Excite

Elezioni 2008: vince Berlusconi - La diretta

La coalizione guidata da Silvio Berlusconi ha vinto le elezioni con un ampio margine.
> La pagina dei risultati aggiornati


La diretta
> Leggi anche la diretta delle elezioni provinciali e comunali a Roma

18.42 - Berlusconi sulle dichiarazioni di Veltroni: "non commento, fatemi domande sulla realtà italiane e non sui teatrini della politica".

18.41 - Berlusconi conclude il suo discorso e "si consegna" ai giornalisti.

18.35 - Berlusconi: "La vita parlamentare è semplificata: è una meraviglia per approvare con velocità i provvedimenti approvati dal CdM. Non ci sono più i partiti della prima repubblica. Entro la fine dell'anno vogliamo arrivare verso il passaggio di quella che è stata un'alleanza forte ad un'unica forza politica".

18.31 - Berlusconi sta ribadendo che porterà avanti tutte le manovre indicate in campagna elettorale, dopo si concederà alle domande dei giornalisti.

18.25 - Berlusconi: "Operatività immediata, abbiamo due emergenze: la vicenda rifiuti a Napoli - confermo che faremo lì il primo CdM; il problema Alitalia e non ci saranno difficoltà ad avere una compagine italiana".

18.23 - Iniziata la conferenza stampa di Berlusconi: "Ho avuto tante telefonate, dai leader di Francia, la Spagna, UK, Germania... Putin sarà con me tra qualche giorno, un'antica amicizia tra noi. Mi hanno chiamato praticamente tutti, a dirci che il risultato regalerà cambiamento al paese".

17.39 - Veltroni sta rispondendo alle domande dei giornalisti: "La sinistra radicale ha le sue responsabilità, ha cercato di turbare il precedente governo e gli elettori hanno dichiarato di non gradire"

17.34 - Veltroni: "Nei prossimi anni, non so quanti saranno, faremo emergere la proposta di innovazione riformista che ha avuto un risultato importante al battesimo e che ora deve andare in profondità nel paese".

17.32 - Veltroni: "Ci proponiamo di avere un confronto con l'Udc, e con le forze che non sono entrate in Parlamento. Abbiamo deciso di formare un governo dell'opposizione, con un numero di ministri coincidente col governo, protagonista di una dialettica sui singoli temi. Avremo un ruolo istituzionale che non è formalizzato nella democrazia ma va vissuto con responsabilità"

17.29 - Veltroni: "Faremo un'opposizione 'repubblicana', per far in modo che ci sia il rispetto dei 4 punti della lettera che avevo scritto a Berlusconi"

17.28 - Veltroni: "Confermo e ribadisco la necessità di affrontare da subito in Parlamento le riforme di cui l'Italia ha bisogno"

17.27 - Veltroni: "Sono rimasto negativamente colpito dalle dichiarazioni di Berlusconi perché l'annuncio che la Camera e il Senato andranno entrambi alla maggioranza; perché un certo tono nei confronti delle altre forze; perché una certa idea di autosufficienza, non fanno vedere un buon inizio"

17.26 - Veltroni: "Considero un errore che forze come la Sinistra Arcobaleno non sono rappresentate"

17.25 - Veltroni: "Non era facile comunicare un cambio radicale e programmatico di cultura politica in un lasso di tempo così breve. Pesa il giudizio nei confronti del governo. Le forze che hanno sostenuto il governo hanno perduto 2 milioni di voti. Noi e Idv hanno invece recuperati voti"

17.20 - E' iniziata la conferenza stampa di Veltroni: "I voti che abbiamo ottenuto sono in incremento rispetto ai dati del 2006 e anche rispetto ai dati di inizio campagna elettorale. Siamo la più grande forza riformista del paese. La sfida elettorale non è riuscita, ma impostiamo una nuova fase di espansione elettorale che dobbiamo portare avanti"

16.57 - Afef Jnifen, la moglie di Tronchetti Provera, commenta così il risultato elettorale: "Con il Governo Prodi se ne sono viste di tutti i colori e a pagarne le conseguenze è stato il Partito Democratico e Walter Veltroni"

