Excite

Elezioni Spagna, sconfitti i socialisti di Zapatero

Si sono svolte in Spagna le elezioni amministrative in vista delle quali nei giorni scorsi sono scesi in piazza i cosiddetti 'Indignados' (leggi la notizia). I risultati hanno decretato la sconfitta dei socialisti del primo ministro Jose Luiz Rodriguez Zapatero e la vittoria del Partito popolare (Pp) di centro-destra. Il Pp ha ottenuto il 37,53 per cento dei voti, il Psoe il 27,79.

La protesta degli 'Indignados' occupa Puerta del Sol, il video

Cosa accadrà adesso? Il premier spagnolo ieri sera ha detto: 'Oggi abbiamo perso le elezioni'. Ma ha anche affermato che è esclusa l'ipotesi di convocazione di elezioni legislative anticipate.

Umore diverso per il Partito popolare spagnolo. Mariano Rajoy, candidato dei popolari alle prossime politiche, ha affermato: 'E' un bel giorno per noi. Abbiamo ottenuto il miglior risultato della nostra storia nelle elezioni comunali e regionali'. Alcune tradizionali roccaforti dei socialisti sono passate al Pp, ad esempio la città di Siviglia e la regione Castilla-La Mancha, tutte e due colpite da livelli di disoccupazione eccezionalmente alti.

A quanto pare, i Socialisti non avevano mai subito una sconfitta così pesante alle amministrative da quando la Spagna era tornata alla democrazia nel 1978 dopo la dittatura di Franco. Queste elezioni non hanno registrato l'astensione auspicata dagli 'Indignados', anzi. Se nel 2007 l'affluenza è stata del 63,27 per cento, questa volta è stata del 65,67 per cento. Rispetto al 2007 il Psoe di Zapatero ha perso 1,5 milioni di voti. Il governo è stato punito per la gestione della crisi.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016