Excite

Elezioni 2008, la diretta del 14 aprile

Oggi alle 15 si chiudono le urne e scopriremo cosa avranno deciso gli italiani. Seguite e commentate la lunga diretta di Excite.
> La pagina con i risultati aggiornati

22.42 - Berlusconi: "Conflitto di interessi? Non esiste". Quella sul conflitto d'interessi "è una storia che interessa soltanto il 2 per cento degli italiani. Non esiste". Così Silvio Berlusconi, leader del pdl, in collegamento telefonico con Sky tg24

22.02 - Maroni: "Non siamo un partito di protesta". "Siamo tutto tranne un partito di protesta: governeremo e rispetteremo il programma. Siamo e saremo un grande partito con senso delle istituzioni ei i suoi ministri faranno importanti riforme": lo ha affermato Roberto Maroni, a Porta a Porta. "Siamo stati e saremo leali, ci basta che Berlusconi rispetti il programma", ha aggiunto

22.02 - Bossi: "Io a Milano e Lombardo in Sicilia agiremo a tenaglia". L'ottimo risultato ottenuto dalla lega Nord nella tornata elettorale non ridurrà la possibilità di fare crescere anche il Sud del Paese. A sostenerlo, intervenendo a Porta a Porta, è il leader del carroccio, Umberto Bossi. "Al Sud - ha osservato - c'è Lombardo che mi pare abbia raccolto abbastanza voti. Una tenaglia c'è già: Lombardo in Sicilia e io a Milano".

21.56 - Berlusconi: "Assoluta apertura a diaologo con opposizione". "Confermo l'assoluta apertura affinché il dialogo ci sia, e sia fruttuoso": lo ha affermato Silvio Berlusconi, a "Matrix", a proposito dei futuri rapporti con l'opposizione. Berlusconi ha aggiunto che "saremo aperti a suggerimenti migliorativi" sulle riforme da intraprendere

21.46 - Bertinotti: "Pd ha segato ramo su cui era seduto" "C'è bisogno di sinistra ma noi siamo arrivati tardi all'appuntamento elettorale": lo dice Fausto Bertinotti nel corso della trasmissione Porta a Porta. Inoltre, secondo il leader della Sinistra Arcobaleno, uno dei problemi cruciali è stato il fatto "di non aver capito i bisogni di una parte. Certo, poi, i partiti della sinistra sono stati massacrati dalla campagna elettorale. Il Pd ha segato il ramo dell'albero su cui era seduto"

21.36 - Berlusconi interviene a Matrix. Ringrazia tutti e ribadisce quello che ha detto da Vespa

21.31 - Berlusconi telefona a Porta a Porta: "Sono commosso per il risultato, sento una grande responsabilità. I mesi avanti saranno difficili, io mi impegnerò subito per risolvere l'emergenza rifiuti. Riapriremo le grandi opere, il piano casa per i giovani, riorganizzaremo la pubblica amministrazione, riforma della scuola, non approveremo provvedimenti per l'aumeto delle tasse. Un abbraccio a tutti gli italiani. La telefonata di Veltroni si è conclusa con poche parole ed è stata un augurio di buon lavoro. Formerò il governo in poco tempo: ho già tutto in testa. Questra volta abbiamo uomini esperti e possono mettersi a lavoro. Le donne saranno almeno quattro".

21.11 - Bossi: "Questa volta le riforme le possiamo fare da soli". "Questa volta la forza noi l'abbiamo e anche senza il Pd siamo in grado di fare le riforme": lo ha detto Umberto Bossi in un passaggio della conferenza stampa a un giornalista che gli chiedeva se sulle riforme la Lega è pronta a dialogare con il Pd

21.11 - Senato, proiezioni seggi: 162 al centrodestra, 142 a Pd+Idv. In base alla terza proiezione Consortium per la Rai al Senato a Pdl Lega e Mpa vanno 162 seggi mentre a Pd e Idv ne vanno 142. All'Udc vanno 2 senatori, mentre 8 vanno ad altre forze politiche

21.09 - Senato, in Liguria vince il centrodestra. Il Pdl insieme alla Lega si è aggiudicato la maggioranza al Senato in Liguria

21.00 - Proiezione regionali siciliane, Lombardo in testa con il 58%. Diffusa la nuova proiezione Consortium Rai per le elzioni regionali siciliane. Il successo di Lombardo si fa ancora più vasto con 58%, mentre Anna Finocchiaro si ferma al 36,5%.