16.39 - Sono state scrutinate 101 sezioni e Zingaretti si conferma in vantaggio con 48,6 contro il 37,5 di Antoniozzi

16.37 - Il leader del Pdl, Silvio Berlusconi, è rientrato a Palazzo Grazioli, dove lo attendono i vertici di Allenza Nazionale

16.31 - "Abbiamo un'incertezza su un dato: quello dell'affluenza alle urne, dove c'è stato il 7% di differenza tra le Comunali e le Politiche. Dobbiamo capire quanto questa percentuale in meno abbia condizionato il voto amministrativo. Perché se tenessimo come riferimento il voto nazionale, avremmo già il 50%". Lo ha detto Maria Coscia, ex assessore alla Scuola del Comune e ora neoeletta in Parlamento,

16.31 - Mauro Cotrufo, candidato vicesindaco con Alemanno dice: "C'è molto nervosismo per l'attesa. Ma dopo il risultato del voto naszionale abbiamo speranza di arrivare al ballottaggio con Rutelli"

16.26 - Sono arrivati a Palazzo Grazioli Gianfranco Fini, Andrea Ronchi, e i capigruppo alla Camera e al Senato, Ignazio La Russa e Altero Matteoli. A breve è previsto anche l'arrivo presso la sua residenza romana del leader del Pdl, Silvio Berlusconi, da Arcore. Poi, alle 18, la conferenza stampa del Cavaliere, presso l'Auditorium della tecnica.

16.20 - Dopo lo scrutinio di 33 sezioni (di cui 29 romane)Nicola Zingaretti ottiene il 47,3% mentre Alfredo Antoniozzi il 37,9%.

16.16 - È arrivato nella sede comitato 'Rutelli sindaco 2008' il candidato sindaco del Pd a Roma, Francesco Rutelli, a poche ore dall'inizio dello spoglio delle schede elettorali delle amministrative a Roma e Provincia

16.09 - Le prime percentuali di voto dei candidati presidente della Provincia di Roma vedono Nicola Zingaretti avanti con il 29,55 % seguito da Alfredo Antoniozzi con il 25,10%

16.07 - Proiezione Consortium per Sky: il governatore uscente del Pd ha il 48,1% contro il 51,9% di Tondo (Pdl). In corso lo scrutinio per il sindaco di Roma: è sfida tra Rutelli e Alemanno

15.49 - "Quello che viene fuori dal risultato elettorale è un dato netto, incontrovertibile, solare". Lo ha detto Anna Finocchiaro candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione che ha perso il confornto con Raffaele Lombardo "Faccio i migliori auguri a Lombardo - ha aggiunto - lo aspetta un lavoro non semplice"

15.46 - "Berlusconi potrebbe fare il Capo dello Stato prima di cinque anni". Lo ha detto Francesco Cossiga ai microfoni della trasmissione radiofonica 'Radio3Mondò. "Lui potrebbe segnare -ha aggiunto- il ritorno al potere della sinistra e sarebbe sicuramente un presidente correttissimo. Se fossi uno del centrosinistra -ha proseguito Cossiga- ci manderei lui al Quirinale, perchè senza Berlusconi non so cosa mai potrebbe accadere al centro-destra, ma auguro lunga vita all'amico Napolitano"

15.40 - "Nel Lazio il Partito Democratico guadagna più del Pdl, attestandosi di gran lunga oltre la media nazionale". Lo ha confermato Michele Meta, coordinatore del Pd Lazio

15.37 - Il presidente americano George W.Bush si è congratulato con Silvio Berlusconi per er la vittoria alle elezioni, e si è detto "pronto a lavorare di nuovo con lui"

15.33 - Sono appena giunti al loft del Pd, in via Anastasia a Roma, Franco Marini, Massimo D'Alema, Pierluigi Bersani, Paolo Gentiloni, e Enrico Letta per il vertice organizzato da Veltroni

