Excite

Elezioni Israele 2015, Netanyahu vince in rimonta su Herzog: presto governo con alleati di destra

  • Getty Images

Il fronte delle destre si appresta a formare un nuovo governo per Israele, dopo la vittoria non del tutto scontata del Likud guidato dal capo dell’esecutivo uscente Benjamin Netanyahu.

Guerra a Gaza, dopo 2 mesi di combattimenti l’esercito di Israele si ritira dalla Striscia

Per il partito del premier la rimonta sui diretti rivali di centrosinistra si è consumata negli ultimi giorni, al termine di una campagna elettorale molto impegnativa e ben gestita dal leader conservatore fino al rush finale.

Ventinove i seggi portati a casa dalla formazione politica di maggioranza relativa, mentre alla soglia di 24 parlamentari si sono fermati i progressisti di Isaac Herzog, dati per favoriti dai sondaggi alcune settimane prima dell’apertura delle urne: il testa a testa ipotizzato nelle ultime ore dagli exit poll, a scrutinio terminato, è stato sonoramente smentito dai dati ufficiali.

Probabile, se non sicuro al 100%, a detta dei principali osservatori politici, la realizzazione in tempi brevi di un governo di coalizione coi partiti di centro e destra più vicini alle posizioni di Netanyahu sulla politica interna ed estera, dagli ultranazionalisti di Yisrael Beiteinu ai raggruppamenti religiosi dello United Torah Judaism e di Shas, passando per Focolare Ebraico ed alleati storici del Likud.

(Critiche a Netanyahu per la politica interna, “referendum” sul premier in Israele)

Determinante, ai fini dell’affermazione di Benjamin Netanyahu alle elezioni politiche del 17 marzo 2015, il consenso ottenuto dal Likud con la proposta di costruire nuovi insediamenti nelle terre occupate, prospettiva accolta favorevolmente non solo dai coloni ma anche da larghe fasce della popolazione delle aree contese con le autorità palestinesi.

“Non permetterò mai il riconoscimento dello Stato della Palestina aveva promesso il primo ministro di Israele alla vigilia del voto, alzando i toni dello scontro con Hamas e Anp in vista delle future vertenze internazionali sulla questione israelo-palestinese.

Tramontata definitivamente, a meno di sorprese, l’ipotesi di una nuova stagione di unità nazionale caldeggiata dal Presidente della Repubblica Reuven Rivlin come soluzione per la possibile impasse istituzionale post-elezioni.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017