Excite

Franco Battiato licenziato da Crocetta. Anche Zichichi fuori dalla Giunta

  • Getty Images

Lo scivolone di Franco Battiato sulle "troie in Parlamento" è costato caro al musicista e cantautore: il presidente della regione Sicilia Rosario Crocetta gli ha revocato la delega di assessore al turismo nella sua Giunta. Incarico che Battiato aveva assunto non senza qualche perplessità lo scorso novembre e che si interrompe per una frase inaccettabile e denigratoria nei confronti di una delle maggiori istituzioni del Paese.

Franco Battiato: niente scuse sulle troie in Parlamento

Il governatore siciliano si era chiuso in uno strano silenzio nella giornata di ieri: lui che in genere non si è mai sottratto ai media ed è certamente tra i più presenti in tv da quando è diventato presidente, non aveva commentato nemmeno con una nota stringata il polverone sollevato da Battiato, che aveva unito destra, sinistra e centro in un coro di proteste. Ha preso le distanze pubblicamente dalla frase incriminata di Battiato solo oggi, inviando le scuse del suo governo "per le affermazioni, certamente non istituzionali ed offensive" del suo assessore: "Quando si sta nelle istituzioni si rispettano e si rispetta la dignità delle istituzioni medesime e, nel caso di Battiato sicuramente si è andati ben oltre e si è violato il principio della sacralità delle stesse - ha scritto Crocetta - Siamo orgogliosi di appartenere al popolo italiano e di avere un Parlamento l'espressione della sovranità del popolo e della partecipazione dei cittadini alla vita democratica. Quando si offende il Parlamento, si offende tutto il popolo italiano e ciò non è consentito a nessun componente delle istituzioni".

Rosario Crocetta ha poi espresso tutto il rammarico personale per l'accaduto, manifestando la sua fiducia in un Parlamento che più che mai adesso appare rinnovato: "Mi dispiace veramente molto, sono addolorato. Il Parlamento in questo momento è rappresentato da figure come Laura Boldrini e Piero Grasso, impegnati nel profondo per rinnovare il Paese e all'interno del Parlamento ci sono uomini e donneche cercano di trovare una soluzione in una fase drammatica della vita economica, politica e sociale". La prima a reagire con durezza alle parole di Battiato era stata proprio la Presidente della Camera Laura Boldrini.

Franco Battiato vs Laura Boldrini: scontro sulla frase shock

Insieme a Battiato, il presidente Crocetta ha licenziato anche lo scienziato Antonio Zichichi, già da tempo in rotta con la Giunta: "Di Zichichi non se ne poteva più, bisognava lavorare e invece lui parlava di raggi cosmici. Forse, sarebbe stato meglio utilizzarlo come esperto". La decisione di Crocetta di revocare gli incarichi è arrivata dopo la "preso atto della disponibilità degli assessori di rinunciare al loro mandato presso il governo della Regione siciliana".

Un duro colpo per Battiato. Da artista visionario, impareggiabile per creatività, a politico trombato per una gaffe imperdonabile: questa la parabola di un mito della musica italiana che non ha saputo resistere all'involgarimento che troppo spesso la politica porta con sè. A nulla sono servite le precisazioni dello stesso Battiato, che ha spiegato di riferisi "a passate stagioni parlamentari" e di avere "stima per questo Parlamento". Una rettifica in cui peraltro non ha mai pronunciato delle scuse ufficiali per quell'uscita infelice.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017