15.26 - "Auguri al nuovo Governo Berlusconi. Anzi, tenga in Toscana il secondo Consiglio dei Ministri dopo il primo annunciato a Napoli. La Toscana ha bisogno di certezze e di garanzia di risorse nazionali. Si impegni a non ripetere la vecchia storia del mancato rispetto, anzi del vero e proprio boicottaggio praticato nei cinque anni del suo precedente governo, di tutti gli accordi inutilmente siglati con la nostra Regione. Faccia anche carta straccia delle incredibili minacce di ritorsioni che alcuni leader del centrodestra hanno annunciato in campagna elettorale con i tagli dei finanziamenti alla tramvia di Firenze e per l'attraversamento dell'alta capacità ferroviaria". Così Erasmo D'Angelis, presidente della Commissione Territorio e Ambiente del Consiglio Regionale della Toscana ha commentato la vittoria di Berlusconi

15.25 - "Ho votato Udc. È un fatto sentimentale. Dato che non c'è più la Dc, questo è il partito meno lontano da quello che era il mio vecchio mondo". Lo ha detto il senatore a vita Giulio Andreotti ai microfoni di Radio3Mondo

15.21 - E' Catanzaro la provincia di Reggio Calabria che con più convinzione ha votato, alla Camera, per la coalizione formata dal Popolo della libertà e dal Movimento per l'autonomia. Il movimento di Raffaele Lombardo ottiene i risultati migliori, diventando, addirittura, il primo partito a Rizziconi

15.10 - Le prime proiezioni Consortium sulle elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia, indicano il candidato del centrosinistra Riccardo Illy al 49,2% e quello del centrodestra Renzo Tondo al 50,8

15.07 - "Il confronto con il governo - dice il leader della Cgil Guglielmo Epifani - ripartirà dal documento unitario sulla riduzione del prelievo fiscale per lavoratori e pensionati e sulla riduzione di prezzi e tariffe".

15.00 - Cristina Fernandez de Kirchner, capo di Stato argentino, si è congratulata con il leader del Popolo della libertà (per la sua vittoria nelle elezioni legislative. Lo riferisce l'agenzia di stampa DyN

14.55 - "Topo Gigio è stato il miglior alleato del Pdl. Ha fatto cadere il governo: lui, non Mastella. Ha perso le elezioni in modo disastroso. Ha cancellato la sinistra e i verdi. Si può fare. Se fossi Berlusconi lo farei vice presidente del Consiglio". Così Beppe Grillo, comico genovese, ha commentato la vittoria di Silvio Berlusconi alle elezioni

14.51 - "A questo punto dobbiamo ricominciare da capo e ricominciare dai vecchi simboli", la falce e martello. Lo dice il segretario Pdci, Oliviero Diliberto, dopo la disfatta della Sinistra Arcobaleno

14.38 - "Se Berlusconi presenterà proposte utili per risolvere i problemi di Napoli noi saremo i primi ad aiutarlo". Lo dice Rosa Russo Jervolino, sindaco di Napoli, sulla proposta di aiuto per l'emergenza rifiuti da parte di Silvio Berlusconi

14.19 - Sta per iniziare il vertice convocato dal segretario Walter Veltroni per un'analisi del voto nella sede del Pd. Prevista la presenza dell'ex presidente Senato Franco Marini, Massimo D'Alema, Pierluigi Bersani, Paolo Gentiloni, e Enrico Letta

14.13 - E' cominciato lo spoglio per le elezioni amministrative. Nei seggi saranno scrutinati prima i voti relativi alle elezioni provinciali, a partire da quelli per i candidati presidenti. Successivamente toccherà al voto per il Comune ed infine per i 19 municipi.

13.26 - Liguria, Abruzzo, Campania e Calabria e Sardegna sono le regioni che rispetto al 2006 sono passate dal centro - sinistra al centro - destra

13.21 - Il 29 aprile si insedieranno le nuove Camere, Senato e deputati per eleggere i rispettivi presidenti

13.10 - "Questa sarà una legislatura costituente, dobbiamo rispondere subito alle esigenze della gente e contemporaneamente pensare alle grandi riforme che vanno fatte con la più ampia maggioranza possibile". Lo ha detto Paolo Bonaiuti a Radio Anch'io

