Excite

Processo breve, sì della camera al ddl

Doppia soddisfazione del guardasigilli Angelino Alfano: il Presidente Berlusconi, durante un incontro con la stampa estera, ha indicato il ministro come suo successore alla guida del Pdl per il 2013.
(© LaPresse)
I ministri Michela Brambilla e Mara Carfagna al momento del voto...
(© LaPresse)
"Questo provvedimento avrà effetti devastanti. Andranno in prescrizione 15 mila processi in più". E' quanto dichiarato da Piero Fassino (Pd) contro il ddl approvato alla Camera...
(© LaPresse)
"Questo provvedimento avrà effetti devastanti. Andranno in prescrizione 15 mila processi in più". E' quanto dichiarato da Piero Fassino (Pd) contro il ddl approvato alla Camera...
(© LaPresse)
Duro scontro tra Rosy Bindi e Fabrizio Cicchitto. Il vice Presidente della Camera ha protestato insieme all'opposizione al grido di "P2, P2", rivolto al Presidente dei deputati Pdl. Alle parole di Cicchitto: "Non ci faremo processare nelle piazze", la democratica risponde per le rime: "Leggo la biografia di Cicchitto da Wikipedia. Non è degno di citare Aldo Moro. Nessuno se ne può appropriare in maniera strumentale e indegna tantomeno se nel 1980 era iscritto alla P2"…
(© LaPresse)
Dopo il voto i deputati dipietristi innalzano in segno di protesta cartelli in cui vengono citati tutti i processi che, come previsto dall’articolo tre del ddl, avranno prescrizione breve: Rogo Thiessen, Crac Parmalat, Santa Rita, strage di Viareggio e ovviamente il processo Mills, in cui è imputato Silvio Berlusconi
(© LaPresse)
Con 314 voti a favore e 296 contro passa alla Camera il ddl sul processo breve. Il decreto “salva Premier”, che di fatto riduce i tempi della prescrizione per gli incensurati non ancora colpiti da sentenza di primo grado, nonostante le critiche e le proteste passa all’esame del Senato. Dure contestazioni da parte di tutta l’opposizione: al momento del voto, in piedi, i deputati di Pd e Idv con una mano votano e con l’altra innalzano la Costituzione
(© LaPresse)
Con 314 voti a favore e 296 contro passa alla Camera il ddl sul processo breve. Il decreto “salva Premier”, che di fatto riduce i tempi della prescrizione per gli incensurati non ancora colpiti da sentenza di primo grado, nonostante le critiche e le proteste passa all’esame del Senato. Dure contestazioni da parte di tutta l’opposizione: al momento del voto, in piedi, i deputati di Pd e Idv con una mano votano e con l’altra innalzano la Costituzione
(© LaPresse)
Con 314 voti a favore e 296 contro passa alla Camera il ddl sul processo breve. Il decreto “salva Premier”, che di fatto riduce i tempi della prescrizione per gli incensurati non ancora colpiti da sentenza di primo grado, nonostante le critiche e le proteste passa all’esame del Senato. Dure contestazioni da parte di tutta l’opposizione: al momento del voto, in piedi, i deputati di Pd e Idv con una mano votano e con l’altra innalzano la Costituzione
(© LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016