Excite

Franco Battiato vs Laura Boldrini: "Troie in Parlamento", è scontro sulla frase-shock

  • Getty Images

Franco Battiato ha sollevato un polverone con le sue dichiarazioni al Parlamento europeo: l'assessore al turismo della Regione Sicilia, componente della giunta Crocetta, si è lanciato in un duro attacco alla classe politica nazionale a margine dell'incontro su "Nuovi percorsi fra turismo e cultura in Sicilia".

Laura Boldrini presidente della Camera 2013

Una critica alle modalità di selezione dei nostri rappresentanti, molto, troppo colorita nei toni: "Ci sono troie in giro in Parlamento che farebbero di tutto, dovrebbero aprire un casino. È una cosa inaccettabile" ha dichiarato il cantautore a Bruxelles. Le parole di Battiato sono arrivate durante un commento alla delicata sitazuone politica nazionale: il cantautore non ha fiducia che il nostro Parlamento possa trovare una soluzione allo stallo politico attuale, visti i personaggi da cui è composto. Battiato ha poi aggiunto: "In Italia si sta avverando una profezia biblica: parliamo la stessa lingua ma non ci intendiamo. Ognuno è artefice del proprio destino, questa Italia così fa schifo. È inaccettabile, sono inaccettabili i loro discorsi. Servi dei servi. È l’idiozia dell’essere umano, che con 10 euro si compra un voto".

Boldrini e Grasso, stipendio ridotto del 30%: "Italia ha bisogno di risposte"

La prima reazione alle parole di Battiato è arrivata dalla neopresidente della Camera Laura Boldrini, che si è detta incredula: "Stento a credere che un uomo di cultura come Franco Battiato, peraltro impegnato ora in un'esperienza di governo in una Regione importante come la Sicilia, possa aver pronunciato parole tanto volgari".

La Presidente ha stigmatizzato le sue parole in quanto offensive delle istituzioni, invitando a non trascendere il limite della critica e a rispettare le istituzioni democratiche: "Da Presidente della Camera dei Deputati e da donna respingo nel modo più fermo l’insulto che da lui arriva alla dignità del Parlamento. Neanche il suo prestigio lo autorizza ad usare espressioni così indiscriminatamente offensive. La critica alle manchevolezze della politica e delle istituzioni può essere anche durissima, ma non deve mai superare il confine che la separa dall'oltraggio".

Anche l'europarlamentare Sonia Alfano, eletta tra gli indipendenti dell'Idv, ha condannato senza appello le parole di Battiato definendole "semplicemente inqualificabili" ed invitando l'assessore, eventualmente, a circostanziare le sue accuse "con nomi e cognomi". Inoltre, la Presidente della Commissione Antimafia Europea ha ha allargato il problema anche all'attuale esperienza politica dell'artista nella giunta siciliana: "E' inconcepibile che un rappresentante delle Istituzioni si esprima con un linguaggio così volgare e all’interno delle aule del Parlamento Europeo, che lo ha ospitato, specie se si tratta di chi ha pontificato sul proprio futuro impegno per poi abbandonare la Sicilia a sè stessa. Battiato, che oggi ha offeso tutte le donne parlamentari, me compresa, non è in grado di rappresentare nessuno. Non importa da quale parte politica provengano certe uscite, né importa a quale parte politica siano dirette. Invece di offrire precisazioni, l’assessore Battiato chieda umilmente perdono".

Le precisazioni cui fa riferimento Sonia Alfano sono quelle avanzate da Battiato poche ore dopo: "quanto detto sulle troie era rivolto al Parlamento italiano deviato" ha dichiarato il cantautore, che stasera terrà un concerto a Bruxelles.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017