13.07 - Secondo Ignazio La Russa, intervistato dal quotidiano online Affari Italiani, il futuro presidente della Regione Lombardia dovrà essere scelto attraverso le primarie alla luce del risultato di ieri della Lega

12.55 - Domani partiranno gli interrogati dei componenti del seggio a Palermo da cui domenica scorsa sono sparite 100 schede del senato in bianco, ma timbrate. La Digos dovrà accertare se vi siano state delle omissioni nella vigilanza del seggio da parte dei componenti che abbiano consentito a qualcuno di portar via le schede

12.51 - "Ora mi aspetto una telefonata da Pannella perchè i patti sono stati rispettati e la parola data è stata mantenuta". Walter Veltroni ha mantenuto la parola con i Radicali: saranno nove i deputati eletti

12.45 - "Zapatero ha fatto un governo troppo rosa che noi non possiamo fare anche perchè in Italia c'è una prevalenza di uomini". Così Berlusconi ha risposta ad Alfonso Signorini sulle presenza delle donne al governo

12.35 - A congratularsi con il neo eletto premier Silvio Berlusconi è stato anche Osè Manuel Durao Barroso, presidente della Commisione europea, sottolineando che i rapporti tra il governo italiano e la Commissione "saranno fruttuose e costruttive come è nella tradizione italiana"

12.30 - "Le liste del Partito democratico in Sicilia probabilmente non erano all'altezza dell'impegno che la candidatura di Anna Finocchiaro e il progetto di Veltroni meritavano". Lo ha detto Giuseppe Lumia, eletto senatore nelle liste del Pd. "In Sicilia - ha aggiunto - il progetto del PD deve avere più energia, più cuore e più testa e puntare su una profonda innovazione della politica, su un maggiore impegno sul versante della legalità e su un forte radicamento sociale e professionale"

12.18 - La coalizione di Walter Veltroni vince a Roma nel confronto con quella di Silvio Berlusconi con il 46,03% contro il 40,25%, ma nel voto per il Senato del Lazio a fare la differenza è soprattutto il partito di Antonio di Pietro. In base ai dati definitivi pubblicati sul sito del Campidoglio, infatti, emerge come la distanza tra Pd e Pdl sia di poco più di un punto percentuale: 41.22% contro 40.04%. La differenza tra le due coalizioni risiede principalmente nello scarto tra l'Idv (4.81%) e Mpa (0.21%)

12.16 - "Esprimo le mie congratulazioni alla coalizione guidata dall'on. Berlusconi per la netta vittoria conseguita, e il mio apprezzamento per tutte le formazioni politiche e i candidati che hanno animato un libero e ordinato confronto elettorale". Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

11.56 - "L'Italia deve continuare con il consolidamento delle proprie finanze pubbliche": lo ha detto il commissario Ue agli affari economici e monetari, Joaquin Almunia.

11.56 - Il politologo Paolo Pombeni, ordinario di Storia dei sistemi politici alla Facoltà di Scienze Politiche di Bologna, in una intervista resa a 'Il Resto del Carlinò."Di fronte a una situazione congiunturale difficile , destinata a peggiorare, le utopie su cui hanno continuato ad arenarsi i partiti della sinistra estrema hanno una presa minore"

11.40 - Secondo Luca Cordero di Montezemolo, dalle elezioni "emerge un positivo dato di stabilità che può consentire in questa legislatura l'approvazione di riforme necessarie e ineludibili. Netta sconfitta - dice Montezemolo - delle forze politiche portatrici di una cultura anti-impresa, anti-mercato e anti-sviluppo".

