Excite

Elezioni Sicilia 2012, Crocetta avanti

Update ore 17.53 Rosario Crocetta è il nuovo Presidente della Regione Sicilia. Il candidato del Pd ha vinto con oltre il 30% delle preferenze lasciando a distanza Nello Musumeci con il 25% scarso dei voti. "Con me cambia la storia", questa la prima dichiarazione post vittoria del neo Governatore.

Update ore 14.25
Secondo i dati Ars il Movimento Cinque Stelle è il primo partito in Sicilia con il con il 14,44%. Segue il Pd con il 13,94% e il Pdl con il 13,17%. Cancelleri, candidato M5S, commenta su Facebook i risultati: " "Comunque vada, abbiamo già vinto. Grazie Peppe".

Update ore 14.05 Crocetta ancora avanti con il 31,8% delle preferenze. Aumenta il distacco con Nello Musumeci, fermo al 26%. Al terzo posto si piazza il candidato grillino, Giancarlo Cancelleri, con il 16,6%.

Update ore 12.53 Boom di Giancarlo Cancelleri a Caltanissetta. Il candidato alle elezioni Sicilia 2012 ha raggiunto quota 38% al termine dello scrutinio in 21 sezioni su 56. Si ferma al 24% Rosario Crocetta; al 21% Nello Musumeci.

Update 12.12
Crocetta sale al 31%; Musumeci col 27,15%, Miccicchè al 17% e Giovanni Cancelleri al 15%. Il candidato governatore per il Pd è in testa anche a Palermo con il 24,51% dei voti, seguito da Nello Musumeci con il 24,38%. Al 20,66% c'è il grillino Giancarlo Cancelleri.

Update ore 11.57
Dopo lo spoglio di 172 sezioni su 5308,Crocetta è avanti con il 30.43%, Musumeci al 28.59%, Micciché al 18.11% e per il grillino Giancarlo Cancelleri il 13.23%; Giovanna Marano raccoglie il 4.56% dei consensi.

Update ore 11.49 Cancelleri scambia sms con Grillo che già esulta: la rivoluzione culturale si è compiuta. A Roccafiorita comune più piccolo della Sicilia ha vinto Crocetta con 52 voti.

Update ore 11.30
A Palermo Musumeci è in testa con il 24,78%. Rosario Crocetta è al 23%; Gianfranco Miccichè al 20%. Poco sotto Giancarlo Cancelleri del M5S, con il 19,25%. Giovanna Marano, di Sel Idv, al 9%.

Update ore 11.11
Crocetta in recupero: dopo lo spoglio di 39 sezioni su 5308, il candidato del Pd è al 32.39%, seguito da Nello Musumeci al 25,99%; il candidato del Movimento 5 Stelle e' al 16.41%; Gianfranco Miccichè al 15.51%; Giovanna Marano al 6%; il candidato dei Forconi, Mariano Ferro all'1.47%. Gli altri candidati non arrivano all'1%.

Update ore 11.02 Smentito il primo exit poll. A Palermo non è avanti il grillino Cancellieri che è al 18,14%, al contrario c'è un testa a testa tra Nello Musumeci (23,71%), Rosario Crocetta (23,6%), e Gianfranco Miccichè con il 23,46%.

Update ore 10.47
Primo exit poll delle elezioni sicilia 2012 solo per la città di Palermo, il grillino Cancelleri al 27,46 %, seguito da Musumeci al 23,35%. Cancelleri in testa anche a Caltanissetta con il 25-27%. Crocetta avanti a Siracusa, Ragusa, Caltanissetta, Agrigento e soprattutto Messina.

Le operazioni di spoglio sono appena cominciate - dalle 8 di questa mattina, per l'esattezza - e dunque exit poll e proiezioni sono approssimativi, ma una cosa è certa: comunque vada, al voto per l'elezione del nuovo governatore della Sicilia il vero vincitore è uno solo, l'astensionismo.

I dati relativi alla partecipazione elettorale sono sconfortanti: l'affluenza registrata è stata del 47.42%, pari a 2.203.885 elettori, contro il 66.68% del 2008, quando però si è votato sia di domenica che di lunedì e in concomitanza del rinnovo di Camera e Senato, e il 59.16% del 2006. Meno della metà degli abitanti dell'isola, dunque, si è recata nell 5.307 sezioni delle nove province, aperte dalle 8 alle 22 di ieri, per esprimere la propria preferenza tra i 10 candidati in corsa alla poltrone di presidente della Regione Siciliana.

La vittoria, comunque, sembra una corsa a cinque tra Rosario Crocetta (Pd, Udc, Mp, Unione dei consumatori), Sebastiano 'Nello' Musumeci (Pdl, Adc, Cantiere Popolare, Musumeci presidente), Giovanni 'Gianfranco' Micciché (Fli - NUovo Polo, Grande Sud, Ppa - Piazza pulita, Partito dei Siciliani - Movimento per le autonomie Mpa), Giovanna Marano (Federazione della Sinistra - Prc +Pdci, Sel, Verdi, Idv) e Giovanni 'Carlo' Giancarlo Cancelleri (M5S, Beppe Grillo). E proprio quest'ultimo viene dato in netto vantaggio sugli avversari, con gli exit poll - invero provvisori e realizzati 'artigianalmente' da PalermoReport.it e dall'emittente televisiva Trm - che lo registrano al 27% nella sola città di Palermo, seguito nell'ordine da Musumeci, Crocetta, Miccichè e Marano.

Beppe Grillo: Stretto di Messina a nuoto? Riuscito

Per il Movimento 5 Stelle sembra profilarsi dunque un risultato storico, anche se in caso di vittoria Cancelleri si troverà in una situazione a dir poco 'scomoda'. Dal momento che nessuno dei candidati è oltre il 30% (almeno per ora, ma è poco probabile che la situazione cambi), con il risicato premio di maggioranza delle legge elettorale siciliana, che prevede appena 8 seggi per la coalizione vincente, il nuovo presidente non avrà la maggioranza assoluta e dovrà vedersela con un'Assemblea rancorosa e in grado di esercitare forti pressioni.

Nei corridoi di Palazzo si sussurra infatti che l'Mpa dell'uscente Raffaele Lombardo abbia già esercitato il proprio 'potere' in campagna elettorale e in sede di voto abbia adirittura invitato a sostenere Crocetta e non Micciché, dal momento che il primo sarebbe più facilmente 'influenzabile'. Senza contare il folto e trasversale partito degli 'inquisiti', presenti nelle liste di Crocetta, Musumeci e Micciché, che alla fine non hanno fatto la 'pulizia' promessa.

In ogni caso, la campagna elettorale di Beppe Grillo, la sua conquista della Sicilia a nuoto e poi di corsa, per gli analisti rimane forse l'unica ragione per cui l'astensionismo non è stato addirittura più alto, dimostrando una volta di più quanto poco appeal ormai i partiti 'tradizionali' hanno sugli elettori.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017