20.50 - Proiezioni Consortium sui seggi al Senato: 163 al Pdl e 141 al Pd. E su quelli alla Camera: Pdl 340 e Pd 241

20.48 - Veltroni: "Nuova maggioranza avrà difficoltà a stare insieme"."Per noi si apre una stagione di opposizione nei confronti di una maggioranza che avrà difficoltà a tenere insieme ciò che è difficile tenere insieme. Non so dire quindi quanto questa maggioranza potrà durare nel tempo, ma la valutazione è che le differenze programmatiche di fondo che esistono tra le sue diverse forze permangono". Questa la valutazione del leader del Pd, Walter Veltroni

20.44 - "Voglio ringraziare tutti coloro che si sono recati alle urne per votare l'Italia dei valori. Non è stato facile decidere di andare al seggio elettorale dopo i tanti fallimenti della politica italiana. E non è stato semplice scegliere il simbolo con il gabbiano arcobaleno dopo il sostanziale oscuramento dell'Idv da parte delle televisioni pubbliche e dei continui attacchi gratuiti e diffamatori dei media in mano al signor Silvio Berlusconi". È quanto scrive il leader Idv Antonio Di Pietro sul suo blog.

20.38 - Con Veltroni sul palco D'Alema, Fassino, Franceschini e Bettini. A fianco del leader del Pd, Walter Veltroni, nella sala stampa allestita a pochi metri dalla sede del partito in Piazza S.Anastasia, tutto lo stato maggiore del partito, dai ministri D'Alema e Fioroni, all'ex segretario Ds Piero Fassino, al vice Dario Franceschini, fino al coordinatore Goffredo Bettini. Sul palco anche alcuni volti nuovi della sfida del Pd, come il capolista alla Camera in Lombardia 1, Matteo Colaninno.

20.36 - Bertinotti: "Termina qui la mia direzione politica". "La mia vicenda di direzione politica termina qui, purtroppo con una sconfitta. Non cambio la mia decisione di continuare perchè la mia vita è impegnata nella politica". Fausto Bertinotti, come promesso, conferma che abbandona la prima linea di battaglia politica pur non ritirandosi a vita privata. "Proseguirò da militante, nei ruoli che mi saranno dati", ha aggiunto commentando i risultati elettorali.

20.18 - Bossi: "Per noi un voto di proposta, non di protesta". Quello espresso dagli elettori in questa tornata elettorale "è stato un voto di proposta, e non di protesta". Lo ha dichiarato il leader della Lega, Umberto Bossi, commentando l'avanzata del Carroccio.

20.18 - Massimo Donati dice: "E' un successo straordinario per l'Idv. La partita è ancora aperta"

20.13 - Veltroni dalla sede Pd del dice: "C'è stato un riequilibrio a favore della Lega, mentre il Pdl ha visto una riduzione del consenso. Naturalmente ora che spetta a loro il compito di governare il paese, lo dorvanno fare nel rispetto dei valori fondamentali. Il nostro risultato è comunque buono". Il segretario del Pd ha annunciato di aver telefonato "com'è buona prassi nelle democrazie occidentali" a Berlusconi per congratularsi con lui della vittoria alle elezioni. "Io non condivido i toni pessimistici sulle valutazione dell'affluenza: abbiamo chiesto agli italiani di tornare al voto dopo due anni e ha votato l'80%", ha detto.

20.10 - Proiezione Ipsos al Senato. La proiezione Ipsos per Tgcom di Mediaset sui risultati del voto al Senato assegna 166/170 seggi alla coalizione Pdl-Lega-Mpa, e 132/136 a quella costituita da Pd-Idv.