11.06 - La speranza che il premier eletto Silvio Berlusconi esca dall' egida statunitense per quanto riguarda la sua futura politica mediorientale è stata espressa da Ahmed Yussef, un consigliere politico del leader di Hamas a Gaza Ismail Haniyeh e responsabile delle sue relazioni estere. "Spero che Berlusconi abbia imparato che la politica regionale degli Stati Uniti è solo fomentatrice di odio", ha detto Yussef all'ANSA. «Il presidente George Bush non ha finora ottenuto niente, se non un accresciuto antagonismo nei confronti del suo Paese». «Ci auguriamo che, per quanto concerne la questione palestinese, Berlusconi adotti una politica moderata", ha detto ancora il dirigente di Hamas. «Seguire gli Stati Uniti non aiuterà certo la soluzione dei conflitti nella Regione». «Occorre dunque - ha concluso - che il primo ministro italiano si renda conto che qua c'è un popolo che soffre, che ha diritti e che tutti devono impegnarsi affinchè questi diritti vengano recuperati"

10.57 - "Che Allah lo maledica e scateni la sua rabbia contro di lui e contro il Papa cattivo". È questo il primo commento diffuso oggi su uno dei forum islamici in Internet che veicolano la propaganda di al-Qaeda a proposito della vittoria alle elezioni politiche in Italia ottenuta dalla coalizione guidata da Silvio Berluscon

10.57 - "Le accuse dell'Unità di questa mattina nei miei confronti sono veramente offensive anche per il nuovo corso che io rappresento". Lo ha detto, in diretta a 'Uno Mattinà, Silvio Berlusconi che ha però confermato la prospettiva di "vaste possibilità di collaborazione con l'opposizione". Il futuro premier ha quindi indicato i commenti dell'Unità di stamane come una strada da non percorrere se si vuole aprire il dialogo. Silvio Berlusconi ha chiesto al Pd di "mantenere una coerenza sui punti del suo programma sovrapponibili a quello del Pdl". Berlusconi si è augurato che la minoranza "dismetta certe posizioni di contrasto come quella fatta propria oggi dall'Unità"

10.55 - Berlusconi: Udc, braccia aperte verso chiunque. "Noi abbiamo una nostra maggioranza importante ma chiunque si vorrà aggiungere con il suo voto al nostro sarà il benvenuto" ha detto Berlusconi intervenendo a Uno mattina a proposito della possibilità che il Pdl manifesti un atteggiamento di apertura verso l'Udc

10.51 - "L'Ici sarà nel primo consiglio dei ministri", ha detto Belusconi a Uno Mattina. "Il disegno di legge" per l'abolizione dell'Ici "è pronto e sarà nel nostro primo Consiglio dei ministri insieme alla detassazione del lavoro straordinario e del premio di produttività, oltre al bonus di 1000 euro per i nuovi nati"

10.47 - Berlusconi: i romani hanno capito, su Totti solo una battuta. "Su Totti avevo solo fatto una battuta a un ragazzino che mi fermava per la strada; e i romani hanno dimostrato di non essersela presa" dice Silvio Berlusconi a Radio Anch'io, aggiungendo: "E poi avevo solo detto che Totti non è forte di testa, mentre è fortissimo con altre cose. La verità e che su di me, dalle corna in poi, hanno detto solo cose false. Questa è la stampa con cui dobbiamo fare i conti"

10.45 - Berlusconi intervenendo a Uno Mattina, sulla possibilità di collaborarare con Storace ha detto. "Noi siamo aperti a tutti anche a Storace purchè voglia lavorare con il Governo. Pe quanto riguarda gli aiuti alle famiglie ai giovani e alle imprese saranno tutti punti rispettati.

10.39 - Le leggi elettorali non sono buone o cattive, dipende da come si utilizzano. È come una pistola: può servire al delinquente ma anche al poliziotto che la usa per salvare delle vite. Hanno voluto demonizzare questa legge elettorale quando con 2-3 modifiche sarebbe stata perfetta, ma la gente lo ha capito e i risultati si vedono": lo ha detto all'ANSA Roberto Calderoli. "Il tanto acclamato Mattarellum poi - aggiunge - non è che abbia avuto grandi risultati. Oggi c'è la governabilità e ci sono dei numeri perchè l'elettorato ha fatto delle scelte. Tutto qui». Dunque si sente ripagato delle incomprensioni? «Ho subito attacchi e critiche ingiuste - conclude - e probabilmente ne subirò ancora. Ma non è un problema"

