Excite

Estorsione a Berlusconi, scarcerati Giampaolo Tarantini e la moglie

  • LaPresse

L'imprenditore pugliese Giampaolo Tarantini e la moglie Angela Devenuto, arrestati per la presunta estorsione ai danni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, sono stati scarcerati. Lasciando il carcere di Poggioreale l'imprenditore pugliese ha detto: 'Voglio solo andare a casa e abbracciare le mie bambine'. E' stato, invece, confermato il mandato di arresto per il direttore dell'Avanti Valter Lavitola. Ma non solo.

Dopo 14 ore di Camera di Consiglio e pochi istanti prima che scadessero i termini, il tribunale del Riesame di Napoli ha deciso che il tribunale competente ad indagare sul presunto ricatto ai danni del premier non è né quello di Roma né quello di Napoli, ma quello di Bari. E per finire il tribunale del riesame di Napoli è intervenuto anche sui capi di imputazione dell'inchiesta. In questo quadro anche Berlusconi potrebbe risultare indagato.

Proprio così. Per i giudici, infatti, sussiste 'l'ipotesi di istigazione a mentire davanti all'autorità giudiziaria'. In poche parole, Lavitola e Berlusconi potrebbero aver spinto Tarantini a mentire davanti al gip e al pm di Napoli. Se tale ipotesi dovesse essere confermata il presidente del Consiglio potrebbe essere iscritto nel registro degli indagati.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016