20.00 - Proiezione Consortium-Rai per la Camera. Secondo la proiezione di Consortium per la Rai alla Camera, la coalizione Pdl-Lega-Mpa avrà 340 seggi, la coalizione Pd-Idv ne avrà 241. In particolare, al Pdl verrebbero assegnati 284 seggi, alla Lega Nord 47, al Movimento per l'Autonomia 9. Mentre al Pd verrebbero assegnati 209 seggi, all'Idv 32 seggi, nessuno alla Destra Fiamma Tricolore e alla Sinistra L'Arcobaleno, 34 all'Unione di Centro.

19.59 - Proiezioni sui seggi al Senato. Una proiezione di Consortium per Sky assegna per il Senato 163 seggi al Pdl, e 141 al Pd. Mentre l'ultima proiezione Ipsos per Tgcom di Mediaset sui risultati del voto al Senato assegna 166/170 seggi alla coalizione Pdl-Lega-Mpa, e 132/136 a quella costituita da Pd-Idv

19.58 - "Per quanto riguarda le elezioni politiche in Sicilia non c'è stato lo sfondamento che si immaginava dovesse avere il Movimento per l'autonomia". Lo afferma il senatore del Pd, Enzo Bianco, intervenendo telefonicamente dal Viminale a una trasmissione elettorale di un'emittente televisiva regionale. "Un dato che è dimostrato - aggiunge l'ex ministro dell'Interno - dal fatto che al Senato, secondo i primi dati, l'Udc di Cuffaro in Sicilia è più forte del Mpa di Lombardo: un dato fuori da ogni previsione"

19.55 - Giordano: "Dobbiamo ricostruire una casa per la sinistra". "Dobbiamo ripartire ricostruendo una casa per la sinistra". Così il segretario del Prc Franco Giordano ha commentato, ospite di Bianca berlinguer nello speciale elettorale del Tg3, il risultato de La Sinistra L'Arcobaleno

19.47 - Boselli si è dimesso. Boselli ha annunciato che lascia la guida del Partito Socialista. Attacca però Walter Veltroni: "Ha spalancato del governo le porte a Berlusconi e gli ha consegnato il Paese per 10 anni". Boselli, commentando i risultati delle elezioni, sottolinea che siamo di fronte "alla più grande sconfitta dal '48 ad oggi".

19.41 - Gianfranco Fini. "E' andata bene", dice Gianfranco Fini ai giornalisti raccontando della telefonata con Silvio Berlusconi, prima di lasciare via della Scrofa per andare a cena. Quando al risultato del Lazio e alla conseguente ripartizione dei seggi al Senato, Fini è molto cauto: "Aspettiamo, aspettiamo..."

19.39 - "Il vero vincitore delle elezioni politiche è la Lega che sarà la spina nel fianco del Popolo delle libertà; per il Pd, invece, bisogna mettere sul piatto maggiore progettualità". È quanto sostiene Massimo Cacciari, sindaco di Venezia, sull'esito delle elezioni politiche alla luce delle poiezioni sul voto degli italiani. "Non c'è alcun dubbio - dice Cacciari all'ANSA - il grande radicamento sul territorio della Lega la fa emergere e la propone come il movimento vincitore di questa tornata elettorale". "Sarà un problema - aggiunge - per il Popolo delle libertà, per il peso politico che dimostra di avere nella coalizione".

19.29 - Antonello Soro del Pd: "Faremo opposizione con serenità e nel rispetto dell'orientamento degli elettori".

19.18 - Casini: "Esprimo grande soddisfazione per il nostro risultato. Siamo gli unici ad aver retto la botta. Ora è il momento di guardare al paese. Auguri a Berlusconi e Pdl, conteranno su opposizione costruttiva e seria. Forma bipartitica? Fino a un certo punto, basta guardare al caso della Lega. Oggi ciò che conta è che la parola dagli elettroi passi agli eletti. Servono scelte dolorose e serie. Noi staremo all'opposizione, voteremo contro la fiducia a un eventuale governo Berlusconi.

19.08 - Rocco Buttiglione (UDC) cancella qualsiasi possibilità di alleanza col Pdl. "Faremo un'opposizione forte e decisa".

