Excite

Erri De Luca, processo No Tav: pm chiede condanna a 8 mesi di carcere per istigazione al sabotaggio

  • Twitter @illibraio

Una condanna a 8 mesi di carcere per istigazione a delinquere è stata richiesta dal pubblico ministero di Torino Antonio Rinaudo nei confronti dello scrittore Erri De Luca, a processo in virtù di alcune dichiarazioni in sostegno delle azioni di sabotaggio degli attivisti No Tav nella Val di Susa.

Piazza Pulita, "preghiera" di Erri de Luca dopo l'ennesima strage dei migranti

L’intellettuale campano era presente stamattina all’udienza che dovrebbe preludere ad una decisione in tempi brevi del collegio giudicante presieduta dal magistrato Immacolata Iadeluca, affiancato dagli avvocati della difesa impegnati da tempo nella battaglia a favore della “libertà di espressione” dell’imputato sotto accusa per un reato di opinione.

Anche una rappresentanza del movimento No Tav ha assistito al primo atto del processo a Erri De Luca dopo la pausa estiva, manifestando ancora una volta in aula la solidarietà incondizionata dei cittadini organizzati della Val di Susa per il 65enne scrittore di Napoli finito alla sbarra nel processo che si sta celebrando a Torino.

(De Luca, l'intervista incriminata a favore del "sabotaggio" dell'Alta Velocità: video)

Nel mirino dei pm piemontesi, in particolare, la frase “tagliare le reti, ecco a cosa servono le cesoie pronunciata pubblicamente in un’intervista risalente al 2013 da De Luca a commento delle proteste contro i lavori dell’alta velocità tra l’Italia e la Francia, con tanto di precisazione “la Tav va sabotata” in merito alla lotta degli attivisti valsusini.

“Chi spinge all’illegalità non può trovare tutela” ha sostenuto l’accusa in aula tramite il pm Rinaudo, chiedendo 8 mesi di reclusione per l’illustre imputato col contestuale riconoscimento delle attenuanti generiche a beneficio di chi “non si è tirato indietro rispondendo alle domande” dei giudici.

La condanna ai danni di Erri De Luca, si è premurato di precisare oggi davanti alla Corte lo stesso pubblico ministero, avrebbe conosciuto proporzioni ancora maggiori in caso di incriminazione per associazione a delinquere, ma l’unica contestazione rimasta in campo è quella di “istigazione al reato” di sabotaggio.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017