10.35 - Berlusconi, per fare riforme non serve bicamerale. "Non credo che sia necessaria la ricostituzione della Bicamerale. Non ha mai funzionato anche se la possiamo considerare un ottimo punto di partenza". Silvio Berlusconi, a Radio Anch'io, boccia l'idea di ricorrere di nuovo alla bicamerale per fare le riforme costituzionali. "Si può fare tutto molto più facilmente senza lo strumento della bicamerale", ribadisce Berlusconi che ritiene basti lo strumento dell'articolo 138 della Costituzione per fare le modifiche costituzionali

10.29 - Camera e Senato andranno alla maggioranza. Silvio Berlusconi "non cambia posizione": tanto la presidenza della Camera quanto quella del Senato andranno alla maggioranza. "Chi vince - spiega a Radio Anch'io - deve avere almeno due cariche apicali. La presidenza della Camera e del Senato andranno a noi"

10.29 - "Sarei io il più felice di un confronto continuativo e dialogante con le opposizioni". Lo ha detto Silvio Berlusconi in linea diretta con Radio Anch'io. Il vincitore delle elezioni 2008 si è però augurato che le opposizioni non si comportino "come hanno fatto in passato". Berlusconi ha infine giudicato un «fatto storico» il bipartitismo che si è determinato con l'ultima tornata elettorale. Ancora sul rapporto con il Pd il futuro premier ha fatto notare che nel programma del partito d'opposizione ci sono «molti punti sovrapponibili al nostro programma". "Se le sinistre volessero - ha detto - aggiungere il loro voto al nostro, questo sarebbe meraviglioso

10.24 - "La presidenza del Senato sarà coperta da una persona di prestigio del partito che nella coalizione ha avuto quasi cinque volte i consensi della Lega" afferma Silvio Berlusconi a Radio Anch'io

10.22 - In parlamento 9 partiti. Sono solo 9 i partiti che entreranno a far parte del prossimo parlamento. Nelle circoscrizioni estere, resteranno fuori Sinistra Arcobaleno, la Destra, Partito Socialista, Partito comunista dei lavoratori e Partito Liberale. Entrano in parlamento: Pdl, Lega Nord, Mpa, Pd, Idv, Udc, Svp, e due liste valdostane (Vallee d'Aoste e Aut-Lib-Democratie)

10.21 - Un lungo e affettuoso abbraccio tra Raffaele Lombardo (Mpa), neo presidente della Regione Sicilia, e il governatore uscente, Salvatore Cuffaro (Udc) ha salutato il passaggio del testimone tra i due. L'incontro è avvenuto la notte scorsa presso il comitato elettorale di Raffaele Lombardo in via Arimondi a Palermo. Appena si sono visti, Cuffaro, che in quel momento veniva intervistato da una tv locale, è andato subito incontro a Lombardo dicendo: "Scusate devo andare a salutare il nuovo presidente della Regione e fargli gli auguri". I due, subito dopo, si sono chiusi in una stanza per circa 15 minuti. Poco dopo l'una Raffaele Lombardo ha nuovamente lasciato Palermo per tornare nella sua Catania, dove festeggerà oggi l'elezione a presidente della Regione

10.18 - Calderoli, squadra di governo è dietro l'angolo. "La squadra di governo? Ci stiamo lavorando, ma direi che è dietro l'angolo dopo il lavoro che abbiamo fatto con Berlusconi e Fini nei giorni passati. Mercoledì ci vediamo a Roma per definire il tutto": lo ha detto all'Ansa Roberto Calderoli. "Nomi? Assolutamente nulla al momento, stiamo lavorando. E abbiamo lavorato - ha aggiunto il coordinatore delle segreterie della Lega Nord - nel rispetto della drastica riduzione del numero dei ministri prevista. Ci saranno 12 ministri con portafoglio e in totale il numero complessivo tra ministri, viceministri e sottosegretari sarà di 60 persone, contro i 108 dell'ultimo governo"

10.16 - Berlusconi, federalismo è grande principio di democrazia. "Il federalismo è un fatto di modernità e di sussidiarietà. E' un grande principio di democrazia e di liberta" ha detto Berlusconi rispondendo a Radio Anch'io a una domanda sulla richiesta di Umberto Bossi di superare il centralismo romano e di realizzare il federalismo fiscale. Silvio Berlusconi ha ricordato che questo è il punto numero sei del programma di 7 punti del Pdl Berlusconi divulgherà in settimana lista ministri. "In settimana" ci sarà la lista dei ministri del nuovo governo: lo assicura Silvio Berlusconi a Radio Anch'io spiegando che "non ci sono problemi" e che "domani ci sarà una riunione con gli alleati"

10.14 - Berlusconi ha chiamato Sarkozy e Bush.