19.06 - Savino Pezzotta: "Perchè mai dovremmo appoggiare chi ha fatto di tutto per eliminarci?". Il fondatore della Rosa bianca risponde così sulla possibilità che l'Unione di centro appoggi nel prossimo Parlamento il governo Berlusconi.

18.56 - Risultati provvisori - Senato, scrutini di 25.207 sezioni su 60.048 : Pdl 36,6, Pd 35,0, Lega Nord 8,7, Udc 5,6, Idv 4,1, Sinistra Arcobaleno 3,3, La Destra 2,1

18.35 - Schifani, Pdl: "Ora che stanno arrivando i voti reali, siamo sempre più ottimisti e fiduciosi. Aspettiamo il dato definitivo, ma si va verso numeri che potrebbero garantire un'ampia governabilità del Senato"

18.31 - Risultati provvisori - Senato (scrutini di 20.789 sezioni su 60.048) : Pdl 36,4, Pd 35,3, Lega Nord 8,6, Udc 5,5, Idv 4,0, Sinistra Arcobaleno 3,2, La Destra 2,0.

18.27 - Senato: Prima proiezione Consurtium SEGGI (copertura 62% del campione) : Pdl + Lega + Mpa 164 seggi; Pd + Idv 139; Udc 3.

18.23 - Emilio Fede dal suo TG4: "Gli exit poll non ci riguardano".

18.19 - Clemente Mastella, ospite dello speciale elezioni del Tg2, afferma: "Il Pdl avrà 12-14 seggi in più al Senato".

18.14 - Fabrizio Cicchitto, dopo aver letto le ultime proiezioni sui dati regionali del Senato, ha affermato gioioso: "Pdl ha vinto si può definire un titolo equilibrato, seppur con prudenza perchè i conti si fanno alla fine".

17.56 - Proiezioni Senato Sicilia. L'Udc entra al Senato in Sicilia con l'8,7%, secondo le proiezioni Consortium. Nella regione, Pdl e Mpa ottengono complessivamente il 51,3% (Pdl 46,5%, Mpa 4,8%), Pd e Idv il 32% (Pd 27,9%, Idv 4,1%). Sinistra arcobaleno 3%, La Destra 1,8%, PS 0,4%

17.54 - Il divario tra Pd e Pdl alla luce delle ultime proiezioni "sembra incolmabile" per cui "la partita che sembrava profilarsi all'inizio semplicemente non c'è". Lo ha detto Giuseppe Pisanu, commentando le proiezioni che danno il Pdl in vantaggio al Senato nel corso dello speciale del Tg1 sul voto.

17.45 - Proiezioni al Senato, copertura 62%: Berlusconi 46,4% (Pdl 38,9%, Lega 6,5%, Mpa 1%), Veltroni 37,9% (Pd 32,8%, Idv 5,1%). Udc 5,7%, Sinistra arcobaleno 4,7%, la Destra 2,4%, Ps 0,7%, Sinistra critica 0,4%.

17.39 - Francesco Pionati considera "positivo il risultato che viene attribuito all'Udc: gli elettori non ci hanno abbandonato, ritenendo utile il voto dato fuori dalle due coalizioni del Pdl e del Pd. Sicuramente entreremo al Senato superando la quota dell'8% in Sicilia e anche in altre regioni. Saremo una delle 6 o 7 forze politiche che comporranno il prossimo Parlamento. Dunque - osserva - non ci saranno soltanto le due coalizioni di Berlusconi e di Veltroni: gli italiani hanno detto no a questa forzatura". Pionati sottolinea che "si tratta di coalizioni mascherate da partiti, visto che ancora sento parlare di Forza Italia, di An, della Lega Nord e anche dell'Italia dei valori".

