Excite

Filippo Mancuso, addio all'ex Guardasigilli

All'età di 88 anni se ne è andato Filippo Mancuso, già procuratore generale presso la Corte di Appello di Roma e ministro della Giustizia del governo Dini nel 1995. La Camera ardente è stata allestita oggi alla Procura generale della Corte d'Appello, a piazza Adriana 1, a Roma. I funerali si svolgeranno domani nella chiesa di Maria Stella Matutina, in via Lucilio 2, sempre a Roma.

Mancuso è stato l'unico ministro della Repubblica italiana per cui è stata votata una sfiducia individuale da parte del Parlamento. Venne fortemente criticato dalla coalizione che sosteneva il governo quando ordinò le ispezioni al pool di Mani Pulite, sospettato di aver violato le procedure nel corso delle indagini su Tangentopoli perché ispirato da una forma di giustizialismo. Così dopo aver lasciato l'incarico di Guardasigilli si iscrisse a Forza Italia, ma nel 2002 abbandonò il partito perché entrò in contrasto con Silvio Berlusconi. Un primo scontro ci fu quando dopo la candidatura a giudice della Corte costituzionale, viste le aspre critiche dell'opposizione, Berlusconi lo invitò a fare un passo indietro e poi per la legge Cirami e il legittimo sospetto.

Tra i messaggi di cordoglio quelli del ministro della Giustizia Angelino Alfano e del leader Udc Pier Ferdinando Casini. Il ministro Alfano ha affermato: 'Perdiamo una risorsa, un raffinato giurista, un galantuomo che ha saputo coniugare una forte carica di umanità, dovuta anche alle sue origine siciliane, con un livello di preparazione professionale altissima. Siamo vicini alla famiglia per la grave perdita, nella certezza che l'eredità da lui lasciata è già terreno fertile per coltivare quei principi che hanno fatto dell'ex Guardasigilli Filippo Mancuso un fervido servitore dello Stato e un uomo che ha contribuito a scrivere le pagine della storia della nostra Repubblica'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016