9.59 - Il presidente del Consiglio Romano Prodi ha telefonato stamani al ministro dell'Interno Giuliano Amato per ringraziarlo, secondo quanto di apprende, per l'ottimo lavoro svolto nell'organizzazione di questa tornata elettorale. Il premier si è congratulato con il ministro per il tranquillo e regolare svolgimento delle elezioni

9.57 - "È la prima volta che con l'elezione diretta abbiamo un Presidente che è espressione di una forza autonomista in Sicilia". Lo ha detto Raffaele Lombardo(Mpa), neo Presidente della Regione Sicilia, eletto con il 64% dei voti dei siciliani, collegato da Catania con lo speciale Elezioni di 'Uno Mattinà. "Poi -ha aggiunto- c'è anche il 64%, che è un dato sorprendete. Si vede che forse siamo riusciti a fare passare l'idea di una maggiore capacità di fare valere gli interessi della Sicilia e del Mezzogiorno". Per quanto riguarda le Elezioni politiche, Lombardo si è detto altrettanto soddisfatto: "Abbiamo tre senatori e setto/otto deputati, nella passata legislatura avevamo un solo senatore e tre deputati".

9.54 - Giornali esteri, Belgio. "Silvio Berlusconi, il ritorno", "Il cavaliere riprende le redini": questi i titoli dei principali quotidiani in lingua francese del Belgio. "Le destra italiana - scrive Le Soir in prima pagina - diretta dal miliardario Silvio Berlusconi ha vinto largamente le elezioni, ottenendo la maggioranza assoluta alla Camera e al Senato". La Libre Belgique si chiede invece se Berlusconi è cambiato dopo aver assicurato "di riprendere le redini del governo con più umiltà nelle materie economiche". Il quotidiano in lingua olandese De Standard, nella sua versione online titola "Berluskaiser è tornato" annunciando anche la vittoria dei "separatisti al nord e dei regionalisti nel sud Italia"

9.34 - Veltroni arriva al loft, sono sereno. Walter Veltroni è arrivato da pochi minuti al loft in piazza Sant'Anastasia e il giorno dopo la sconfitta elettorale ostenta serenità. "Sono sereno - ha detto il leader del Pd interpellato da Sky Tg24 - ho dormito bene". Il segretario del Partito Democratico terrà una conferenza stampa in tarda mattinata o nel primo pomeriggio

9.15 - Camera, i seggi. Maggioranza di oltre cento deputati alla Camera per il Pdl-Lega Nord-Mpa che, al termine dello spoglio ha assegnato alla coalizione guidata da Berlusconi, 340 seggi. Di questi 272 sono andati al Pdl, 60 alla Lega Nord e 8 al Mpa. Al Pd-Idv sono andati 239 seggi, di cui 211 al Pd e 28 all'Idv. All'Udc sono andati 36 seggi e al Svp 2 seggi. Questo conteggio non tiene conto degli eletti nella circoscrizione Valle d'Aosta e degli eletti all'estero

9.10 - Il Popolo della Libertà (assieme a Lega Nord e Movimento per l'autonomia), ha una larghissima maggioranza alla Camera con 340 deputati contro 239, e una molto solida anche al Senato, con 171 senatori contro 130.

9.18 - Berlusconi ha fatto dei nomi per il nuovo governo, durante un collegamento telefonico con Tv7: "Ministro degli Esteri sarà una persona che ha già una grande esperienza. Ed è Franco Frattini". E poi ancora: "Mi auguro che Fini possa fare il presidente della Camera e che Gianni Letta sia uno dei due vicepresidenti del Consiglio". Il leader del Pdl ha anche anticipato che due ministri saranno della Lega.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016