17.32 - Proiezioni Lombardia. Secondo le prime proiezioni Consortium in Lombardia, il Pdl e la Lega ottengono il 52,6% (Pdl 33,9%, Lega 18,7%), il Pd e l'Idv il 33,2% (Pd 28,2%, Idv 5%). L'Udc il 4,3%, Sinistra Arcobaleno 3,7%, La Destra 1,9%, Partito Socialista 0,7%.
Proiezioni Campania. Secondo le prime proiezioni Consortrium in Campania, Pdl e Mpa ottengono complessivamente il 46,9% (Pdl 46%, Mpa 0,9%), il Pd e l'Idv il 37,8% (Pd 31,8%, Idv 6%). L'Udc 6,4%, Sinistra Arcobaleno 3,4%, La Destra 1,3%, Partito Socialista 0,9%.
Proiezioni Abruzzo ed Emilia Romagna. Secondo le proiezioni Consortium in Abruzzo (copertura 50%) Pdl, Lega e Mpa ottengono complessivamente il 47,5%, Pd e Idv il 36,9%. L'udc il 5,6%, la Sinistra Arcobaleno il 3,1%, la Destra 2,8%, il Partito Socialista 1,4%. In Emilia Romagna, Pdl e Lega ottengono complessivamente il 35,1%, il Pd e l'Idv il 51,3%. L'Udc 4,5%, la Sinistra Arcobaleno 3,8%, La Destra 2,2%, il Partito Socialista 0,6%

17.13 - Bruno Vespa su Rai Uno: "Incredulo per il risultato negativo della Sinistra Arcobaleno"

17.09 - Proiezione al Senato di Ipsos per Mediaset, la coalizione di Berlusconi al 47,8% e coalizione Veltroni al 37,2%

16.46 - Prima proiezione della Rai al Senato sul 32% del campione di Consortium: Pdl 34,9%, Lega 5,8%, Mpa 1%; totale coalizione 43,7%. Pd 33,8%, Idv 5,3%: totale coalizione 39,1%. Tra i partiti indipendenti Udc 5,8%, Sinistra Arcobaleno 4,9%, La Destra 2,4%, Sinistra Critica 1,2%, Partito Socialista 0.8%. Rispetto agli exit poll si registra una crescita del Pdl

16.38 - Nuovi dati per il Senato. La coalizione Pd-Idv si attesta al momento al 43,04% quando sono pervenuti al Viminale i dati relativi allo scrutinio di 498 sezioni su 60.048 per il Senato. La coalizione formata da Pdl-Lega-Mpa fa registrare al momento il 42,92% dei voti. In particolare, il dato parziale del Pd è attualmente del 38,6%, l'Idv è al 4,3%, il Pdl al 32,3%, la Lega al 10,4%, il Movimento per l'autonomia allo 0,1%. L'Udc si attesta per ora al 4,8%, la Sinistra arcobaleno al 3,5%, la Destra al 2% e il Partito socialista allo 0,7%.

16.22 - Primo dato reale. Pdl-Lega-Mpa a 47,16%, Pd-Idv 35,58%: è il dato parziale relativo allo scrutinio delle politiche per il Senato quando sono giunti al Viminale i risultati di 125 sezioni su 60.048. Il dato provvisorio segna al momento il Pdl al 33,01%, la Lega al 13,9%, il Movimento per l'Autonomia allo 0,1%, il Pd al 34,4%, Idv al 4,1%. L'Udc di Pier Ferdinando Casini si attesta al momento al 4,9%, la Sinistra Arcobaleno al 3,5%, La Destra al 2,04%.

16.21 - "Povero Berlusconi. La campagna di annientamento contro l'Udc è fallita. E così hanno messo in forse una vittoria sicura": Rocco Buttiglione, presidente dell'Udc commenta i primi exit poll. "Ora - dice Buttiglione - non sarà facile venir fuori da questa situazione difficile per il paese e governare"

16.15 - È dell'82,18% il dato parziale relativo all'affluenza delle elezioni politiche per il Senato quando sono giunti al Viminale i dati su 4.045 Comuni su 8.101. Alle precedenti elezioni l'affluenza al Senato era stata dell'85,52%

16.08 - Mario Borghezio, Lega: "E' stato dimostrato che il voto alla Lega è stato squisitamente politico. Perchè è un voto per il federalismo che premia le nostre battaglie anti-immigrazione. E' un voto molto incisivo e identitario e probabilmente, ma questo fa parte delle mie speranze, sarà determinante. Questa Lega superstar è frutto della determinazione dimostrata da Bossi: la sua è stata una campagna elettorale stupenda, ineguagliabile"

