Excite

Enrico Rossi e la foto coi vicini rom crea scandalo su Facebook: migliaia di insulti al Presidente della Toscana

  • Facebook

di Simone Rausi

La moda autunno-inverno 14/15 per quello che riguarda le provocazioni politiche passa assolutamente dai rom. Sappiamo come la Lega si approcci all’argomento (e ricordiamo ancora come è finita la visita di Salvini al campo rom di Bologna) e oggi, una nuova sfumatura, un nuovo punto di vista sulla questione rom, ce la fornisce Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana del PD, che pubblica su Facebook una cartolina felice del suo vicinato composto, manco a dirlo, solo da Rom.

Assalto all’auto di Salvini in visita al campo rom di Bologna, l’autista investe due persone. Guarda il video Guarda

In un’immagine postata qualche ora fa, Rossi ci presenta i suoi vicini: Cassandra, Andra, Dragos, Narcisa, Papina, Papusa e molti altri. Tutti sul marciapiede “davanti le nostre case”, tutti sorridenti. La foto, che in tempi non sospetti sembrerebbe senza un perché e di rilevanza zero, oggi – in cui il tema rom è al centro dell’agenda - assume connotati molto diversi e Rossi non si sforza neanche troppo di farceli notare. Pubblica il post senza aggiungere niente, senza giustificare quella che in fondo vuole essere una presa di posizione destinata – e lo sapeva bene – a fare discutere.

.

Migliaia di like e condivisioni, altrettanti i commenti. Tra i follower (e non solo) di Rossi si accende una battaglia etico-sociale-politica che, il più delle volte, si autoconclude con frasi cariche di odio, insulti, maledizioni varie e bestemmie generosamente distribuite. C’è la guida turistica che si sente offesa dalla foto in quanto “i suoi vicini chiedono soldi aggressivamente ai turisti”. C’è chi lo invita a farsi una foto “coi disoccupati o con la gente che va a buttare la spazzatura”. C’è chi, infine, gli augura “Speriamo ti trombino la figliola.. Così nella prossima foto famiglia ci sei anche te! Putrefatto che non sei altro”. Ma basta cliccare sul post poco più in alto e leggere un qualsivoglia commento a caso, per rendersi conto del clima creato intorno all’argomento.

Ma Rossi non si dà per vinto, anzi. Poco dopo pubblica nuovamente su Facebook un post in cui chiede a Facebook di sostenere l’iniziativa No Hate No Speech Movement del Parlamento Europeo contro l’antisemitismo. “Sono in gioco la cultura democratica e la convivenza civile” scrive. “Il mio post sui rom oltre che "like" e "condivisioni" ha generato una sequenza di commenti in gran parte impregnati di odio razziale. L'uso dei social media non può essere limitato in alcun modo ma quando il discorso pubblico diventa sfogo violento e irrazionale occorre alzare il livello della discussione “.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017