Excite

Milleproroghe, oggi il voto al Senato che ha dato la fiducia

Il 22 dicembre 2010 il governo ha varato il decreto Milleproroghe che oggi è approdato in Senato per il voto di fiducia, prima sul maxiemendamento presentato dal governo e poi sull'intero provvedimento. Ma di cosa si tratta? In breve il Milleproroghe è un provvedimento che racchiude la proroga o la risoluzione di centinaia di disposizioni urgenti che devono essere determinate entro la fine dell'anno.

Questa mattina il governo ha ottenuto la fiducia sul decreto Milleproroghe, con 158 sì e 136 no. Gli astenuti sono stati 4. Pdl e Lega hanno votato a favore, mentre Pd, Idv, Fli, Udc e Mpa hanno votato contro. Ora il decreto passa alla Camera per la seconda lettura che dovrà essere completata entro il 27 febbraio, ossia quando scadranno i sessanta giorni entro i quali un decreto legge può essere convertito.

Quello del Senato non era uno scoglio per il governo, si attende ora la Camera. Nel frattempo dal Pd arrivano forti critiche. Il capogruppo del Pd al Senato, Anna Finocchiaro, ha detto: 'Questo decreto non è più un milleproroghe. E' un provvedimento che ha la solennità e la complessità di una manovra finanziaria. Una finanziaria-pasticcio che aumenta le tasse e premia chi non rispetta le regole. Tutto questo, in più, per decreto e con l'apposizione della questione di fiducia'.

Di seguito alcuni dei provvedimenti contenuti nel decreto:
Le regioni in cui è stato dichiarato lo stato di emergenza avranno la possibilità di introdurre nuove tasse.
I termini per i ricorsi per i precari contro i contratti a termine illegittimi restano aperti fino al 31 dicembre.
Il prezzo dei biglietti del cinema aumenterà di un euro, sale parrocchiali escluse.
La social card sarà rifinanziata e gestita, in fase sperimentale per un anno, dagli enti caritativi.
La restituzione delle tasse sospese ai comuni colpiti dal terremoto verrà rinviata al primo novembre.
Ai comuni verrà devoluto entro il marzo del 2011 un acconto sugli importi di Irpef comunale incassati dallo Stato.
Verrà sospesa fino alla fine dell'anno la demolizione delle case abusive in Campania.
Il blocco degli sfratti per le categorie disagiate verrà prorogato fino al 31 dicembre 2011.
Il pagamento delle multe relative alle quote latte verrà posticipato a giugno 2011, ma il fondo passa da 30 a 5 milioni.
Stanziati finanziamenti per il 2011 e il 2012 a favore delle regioni colpite da alluvioni: 90 milioni per la Liguria, 60 milioni per il Veneto, 40 milioni per la Campania, 10 milioni per la provincia di Messina; 3 milioni ciascuno alla Scala e all'Arena di Verona.
Il fondo per l'editoria aumenterà di 30 milioni, 15 milioni a radio e tv locali.
Sarà introdotto il foglio rosa per i motorini fino a 150 cc di cilindrata e le minicar.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016