16.05 - Giovanni Russo Spena, Sinistra Arcobaleno: "Sarebbe meglio aspettare, ma se i dati sono questi non è andata bene. Se Berlusconi vincerà, vincerà per il peso determinante di Bossi. Un dato preoccupante perchè una forza razzista avrà in scacco il futuro governo".
Nando Adornato dell'Udc commenta così gli exit poll: "Vedremo se sarà possibile dar vita a un governo o si andrà a un governo di responsabilità: se dovessi fare una prima telefonata "politica" la farei a Veltroni perchè mi sembra dagli exit poll che la sua campagna elettorale l'ha portato oltre le aspettative. La seconda telefonata la farei al Pdl: sono nelle mani della Lega ed è da vedere se ora è il caso di aprire una nuova stagione del paese che veda insieme tutti i moderati".

15.51 - Terzo exit poll, Camera: coalizione Pdl 40-44; coalizione Pd 38-42. Senato: coalizione Pdl 40,5-44,5; coalizione Pd 37,5-41,5

15.45 - In Sicilia Lombardo ottiene il 51%, nettamente avanti sulla Finocchiaro 38%.

15.33 - Secondo exit poll Sky. Senato: Pdl 32,5-36,5%; Lega 6-8. Totale Berlusconi 38,5-46. Pd 33-37%; Idv 3,5-5,5%; Totale Veltroni 37,5-41,5%

15.30 - I primi exit poll vedono il Pdl in vantaggio alla Camera e al Senato dove però i giochi sono in bilico. Il Pd è per un punto il partito più votato, successo per la Lega.

15.15 - Exit poll Sky Singoli Partiti:

Camera

Pd 35%
Pdl 34 %
Lega Nord 7%
Di Pietro 5%
Udc 5.5%
SA 4.5%

Senato

Pd 35%
Pdl 34.5%
Lega Nord 7%
Di Pietro 4.5%
Udc 5.5%
SA 5%

15.08 - Exit poll Sky:

Camera:
Coalizione PDL 42%
Coalizione PD 40%


Senato:

Coalizione PDL 42.5%
Coalizione PD 39.5
%

15.00 - Primi exit poll:

Camera: Coalizione Veltroni: 37/43% Coalizione Berlusconi: 38/45%
Senato: Coalizione Veltroni: 39/46% Coalizione Berlusconi: 36/42%


14.25 - Segnalati nuovi casi di denunce per telefonini nel seggio. Repubblica solleva il caso di matite cancellabili a Genova (guarda le foto), ma l'attesa è tutta per i primi exit poll, disponibili alle 15, ora di chiusura del seggio.

13.30 - Manca un'ora e trenta alla chiusura delle urne. Diffonderemo in tempo reale tutti i dati degli exit poll.

12.38 - Il candidato del Pd Mario Adinolfi ha pubblicato tra i commenti del suo blog i dati di alcuni exit poll.

12.35 - E' in corso anche la diretta personale di Diego Bianchi sul suo blog "La Z di Zoro". Non perdetelo.

12.30 - Alcuni blogger sono già in possesso dei dati degli exit poll, che non possono pubblicare. Nella sede SWG sono presenti tra gli altri Massimo Mantellini e Luca De Biase, che commentano i dati con una foto.

11.55 - A Palermo nella notte sono scomparse 100 schede in bianco. La denuncia da parte del presidente di un seggio nel quartiere Zen. La Digos sta indagando.

11.32 - Ha fotografato la scheda elettorale con il telefonino che si era portato in cabina ed è stato denunciato. È successo ieri sera, pochi minuti prima della chiusura del seggio, alle scuole elementari di San Crespino (Rovigo) in via Trieste. Il presidente della sezione 2 e alcuni scrutatori hanno sentito chiaramente il rumore dello scatto provenire dalla cabina e hanno subito fatto intervenire il carabiniere di servizio al seggio, che ha identificato l'elettore.

