Excite

Fabio Fucci, il sindaco di Pomezia replica: "Bimbi discriminati a mensa? Polemiche elettorali"

  • Corriere.it

Non ci sta a passare per classista e “cattivo” in quanto ostile alle esigenze delle famiglie povere, il primo cittadino del comune di Pomezia, oggetto di una feroce polemica sull’introduzione del doppio menu nelle scuole cittadine.

Fabio Fucci, sindaco di Pomezia nella bufera: 2 menu diversi a mensa per i bambini

Intervistato dal Corriere della Sera a 24 ore dall’esplosione del caso sui media nazionali e in rete, il sindaco Fabio Fucci ci tiene a precisare che la decisione di differenziare l’offerta a mensa per i bimbi degli asili e degli istituti scolastici elementari non sarà minimamente rimessa in discussione, essendo stata presa rispettando le indicazioni dei genitori e senza calpestare nè principi costituzionali né norme di buon senso.

La tesi della discriminazione ai danni dei più piccoli, abbondantemente esposta dai rappresentanti dell’opposizione in Consiglio ma anche da giornalisti e politici nazionali nelle ore scorse, viene respinta con forza dal massimo rappresentante dell’amministrazione di Pomezia: “Dire che leviamo il dolce ai bambini poveri è una distorsione della realtà, ma voglio far capire a tutti la bontà del provvedimento” si difende Fabio Fucci, pronto a rimandare al mittente l’accusa di aver calpestato i diritti delle famiglie disagiate.

Se il messaggio che effettivamente è passato sul web e in tv riduce la questione alla “distinzione per censo tra gli alunni in tenera età, il nodo reale sembra invece risiedere nell’opportunità o meno di consentire ai genitori che ne facciano richiesta di pagare 40 centesimi in più per avere la merenda a parte, in aggiunta al pasto (ma da consumare in un momento distinto, come ripetutamente puntualizzato da Fucci sin da ieri).

Altro elemento che non va giù all’esponente laziale del Movimento 5 Stelle, i tempi e le modalità della campagna stampa su tale vicenda risalente a 6 mesi fa: “Come mai si accorgono ora del provvedimento, approvato a fine 2013?” chiede polemicamente ai suoi avversari politici il sindaco di Pomezia, alludendo con sufficiente chiarezza alla campagna elettorale in corso per le elezioni europee ed alla ghiotta occasione, sfruttata a pieno da Pd e Sel, di mettere all’angolo il M5S su un tema assai delicato come l’uguaglianza tra cittadini di diversa estrazione sociale.

“A mensa, nel massimo momento formativo di natura alimentare, tutti mangeranno la stessa cosa rilancia Fabio Fucci, pronto a giurare che se da bambino avesse dovuto fare i conti con un doppio menu a scuola non avrebbe “sofferto” le distinzioni, perché “i piccoli hanno meno pregiudizi di altri” e quanto deciso dalla giunta comunale risponde ad una precisa richiesta in tal senso delle famiglie.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017