52 - Mastella: "Ingiustizia palese. Perché a mia moglie sì?"

12.52 - Mastella: "Tra le prove assunte ci sono state anche le interviste. Mi pare una cosa incredibile"

12.50 - Mastella: "Oggi non ci siamo nel Governo. Io non ho chiamato né a Prodi né a Berlusconi. Ho solo risposto a tutti. Cossiga me l'aveva detto che io e la mia famiglia saremmo stati tutti intercettati.

12.45 - Ancora Mastella: "La crisi è del sistema. Ho confermato le dimissioni, a maggior ragione perché sono stato indagato per concussione a Bassolino. Se ci sarà proscioglimento, chi mi ripagherà?"

12.40 - Iniziata la conferenza stampa di Mastella: "Intercettazioni ad orologeria su parlamentari Udeur. In questa vicenda devo pagare politicamente?"

12.00 - A Benevento ha preso il via il corto che solidarizza con Clemente Mastella e la moglie Sandra. Lui si trova attualmente proprio a Benevento dove terrà tra poco una conferenza stampa.

11.00 - Le parole di Antonio Di Pietro: "Prodi nel respingere le dimissioni del Ministro della Giustizia doveva e ancora può farlo, chiedere a Mastella di rimangiarsi quanto detto sui magistrati"

10.50 - L'agenda di Prodi: alle 14.30 riferirà alla Camera sul caso Mastella; alle 17.00 farò lo stesso al Senato

10.20 - Clemente Mastella avrebbe confermato le dimissioni. Il Ministero della Giustizia va a Prodi ad interim

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016