11.30 - "Stamani alle 10 e 45 Serenetta Monti la candidata sindaco della Lista Civica Amici Beppe Grillo Roma ha votato nel suo seggio in via Valle Scrivia 11". Lo comunica, in una nota, il comitato elettorale di Serenetta Monti. "Ho inserito nelle urne elettorali solamente le schede delle comunali e delle municipali - ha detto la Monti - ho invece riconsegnato al presidente di seggio le schede del Senato, della Camera e della Provincia perché non mi riconosco negli schieramentI presenti sulle stesse visto che non ho la possibilità di scegliere chi mandare in Parlamento ma devo subire le scelte di segreteria dei partiti".

11.20 - Il direttore di Nexus, Fabrizio Masia, interviene così sulle previsioni di alta astensione ai seggi: "Non sono sorpreso. I sondaggi preelettorali la annunciavano. La campagna è meno polarizzata, i partiti sono di più: ingredienti che portano alla dispersione del voto. E poi c'è l'antipolitica, fortissima".

11.13 - A Sant'Orsola, nel Trentino, un presidente di seggio si è presentato visibilmente ubriaco. Gli altri componenti della commissione hanno chiamato i carabinieri che l'hanno multato per ubriachezza manifesta. Al suo posto è stato insediato un altro presidente, assolultamente sobrio

11.00 - Era presidente di seggio e candidata al Consiglio comunale nella lista della Sinistra l'Arcobaleno. È stata scoperta nella serata di ieri e rimossa dall'incarico poco prima della chiusura dei seggi alle 22. È successo a Molfetta dove, oltre che per le politiche, si vota per il rinnovo del consiglio comunale. Protagonista della vicenda, secondo quanto riferisce la Gazzetta del Mezzogiorno, è una donna di 40 anni, Anna Patruno.

10.47 - L'ex direttore del Tg1, Nuccio Fava: "Il preoccupante calo dei votanti è anche colpa dell'informazione. È preoccupante, ma non è certo una sorpresa la brutta notizia del calo dei votanti. I leader politici hanno la maggiore responsabilità, a cominciare dai due Veltruscones fino a Bertinotti e Santanchè. Ma la depressione da politica nasce soprattutto dal modo indecente con cui viene raccontata nei tg e nei numerosi salotti tv. Con disinvoltura passano da Cogne a Corona, contendendosi ovviamente persino Di Pietro e Rutelli. Si è salvato solo Prodi, praticamente scomparso". È quanto afferma

10.03 - Secondo Nicola Piepoli, presidente dell'istituto demoscopico Consortium, i dati dell'affluenza penalizzano il Pd: "Guardiamo i dati di certe città. Genova o Torino, ad esempio. Mentre in Piemonte la riduzione è del 4,6% circa, nel capoluogo regionale è del 5.8%. E Torino storicamente vota più a sinistra del resto della regione. Stesso discorso per Genova. Qui la riduzione a livello regionale è del 5,9%, ma a Genova è del 7,7%. Di contro in Sicilia, che alle ultime politiche ha visto prevalere il Polo, il calo è solo del 2,7%. E in Lombardia il calo è "solo" del 2.9% mentre in Emilia Romagna è quasi del 4%. Se uno sa leggere..."

9.40 - Rita Levi Montalcini ieri vittima di un episodio di maleducazione. Come riferisce Repubblica, la senatrice si era recata al suo seggio con un accompagnatore, il quale ha chiesto la cortesia di far risparmiare la fila all'anziana ipovedente. Alcune signore hanno però rifiutato di cederle in posto in fila, e la Montalcini ha dovuto aspettare il suo turno. Dopo, il Premio Nobel è stato avvicinato da tanti ragazzi che le hanno chiesto l'autografo.

7.15 - Gli unici dati finora resi pubblici riguardano l'affluenza. Come vi abbiamo raccontato nella diretta di ieri, la percentuale di votanti è scesa del 4% rispetto alle elezioni del 2006. Il dato di ieri vede l'affluenza del 62,546%

7.00 - Riaperti in tutta Italia i seggi. Le urne si chiuderanno alle 15, quando si avranno gli exit polls e le prime proiezioni

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016