Excite

Franco Battiato, niente scuse sulle "troie in Parlamento"

  • YouTube

Bandiera bianca per Franco Battiato dopo la frase shock "in Parlamento ci sono le troie"? Neanche per sogno. L'assessore alla Cultura della Regione Sicilia non chiede venia, anzi. Intervistato dal direttore di Radio Capital, Vittorio Zucconi, il cantautore si è solo limitato a precisare: "Non era riferita alle donne, dunque non devo scusarmi. Io sono fatto così, sono libero, e Crocetta lo sa bene. Io non sono un politico. Voglio denunciare la prostituzione dei politici che si sono venduti".

Boldrini vs Battiato

Non è bastato il richiamo alla decenza del Presidente della Camera, Laura Boldrini, che in serata in Parlamento aveva risposto alle dichiarazioni di Battiato prendendo una posizione durissima. E proprio dal governatore siciliano, Rosario Crocetta, non arriva nessuna parola a commento della vicenda, al contrario tutto tace sull'argomento "troie": chi tace acconsente? Non si sa. Da tutte le parti, comunque, dai ieri sera arrivano le richieste di dimissioni di Battiato.

In ultimo stamattina il neodeputato del Pd, Michele Anzaldi, si è rivolto a Crocetta invitandolo a prendere una posizione netta: "In Europa Battiato è andato come rappresentante di una regione con una grande storia culturale. Crocetta ha il dovere di prendere inequivocabilmente posizione per tutelare l'onore di tutti i siciliani. Quanto dichiarato da Battiato mostra un elemento grave: il ruolo pieno delle donne nelle istituzioni non è un problema di numeri o quote ma di una concezione arretrata che trova spazio anche in ambienti simbolo della cultura italiana".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017