Excite

Formigoni a Rimini: "Il Papa prega per me"

  • YouTube

E alla fine è arrivato: l'oratore più atteso, se non dai ciellini stessi, di sicuro dai media. Ieri sera Roberto Formigoni ha fatto il suo intervento al Meeting di Comunione e Liberazione e si può ben dire che si è tolto più di un sassolino dalla scarpa, attaccando giornali e forze politiche che "fanno dell'estremismo giuridico, se non terrorismo giuridico", difendendo il 'buon governo lombardo', dicendo che Benedetto XVI è dalla sua parte e, en passant, ammettendo che le famose vacanze ai Caraibi sono state un sbaglio.

Video: Formigoni, l'intervento al Meeting di Cl

Insomma, un Formigoni in gran spolvero, che in camicia bianca e giacca leggera ha affrontato uno dopo l'altro tutti i temi caldi che lo hanno visto protagonista dell'ultimo periodo. Presentato da Lodovico Festa - moderatore dell'incontro - e accolto da un applauso caloroso, anche se senza standing ovation, il governatore della Lombardia ha esordito con una "lettura personale" del momento, affermando di stare vivendo "una realtà positiva", grazie ai tanti "che mi hanno manifestato affetto, stima e solidarietà" e alle loro preghiere, "che ho sentito fisicamente". E tra gli oranti, Formigoni rivela la presenza anche del più importante di tutti, ovvero Papa Ratzinger. Quando Benedetto XVI è andato a Milano per la Giornata della Famiglia, infatti, avrebbe detto al governatore: "Io prego tutti i giorni per lei". "Sono rimasto sconvolto", ha commentato Formigoni, che ricorda di aver risposto: "Grazie Santità, perché ne ho bisogno".

Dopodiché il presidente della Lombardia si è fermato a riflettere sul perché di quello che gli è capitato, affermando che "se il Signore lo permette, lo permette per il tuo bene. Comincio a espiare qualcuno dei miei peccati", specificando però che "nulla di ciò che ho fatto è contro la legge: nelle vicende legate alla Maugeri non è stato sprecato un solo centesimo euro di patrimonio pubblico" e concludendo: "Non rifarei le vacanze ai Caraibi, che comunque mi sono pagato di tasca mia, perché non è una cosa opportuna per un politico educato a una concezione della politica che ho io".

Dal piano personale, Formigoni è quindi passato a quello politico, attaccando subito il suo ormai acclarato avversario, la Repubblica: "L'11 novembre cade il governo di Silvio Berlusconi. Immediatamente parte la parola d'ordine, un articolo sul quotidiano La Repubblica, il 20 novembre: abbattuto il governo Berlusconi, abbattuta la giunta di centrodestra di Milano, adesso bisogna abbattere la giunta di Regione Lombardia", che ha due grossi difetti, essere guidata "da un cattolico, per di più ciellino" ed "essere un governo che funziona, che potrebbe diventare un modello per un nuovo centrodestra da esportare a livello nazionale". Il governatore ha quindi concluso: "Il metodo è sempre quello. Non riuscendo a batterci per via politica, si tenta la via giudiziaria: quando si comincia a capire che anche la via giudiziaria è incerta, nonostante gli avvisi di garanzia che partono, perché non si trova il succo, si consumano tutte le cartucce nel tentare di infangare la persona e di descriverla come non è".

Formigoni parla poi del tentativo, "miseramente fallito", di rappresentarlo "abbandonato dal Popolo delle Libertà, dalla Lega Nord, dai suoi stessi amici di Comunione e Liberazione" e quindi, dopo una lunga celebrazione del modello Lombardia, chiude il suo intervento con un'ultima stoccata: "Idv, Grillo, il Fatto e la Repubblica sono il braccio armato di una fazione dei poteri italiani che mira al dissolvimento dello Stato" e "vogliono abbattere ogni esperienza di democrazia in Italia, per far prevalere gruppi di potere, armate finanziarie, gruppi mediatici: ecco perché fare politica oggi è diventato ancora più importante e necessario di ieri, per difendere in Italia il diritto a una politica fondata sulla democrazia, il diritto al dissenso, il diritto di differenziarsi dal pensiero unico. Questo è il motivo per cui continuerò a fare politica".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016