Excite

Fiom, manifestazione a Roma: Pd assente, ci sono Sel, M5S e Rodotà

  • Facebook

Non possiamo più aspettare: con questo slogan la Fiom scende in piazza oggi a Roma per chiedere al governo Letta di mettere il lavoro e l'occupazione al centro delle politiche per i prossimi mesi. "Non è un corteo contro qualcuno, ma di proposta per rivendicare il cambiamento" ci ha tenuto a precisare il segretario, Maurizio Landini, ma la rumorosa assenza del Pd, con solo alcuni suoi esponenti presenti a titolo personale, evidenzia in modo impietoso la frattura esistente tra l'attuale esecutivo e la gente comune.

Manifestazione Fiom a Roma, 18 maggio 2013: le foto

Da Piazza della Repubblica la manifestazione si muoverà lungo un percorso prestabilito (via delle Terme di Diocleziano, via Cavour, piazza dell'Esquilino, via Liberiana, piazza Santa Maria Maggiore, via Merulana, largo Brancaccio, via Merulana, viale Manzoni, via Emanuele Filiberto) per arrivare infine in Piazza di Porta San Giovanni, dove alle 14 è previsto l'intervento di Landini, che sarà preceduto - stando alle informazioni circolate in queste ore - da quello di Stefano Rodotà. Con il costituzionalista saliranno sul palco anche Gino Strada, Sandra Bonsanti e Fiorella Mannoia (ma non in veste di cantante). E proprio la presenza di due dei 'quirinabili' del Movimento 5 Stelle, oltre a quella di numerosi grillini, ha fatto montare la polemica (in rete e non solo) contro il Pd.

"Dal capogruppo alla Camera del Pd Roberto Speranza ho ricevuto una telefonata ieri sera, mi ha detto che non poteva esserci ma che ci avrebbe lasciato un messaggio. Comunque ringrazio i partecipanti, e chi non c'è parla da solo", ha commentato il segretario a proposito delle assenze, mentre Twitter come sempre va giù più duro. "Oggi a manifestare con la Fiom c'è il M5S del «fascista» Grillo e non il Pd. Giusto per ricordarlo", scrive infatti @FraArena, mentre @bobpelu nota: "E mentre gli eletti giocano con le macchinine della #millemiglia, i paria manifestano a San Giovanni #fiom #landini for president".

Imu 2013, sospensione rata di giugno solo sulla prima casa

L'umore della rete, insomma, la dice lunga su quello che pensano gli italiani dell'attuale governo, anche non mancano critiche pure per i presenti: "Oggi manifestazione a Roma della Fiom. Non so come mai ci siano anche PD, SEL e M5S... dato che non stanno facendo niente per i lavoratori!", commenta infatti @Alessio Ercoli.

Ad ogni modo, la scelta di Fabrizio Barca, Matteo Orfini, del partito di Nichi Vendola (con il governatore della Puglia a guidare la pattuglia) e dei pentastellati di partecipare alla manifestazione di oggi segna un solco probabilmente insanabile con quella che in molti ormai percepiscono come la vecchia nomenklatura, distante dai problemi della gente comune, come se fosse disinteressata. "Con la #Fiom, domani a Roma: perché è #lacosagiusta", ha twittato ieri Nichi Vendola, mentre Vito Crimi e Roberta Lombardi - impegnati sul fronte delle comunali - hanno inviato una lettera formale a Landini in cui ringraziano a nome dei gruppi che rappresentano e promettono un "impegno concreto sulla base di progetti condivisi e comuni".

La manifestazione della Fiom per "il diritto al lavoro, all'istruzione, alla salute, al reddito, alla cittadinanza, per la giustizia sociale e la democrazia" segna dunque uno spartiacque nella sinistra (e non solo), indicando chiaramente al governo quelle che gli italiani sentono come le vere priorità. "Le scelte dei governi Berlusconi e Monti sono all'origine della situazione pesantissima che stiamo vivendo. C'è bisogno di rimettere al centro il lavoro", ha ribadito infatti Landini, definendo "un primo passo, ma non sufficiente" il rifinanziamento della Cig e sottolineando una volta di più la necessità di "introdurre il reddito di cittadinanza per combattere la precarietà". Mentre sull'Imu il segretario è sicuro: "Va mantenuta per le grandi proprietà".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017